--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Mobbing all'Ater - Parla il primo teste della vittima Angela Birindelli - L'ex direttore generale si difende, rilasciando spontanee dichiarazioni

“Facevo troppe domande e Ugo Gigli mi “suggerì” di dimettermi dopo appena tre giorni”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Ugo Gigli

Ugo Gigli

L'ex assessore regionale Angela Birindelli in procura per l'interrogatorio

Angela Birindelli

Viterbo – Processo Gigli-Birindelli, accuse di “gestione personalistica dell’azienda” nei confronti dell’ex direttore generale dell’Ater.

Le ha sollevate il primo testimone di parte di parte civile, un ex direttore di area tecnica rimasto in carica soltanto tre giorni, dal 9 all’11 luglio 2012, quando sarebbe stato invitato a dimettersi da Gigli in persona. E’ stato citato dalla difesa di Angela Birindelli, presunta vittima di Ugo Gigli al rientro in azienda dopo le dimissioni della giunta Polverini.

E’ ripreso così, ieri, davanti al collegio presieduto dal giudice Gaetano Mautone, il processo per demansionamento e mobbing all’Ater a carico di Ugo Gigli, difeso dall’avvocato Roberto Massatani. Parti civili l’ingegnere ed ex assessore regionale Angela Birindelli, l’ex presidente dell’ente Maria Gabriela Grassini e lo stesso Ater, che è anche responsabile civile. 

Gigli è accusato di falso, diffamazione, soppressione di documenti, calunnia e abuso d’ufficio. Una dipendente del solo reato di abuso d’ufficio.

L’ago della bilancia, sentiti gli ultimi testimoni dell’accusa, sembrava pendere a favore di Gigli. Una dipendente dell’Ater ha detto che la Birindelli al suo rientro dalla Regione, seppure in un’altra stanza perché la sua era stata occupata, avrebbe continuato a lavorare e frequentato un corso di progettazione. Una dipendente del Comune di Bolsena, invece, ha parlato di due fotocopie della presunta autorizzazione a un incarico esterno, ma non avrebbe visto l’originale. 

Poi però è stato il turno dell’ingegnere Giuseppe Tubolino e la musica è cambiata. Non ha parlato dei rapporti tra Gigli e la Birindelli, ma di sé e Gigli, descritto come una persona autoritaria e che gestiva in maniera personalistica l’ente.

Assunto il 9 luglio 2012, l’11 luglio sarebbe stato spinto dallo stesso Gigli alle dimissioni. 

“Non mi ha minacciato espressamente, anzi me lo ha suggerito gentilmente, dicendo che avevo commesso dei fatti gravi e che sei mesi di prova, durante i quali poteva succedere di tutto, erano lunghi”, ha esordito il teste. 

“Dopo appena due giorni, non c’era fiducia nel mio operato. Qualunque cosa io facessi o dicessi veniva riportata a Gigli e per lui era un’ingerenza. Il primo giorno avevo chiesto del patrimonio immobiliare, il secondo giorno mi convocò per dirmi che sarebbe stato lui a dire quando. Lo stesso giorno, davanti al distributore del caffè, chiesi ingenuamente a una dipendente come fosse la situazione delle morosità. Non ero ancora giunto nel mio ufficio, che Gigli già lo aveva saputo”, ha proseguito.

“Il terzo giorno mi ha convocato, dicendo che facevo troppe domande, che il personale era in subbuglio, che io ero abituato a Roma e mi suggerì le dimissioni. Penso avesse una gestione molto personalistica dell’azienda. E comunque c’era un clima in cui non potevo lavorare serenamente, per cui mi dimisi”, ha concluso Tubolino.

Il teste è parte offesa in un altro procedimento a carico di Ugo Gigli, come gli ha fatto notare il difensore Massatani, ricordando che, nonostante l’input alle dimissioni, un anno dopo, nel 2013, l’ingegnere aveva contattato Gigli per sapere se ci fosse un posto a  chiamata diretta, visto che nel frattempo le Ater del Lazio erano state commissariate e sarebbe stato possibile. 

Il resto lo ha fatto lo stesso Gigli, rilasciando spontanee dichiarazioni.

“Mi meraviglia – ha detto l”ex direttore generale – che Tubolino mi abbia denunciato due anni dopo le dimissioni. Lo assunsi io, perché ero presidente della commissione e lui era rimasto disoccupato dopo la scadenza del contratto che aveva con l’Ater di Roma. L’ho ripreso perché aveva fatto una riunione senza i geometri. Lui mi disse che le riunioni le faceva solo con i laureati. Allora gli feci presente che a Roma erano 500 dipendenti, a Viterbo invece solo una ventina e ci voleva tatto”.

“Non stiamo a fare politica”, ha detto a fine udienza il difensore Massatani, rinunciando a una lunga sfilza di testi indicati dal suo predecessore, tra i quali Daniele Sabatini, Enrico Panunzi, Antonello Aurigemma.

Sono invece state dichiarate utilizzabili le dichiarazioni rilasciate in aula il 13 dicembre 2016 dal consigliere regionale del Lazio, Fabio Refrigeri.

Si torna in aula il 17 luglio. 

Silvana Cortignani

 


Condividi la notizia:
18 aprile, 2019

Birindelli contro Gigli ... Gli articoli

  1. Mobbing alle case popolari, Angela Birindelli non è più parte civile contro Ugo Gigli
  2. Mobbing all’Ater, prosegue la girandola di difensori per Ugo Gigli
  3. "I lavori di Birindelli autorizzati da Gigli"
  4. Licenziamento Birindelli, anche per la corte d'appello è "illegittimo"
  5. Mobbing all'Ater, torna a testimoniare la vittima Angela Birindelli
  6. Birindelli vs Gigli, nuovo processo per l'ex direttore Ater
  7. Ater, è guerra legale sul reintegro di Angela Birindelli
  8. "Angela Birindelli non andava licenziata"
  9. "Vittima di una mattanza politica che mi ha frantumata"
  10. "Licenziamento illegittimo, Angela Birindelli va subito reintegrata"
  11. Birindelli contro Gigli, secondo round
  12. "All'Ater è un inferno, spostatemi al Genio Civile"
  13. "Quella firma serviva solo per le lettere agli utenti"
  14. "Da Gigli solo ritorsioni politiche"
  15. Birindelli contro Gigli, parte il processo
  16. Ater, processo bloccato in partenza
  17. Ater, almeno 50 testimoni da ascoltare
  18. "Ugo Gigli paghi danni morali e materiali"
  19. Ugo Gigli rinviato a giudizio
  20. Gigli - Birindelli, atti alla procura generale della Cassazione
  21. La Cassazione: "Gigli sarà giudicato a Viterbo"
  22. “Firme scansionate? Ce ne sono cinquemila...”
  23. Firme della discordia, la perizia dà ragione a Gigli
  24. Ugo Gigli ripudia il tribunale
  25. Birindelli contro Gigli, tra le prove anche delle registrazioni audio
  26. "Sono diventato un capomafia e non me ne sono accorto..."
  27. "Io mi ritengo ancora un dirigente"
  28. Gigli-Birindelli, stop all'udienza preliminare
  29. Gigli contro Birindelli, via all'udienza preliminare
  30. "Un'imputazione ridicola"
  31. Interrogatorio per Ugo Gigli
  32. Ugo Gigli denuncia il pm Renzo Petroselli
  33. Gigli-Birindelli, il gip chiede l'astensione
  34. Perizia sulle firme ed è già scontro frontale
  35. Incidente probatorio sulle firme della discordia
  36. Ater, Gigli: "Al mio posto do fastidio"
  37. "Spero che Ugo Gigli paghi tutti i danni morali e materiali..."
  38. Angela Birindelli licenziata dall'Ater
  39. Chiusa l'indagine su Ugo Gigli
  40. "Nessun clima di terrore all'Ater"
  41. "Storace mi ha offeso e l'ho denunciato di nuovo"
  42. "Ater Viterbo, partono i controlli della Regione"
  43. "Un regista occulto contro di me"
  44. "Mi ha dato della stronza sindacalista e non solo..."
  45. Birindelli no comment, Grassini: "Quale calunnia?"
  46. "Se Gigli va in pensione è cosa buona e giusta"
  47. Ugo Gigli denuncia Storace e attacca: "La solita macchina del fango..."
  48. Birindelli contro Gigli, è guerra nel centrodestra
  49. "Storace si accanisce contro un impiegato..."
  50. "Una vicenda squallida, che non doveva andare sui giornali"
  51. Birindelli contro Gigli, blitz della finanza all'Ater
  52. Birindelli ascoltata come parte offesa
  53. "Gigli mi perseguita"
  54. Ater, Birindelli denunciata da Ugo Gigli
  55. Contestazione disciplinare all'ex assessora Birindelli
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR