--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civitella d'Agliano - Il 28 aprile saranno esposti disegni e studi dell'artista, poi l'incontro con Marco Trulli dal titolo "Monumenti all'immaginazione"

Davide Dormino: mostra personale e talk

Condividi la notizia:

Davide Dormino

Davide Dormino

Civitella d’Agliano – Riceviamo e pubblichiamo – L’associazione culturale “La Serpara” propone un nuovo evento di promozione del giardino di sculture di Paul Wiedmer con la presentazione del nuovo artista invitato a realizzare un’opera per il giardino nel 2019: Davide Dormino.

Vista l’attitudine dell’artista a realizzare sculture in contesti ambientali, Dormino è stato invitato a realizzare una nuova opera nel giardino declinando la sua poetica in relazione al contesto peculiare della Serpara. Un luogo già connotato in maniera profonda dall’intervento artistico, con la presenza di più di trenta artisti di diverse nazionalità, in cui l’intreccio tra arte e natura è fondato su un interscambio profondo e costante.

In questo senso, l’intervento di Dormino tenderà a costruire un punto di contatto tra cielo e terra, un ponte, un tentativo paradossale che riassume la sua continua ricerca di definire, attraverso la scultura, il disvelamento di potenzialità dell’immaginazione e del coraggio, di osare oltre ciò che sembra apparentemente immaginabile. La scultura diventa quindi elemento di congiunzione tra possibile e impossibile, proiezione personale e via di fuga dalle condizioni dell’esistente.

Poltergeist, progetto in via di realizzazione al giardino, sarà oggetto dell’evento del 28 aprile con una mostra di disegni e studi dell’artista e di un talk con Marco Trulli dal titolo Monumenti all’immaginazione.

Poltergeist. Appunti e studi per una scultura a La Serpara consta di una serie di disegni e bozzetti che l’artista ha realizzato per definire la realizzazione della scultura e si interroga sull’utilizzo della forma del chiodo, ricorrente nella poetica dell’artista, come elemento modulare disposto in maniera verticale, secondo un vettore ascendente che sfida la forza di gravità e che si manifesta come un effetto anomalo e improvviso, proprio come in una sorta di effetto Poltergeist.

Il chiodo è l’elemento cardine per la costruzione di aggregati, strutture e costruzioni, per questo è utilizzato dall’artista in maniera simbolica come segno che in potenza contiene una forza generante. Durante il talk Monumenti all’immaginazione l’artista, in dialogo con Marco Trulli ripercorrerà alcuni dei suoi lavori più rappresentativi, con l’obiettivo di articolare una riflessione sulle sue modalità di lavoro, sulla scultura come ad una forma di ricostruzione di immaginari, prospettive e connessioni tra il visibile e l’invisibile, costruendo nuovi paesaggi del possibile e del pensabile.

L’opera verrà inaugurata nell’ambito dell’evento che ogni anno si tiene al giardino La Serpara in coincidenza con la Pentecoste, quindi l’8 e 9 giugno.

Associazione culturale La Serpara


Condividi la notizia:
15 aprile, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR