--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Non è bastato all'imputato dire: "Ho dovuto, perché mio figlio stava facendo i capricci"

Evade dai domiciliari per un gelato, condannato a un anno e mezzo

Condividi la notizia:

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

Viterbo – Evade dai domiciliari, lui dice per comprare il gelato al figlioletto che faceva i capricci, condannato a un anno e mezzo. Per la precisione a un anno, cinque mesi e dieci giorni.

Era  poco prima delle cinque di un pomeriggio d’estate quando l’imputato, agli arresti domiciliari coi permessi lavorativi dalle ore 16 alle ore 18, fu fermato dai carabinieri in giro per Viterbo. 

L’uomo, imputato di evasione davanti al giudice Silvia Mattei, si è difeso sostenendo di avere dovuto accompagnare il figlioletto a prendere il gelato, altrimenti avrebbe continuato a fare i capricci per tutta la giornata. Una giornata di metà luglio che per l’uomo è finita con l’arresto.

Nei giorni scorsi è stato condannato a un anno, cinque mesi e dieci giorni di reclusione dal tribunale di Viterbo. 

 


Condividi la notizia:
21 aprile, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR