--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Don Elio Forti ieri sera ha presentato lo spettacolo teatrale e la sfilata di moda all'oratorio di Santa Maria della Verità - Tra i protagonisti lo stilista Nosa venuto in Italia dalla Nigeria su un barcone - FOTO E VIDEO

“Frammenti di vita per riuscire a stare insieme…”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – Frammenti e abiti di un mondo nuovo che si affacciano sul terzo decennio del secolo in corso. Ieri, nell’oratorio della chiesa di Santa Maria della Verità di don Elio Forti, a Viterbo. Alle sette della sera con l’acqua che, fuori la porta della parrocchia, viene giù a dirotto. Senza tuttavia impedire lo spettacolo che, invece, uno ha avuto di fronte. Per assistere e vedere “tanti frammenti – ha detto don Elio – che diventano un puzzle dove i pezzi si collegano gli uni con gli altri, dove c’è gioia e condivisione. Frammenti di una vita che trova il modo di saper stare insieme”.

“Frammenti”, come l’opera teatrale presentata nella palestra dell’oratorio. Abiti, come quelli dello stilista Nosa, sfilati anch’essi in palestra subito dopo.


Viterbo - Don Elio Forti

Viterbo – Don Elio Forti (al centro)


La serata è stata organizzata dalla parrocchia di Santa Maria della Verità assieme alla cooperativa Medihospes e all’associazione Artestudio. Un centinaio almeno le persone presenti.


Multimedia – Fotogallery: Lo spettacolo teatraleGli abiti di Nosa – Video: Frammenti e abiti di un mondo nuovo


Tra i protagonisti anche Delvin Nosakhare Ekhator, in arte Nosa. Stilista ventunenne che ieri ha presentato la sua collezione. Una cinquantina di abiti in tutto. Interpretati da ospiti e operatori del Cas, centro di accoglienza straordinaria, di Viterbo.

“Un modo di ringraziare Viterbo per tutto l’aiuto – ha spiegato Nosa – Ma devo ringraziare anche Dio per l’opportunità che mi ha offerto nella vita. Una vita che non è facile”.


Viterbo - Lo stilista Nosa

Viterbo – Lo stilista Nosa


Nosa viene dalla Nigeria. Per mesi è stato in Libia. “Prima sotto un ponte – ha raccontato in un articolo pubblicato da Tusciaweb – poi in una piccola camera dove non c’era nulla, nemmeno il letto. Infine in una prigione”. Nosa ha attraversato il deserto e il Mediterraneo. È in Italia dal 2016 ed è un richiedente asilo, ospite del centro d’accoglienza straordinaria al Balletti Palace Hotel di viale Trento. 

Abiti che hanno subito attirato l’attenzione di chi era presente. Tant’è che qualcuno li ha già prenotati. Qualcun altro aspetta invece di vedere le foto per farsi un’idea. Tutti si domandavano comunque da dove provenissero le stoffe e se gli abiti erano stati fatti a Viterbo oppure altrove.


Viterbo - Mario David di Medihospes

Viterbo – Mario David di Medihospes


Da un lato la sfilata, dall’altro, a precederla, lo spettacolo “Frammenti”, firmato dalla cooperativa Medihospes di Mario David e dall’associazione Artestudio di Marco Paparella.


Viterbo - Un abito di Nosa

Viterbo – Un abito di Nosa


“Frammenti è un laboratorio teatrale – ha spiegato Paparella -, una prova aperta, ossia un momento in cui lo spettacolo non ha ancora tutta la sua ampiezza narrativa. Una storia che non è fatta solo di parole ma di movimenti. Un incontro per abbattere le barriere linguistiche. Un evento che somiglia a una partita di calcio dove l’azione si porta avanti insieme”.


Viterbo - Marco Paparella di Artestudio

Viterbo – Marco Paparella di Artestudio


“L’obiettivo della nostra cooperativa – ha poi aggiunto David – è questo, stare insieme, perché siamo tutti uomini e donne, tutti figli di Dio”. “Una comunità che accoglie – ha concluso infine don Elio – e cerca di camminare nella direzione giusta”.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
12 aprile, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  2. Le porte della città vanno di male in peggio...
  3. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  4. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  5. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  6. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  7. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  8. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  9. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  10. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  11. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  12. "Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone"
  13. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  14. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  15. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  16. Benvenuti nella savana
  17. "E' un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile"
  18. "La comunità islamica è parte integrante della nostra società"
  19. La battaglia di Ferento
  20. Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono
  21. La città invasa dall'erba...
  22. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  23. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  24. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  25. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  26. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  27. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  28. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  29. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  30. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  31. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  32. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  33. "Il tempo com'è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella..."
  34. La "faccia" sporca della città
  35. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  36. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  37. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  38. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  39. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR