--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Mammagialla - E' stata fermata dalla penitenziaria con 0,18 grammi di eroina e 5 compresse di "suboxone" - E' l'eroina dei poveri spacciata dai pusher della capitale

Droga low cost in carcere, a processo moglie di detenuto

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Viterbo - Il carcere Mammagialla

Viterbo – Il carcere Mammagialla

Viterbo – (sil.co.) – Droga low cost in carcere, a processo per spaccio moglie di detenuto.

Nel maggio 2017, la donna è stata intercetta dalla polizia penitenziaria mentre cercava di entrare a Mammagialla con 0,18 grammi di eroina e 5 compresse di “suboxone”, la droga dei poveri in quanto spacciata low cost dai pusher che la vendono al posto della coca e dell’eroina. 

La donna, accusata di detenzione ai fini di spaccio, aggravato dal fatto di essere avvenuto nella casa circondariale, ieri è stata rinviata a giudizio dal gup Francesco Rigato. Sarà processata davanti al collegio presieduto dal giudice Gaetano Mautone il prossimo 12 giugno. 

Il Suboxone è un medicinale, che può essere ottenuto soltanto con una speciale prescrizione medica, usato dai tossicodipendenti che hanno accettato di farsi curare al posto degli oppioidi che assumono normalmente, somministrato a pazienti già seguiti da un punto di vista medico, sociale e psicologico.

Frequenti, nella capitale, i sequestri di pasticche di Suboxone, ma anche di altri psicofarmaci, tipo Ritrovil e Contramal, ormai spacciati dai pusher come droghe qualsiasi. Low cost perché costano molto meno della coca o dell’eroina. Low cost e facilmente reperibili, smerciate soprattutto tra gli extracomunitari e i senzatetto che gravitano intorno alla stazione Termini e all’Esquilino.

Associati all’alcol, presi in dosi massicce o mixati con altre sostanze hanno effetti devastanti, simili all’eroina. 

Era stata stordita dal Rivotril, ad esempio, la sedicenne Desirée Mariottini, drogata, violentata e lasciata morire, a ottobre, nello stabile abbandonato di via dei Lucani a San Lorenzo. 

 


Condividi la notizia:
5 aprile, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR