--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Macchina del fango - Deposizione fiume del senatore di Forza Italia vittima, secondo la procura, di "un'orchestrata campagna stampa con un movente intimidatorio"

Gianlorenzo diceva a Battistoni: “Spero ti venga un cancro…”

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Francesco Battistoni in tribunale

Tribunale – Francesco Battistoni 

Paolo Gianlorenzo

Tribunale – Paolo Gianlorenzo

Evandro Ceccarelli in tribunale

Tribunale – Evandro Ceccarelli

Viterbo – “Non fui ricandidato alla Regione come consigliere uscente, fui candidato alle politiche ma senza la possibilità di essere eletto, fui talmente screditato politicamente che all’interno dell’allora Pdl non ero più visto di buon occhio”. Una parabola discendente durata tre anni per l’attuale senatore di Forza Italia Francesco Battistoni.

Frutto, secondo l’accusa, della macchina del fango messa in moto nei suoi confronti dai quotidiani diretti fino al 2012 dal giornalista Paolo Gianlorenzo.

Con la complicità, sempre secondo l’accusa, dell’allora assessore regionale all’agricoltura Angela Birindelli, avversaria dentro la stessa coalizione di centrodestra di Battistoni. Pronta a finanziare il quotidiano a bassa tiratura l’Opinione di Viterbo con 18mila euro per pubblicizzare le attività dell’assessorato, consapevole che in cambio il giornale avrebbe continuato ad attaccare la vittima designata. 

Ieri Battistoni, che si è costituito parte civile, è stato sentito come parte offesa al processo scaturito dalla maxinchiesta “IV Potere” del pm Massimiliano Siddi.


“Spero che ti venga un cancro”

“Gianlorenzo usava per me e la Birindelli due linee editoriali opposte. Tanto lei era brava, quanto io ero incapace. L’intento era indebolirmi e farmi fuori dall’attività politica”, ha spiegato Battistoni, ricordando i tanti procedimenti per diffamazione intentati contro il giornalista. 

Lungo l’elenco dei danni al personaggio pubblico, prodotto dai quotidiani attacchi a mezzo stampa, che avrebbero colpito duramente anche la sfera personale.

“Gianlorenzo mi disse frasi come ‘spero che ti venga un cancro, ti scanno come un maiale, ti distruggo, ti ammazzo’“, ha riferito al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei il senatore. 

“Contro di me ha dato vita a una campagna mediatica distruttiva. Qualunque cosa io facessi, venivo denigrato. Mi si raffigurava con immagini ridicole. Probabilmente davo fastidio. Durante una riunione di redazione, insieme a Piero Camilli, venni indicato da Gianlorenzo come uno dei due nemici da abbattere”.

“In occasione di un torneo sportivo alla Mazzetta, Gianlorenzo mi disse ‘spero che tu muoia’. Poi ci fu il messaggio per cui l’ho denunciato”, ha ricordato il senatore, difeso dall’avvocato Enrico Valentini. 

C’era scritto: “Ti prego. Ti supplico. Ti imploro. Chiama Genova e digli di non pubblicare le intercettazioni che riguardano te, Angelucci, il tuo amico… Sono sconvolto al solo pensiero di poterle vedere riportate su un quotidiano. Saluti cari e grazie di qnt riuscirai a fare. Paolo’”.

“Manfredi Genova era il suo editore, per cui lo intesi come una minaccia. Mi faceva credere di essere in possesso di intercettazioni scottanti, tipo Asl, che lui poteva pubblicare. Era come se mi dicesse ‘ chiama Genova e digli di non pubblicare’. Il movente poteva essere il fatto che io, all’epoca presidente della commissione agricoltura, avevo fatto notare agli uffici regionali la non opportunità della determina con cui si davano 18mila euro per la pubblicità delle attività dell’assessorato a un giornale che vendeva pochissime copie sul territorio”, ha spiegato. 


“Non volevo avere a che fare con complotti, licenziai Gianlorenzo”

Il finanziamento regionale da 18mila euro alla Alto Lazio News finì in un nulla di fatto, mentre Battistoni chiamò in effetti Manfredi Genova.

Gli girò il messaggio del suo direttore e l’editore, sentito anche lui come testimone, non la prese bene. “Mi sono molto alterato e chiesi le dimissioni di Gianlorenzo”, ha detto. D’accordo con gli altri finanziatori, licenziò Gianlorenzo, assunto grazie alle referenze del padre, anche lui giornalista.

L’avvocato Carlo Taormina, che difende Gianlorenzo gli ha chiesto se l’sms sia stato la miccia, se il licenziamento sia avvenuto su pressione di Battistoni.  

“Convocai Gianlorenzo, ma non fu un licenziamento in tronco. Fu un insieme di fattori che ci convinse ad allontanarlo. Era venuta meno la fiducia, noi avevamo con Arturo Diaconale un progetto di ampio respiro, su Viterbo, Civitavecchia e Terni. Quando ho sentito aria di un complotto contro Battistoni ho preso le distanze. Non volevamo spinte politiche, né in un senso, né nell’altro”, ha spiegato Genova, ginecologo e imprenditore nella sanità privata. 

Gianlorenzo non la prese bene e se la prese con Battistoni. “Sarai contento che non sono più direttore… come ho già detto ad altri, è meglio morire di cancro che avere un nemico come me… e come mi capita l’occasione, se ti posso fare del male, ti farò del male”, sarebbero state le conseguenti minacce. 

Ma se la sarebbe presa anche con l’editore. “Avevo preso parte a un bando regionale per la tenuta di Montebello, sembrava cosa fatta, invece la pratica fu bloccata con una motivazione formale secondo me pretestuosa. Seppi che c’era stata una ‘telefonata’. Ipotizzai dentro di me una bocciatura politica. Siccome Gianlorenzo vantava entrature all’assessorato all’agricoltura ed era stato licenziato, feci due più due. Non posso dirlo con certezza, ma vidi un nesso tra l’sms di Battistoni e la vicenda”. 

“Battistoni ha fatto cacciare Gianlorenzo”, per il professor Taormina, secondo cui al politico sarebbe bastata una telefonata all’editore per ottenere il licenziamento dello scomodo giornalista. E’ andato oltre l’altro difensore, Franco Taurchini. “L’estorsione non è avvenuta da parte di Gianlorenzo, semmai il contrario”, ha detto, facendo infuriare l’avvocato di parte civile Valentini, mentre il pm Siddi ha riportato integralmente la frase al collegio, sottolineandone la portata.

Per la procura dietro gli attacchi di Gianlorenzo c’era un’orchestrata campagna stampa con un movente intimidatorio. 


“Una sfida che porterà sangue”

Tra i testimoni un collega di Gianlorenzo, Evandro Ceccarelli, direttore all’epoca della testata concorrente del Nuovo Corriere Viterbese, cui l’imputato scriveva: “La riconoscenza di aver trattato con i guanti bianchi il tuo ‘editore’ è stata ripagata alla grande con una sfida che porterà sangue. Ho da scrivere molto sia su Angelucci che su Battistoni. Roba della procura ovviamente. Ti ringrazio per averti offerto qst opportunità nn pensavo davvero che il principe di Proceno esercitasse il potere su di voi in modo così netto. Ciao”.

Ovviamente il “principe di Proceno” è Battistoni, originario del piccolo borgo dell’Alta Tuscia.

“Avevamo linee politiche diverse, non gradiva che dessimo spazio a Battistoni”, ha spiegato Ceccarelli, incalzato dal pubblico ministero Siddi. Il 9 marzo 2012 gli chiese un incontro, che non ci fu: “Voleva forse parlarmi di Battistoni e della vicenda Asl, in cui era coinvolto anche il mio editore. Credo fosse uno dei suoi tentativi di indurmi a scrivere ciò che lui voleva. Faceva intendere che noi potevamo andarci di mezzo”.

Il 19 aprile ci fu un incontro al bar Kansas di via Piave, che si trovava sotto le rispettive redazioni: “Può essere che tentasse di ingerirsi nella linea editoriale. Diceva cose molto cervellotiche. ‘Ora vedrai, sono cazzi vostri e di Angelucci’, mi disse in riferimento al fatto che ci aveva pagato gli stipendi, mentre secondo lui non avrebbe potuto farlo. ”Ricordate, io sto sotto, ma entro fine mese chiuderete anche voi’, aggiunse”, ha proseguito il teste.

Frasi che lasciano il tempo che trovano, per Ceccarelli: “Gianlorenzo ce l’aveva sempre con Battistoni, il risentimento era evidente”, la conclusione.


Maxiprocesso per otto imputati

Otto gli imputati per i due filoni, macchina del fango e Vinitaly. Oltre al cronista Paolo Gianlorenzo, la collaboratrice Viviana Tartaglini, l’ex assessore regionale all’agricoltura Angela Birindelli, l’ex patron della Viterbese calcio e imprenditore Giuseppe Fiaschetti, l’impiegato dell’agenzia delle entrate Luciano Rossini, l’ex dipendente della Asl, Sara Bracoloni, l’ex direttore dell’assessorato all’agricoltura Roberto Ottaviani e l’ex commissario straordinario dell’Arsial Erder Mazzocchi. Sono accusati, a vario titolo, di tentata estorsione, tentata concussione, corruzione, minacce, peculato, abuso d’ufficio, appropriazione indebita, rivelazione di segreti d’ufficio, soppressione di atti, sostituzione di persona e detenzione di arma.

Il processo riprenderà l’8 ottobre, quando saranno sentiti altri dieci testimoni dell’accusa.

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
24 aprile, 2019

Tentata estorsione, indagati due giornalisti ... Gli articoli

  1. Camilli: "Dopo il no all'impianto a biomasse degli editori di Gianlorenzo, partì la macchina del fango"
  2. "Francesco Battistoni andava ridimensionato politicamente"
  3. "Macchina del fango, ecco come funzionava il metodo Ciarrapico"
  4. Assolta la giornalista accusata di aver truccato l'esame da professionista
  5. “Per pagare il padiglione, Birindelli chiese di tagliare gli stipendi all’Arsial”
  6. "Un tirapugni sempre in bella vista sulla scrivania..."
  7. “In tutte le redazioni le prove da professionista si scrivono a quattro mani”
  8. Macchina del fango, sfilano i primi testimoni dell'accusa
  9. "Droga, prostituzione e sesso a tre", era solo buona e doverosa cronaca
  10. "Il giornale di Paolo Gianlorenzo navigava in pessime acque"
  11. Macchina del fango, il giornalista Camilli parte civile
  12. "Così inviai l'articolo a Tartaglini..."
  13. Macchina del fango, slitta il maxiprocesso
  14. Macchina del fango, sarà maxi processo
  15. Macchina del fango & Vinitaly, tutti a processo
  16. Birindelli pronta all'interrogatorio
  17. Macchina del fango e fatture false, udienza preliminare
  18. "A me la tentata estorsione? E allora a Marchionne?"
  19. Macchina del fango - Vinitaly, si comincia
  20. "Sono un fascista del ventennio"
  21. Gianlorenzo al giornalista Bertazzoni: "Sei un comunista schifoso"
  22. Esame truccato, giornalista rinviata a giudizio
  23. Macchina del fango-Vinitaly, un altro stop
  24. Battistoni annuncia: Un libro sui veleni in Regione
  25. "L'avvocato della Birindelli è incompatibile"
  26. Vinitaly-macchina del fango, sarà subito rinvio
  27. Regione parte civile, Zingaretti ci pensa
  28. "Questa signora nemmeno la conoscevo..."
  29. "Non voglio una lira, solo la condanna"
  30. "Dietro la macchina del fango grosse responsabilità politiche"
  31. Macchina del fango - Vinitaly, quindici parti offese
  32. Macchina del fango-Vinitaly, a giugno l'udienza preliminare
  33. Stalking a mezzo stampa, chiesta l'archiviazione per Gianlorenzo
  34. Vinitaly-macchina del fango, otto richieste di rinvio a giudizio
  35. Inchiesta Vinitaly, fuori Giulio Marini
  36. Gianlorenzo denunciato per stalking a mezzo stampa
  37. Macchina del fango, ascoltato Aloisio
  38. "Somma non c'entra nulla ed ha spiegato al pm perché"
  39. Inchiesta Birindelli & c., in arrivo le richieste di rinvio a giudizio
  40. Vinitaly, Marini ascoltato per cinque ore dal pm
  41. Gianlorenzo usava il nome del prestanome di Ciarrapico
  42. Un quotidiano da 600 copie...
  43. "Gli dissi di non costringermi a chiamare i carabinieri..."
  44. "Se ci indagano dopo cinque minuti siamo a Mammagialla..."
  45. Il metodo Ciarrapico contro Angelucci e Camilli
  46. Vinitaly, i vertici di Verona Fiere: "Clima di assedio"
  47. Parli con Battistoni? Niente fondi per l'ascensore...
  48. "Mi sono rotta i coglioni del pecorino romano"
  49. "Sono un soldato, eseguo ordini"
  50. "Dobbiamo fare squadra contro Aloisio"
  51. "A me spaventa 'sto tizio"
  52. Gianlorenzo-Marini, c'eravamo tanto amati...
  53. Gianlorenzo indagato per sfruttamento della prostituzione
  54. Ma fare opposizione vuol dire "rompere i coglioni"?
  55. "Deve morì", "Te l'ammazzamo, dai..."
  56. Marini: Il finanziamento al giornale di Gianlorenzo inopportuno e fuori mercato
  57. "Non ho espresso solidarietà a Gianlorenzo"
  58. "Mai soli in redazione, per paura di ritorsioni"
  59. Senatore Sposetti, perché non risponde?
  60. Metodo Ciarrapico: "uccidere" e trattare
  61. 20mila euro a "Sapere sapori" per sabotare la protesta dei produttori di kiwi
  62. Che c'azzecca Gianlorenzo con Sposetti?
  63. "Domani scoppia Battistoni"
  64. "Questi devono fa' quello che dico io..."
  65. Droga, prostituzione e sesso a tre nelle carte dell'inchiesta
  66. La rete degli informatori al setaccio della Procura
  67. Birindelli pensa anche alla moglie di Gianlorenzo
  68. "E' meglio morire di cancro che avere un nemico come me"
  69. La saga Vinitaly e gli ordini dell'assessora
  70. "Inchieste giornalistiche" per avere un posto di lavoro
  71. Macchina del fango, chiusa l'inchiesta
  72. Tentata concussione, indagato Giuseppe Fiaschetti
  73. Macchina del fango, ascoltato come testimone Roberto Angelucci
  74. Inchiesta Birindelli, gli investigatori tornano a Verona
  75. Birindelli: “Fiducia piena nella magistratura”
  76. Sette ore di interrogatorio per Angela Birindelli
  77. Interrogatorio fiume per Angela Birindelli
  78. Semmai è Bigiotti che è stato mazzolato...
  79. Bigiotti: Non ho chiesto la testa di Bizzarri
  80. Mazzocchi per sei ore in procura
  81. Dirigente regionale ascoltato per sei ore
  82. Macchina del fango, dissequestrati i pc di Gianlorenzo
  83. Macchina del fango, ascoltato Selvaggini
  84. Vinitaly, intercettazioni al vaglio della procura
  85. “Come fa l’ex assessore a usare uomini e mezzi della Regione?”
  86. "Vinitaly, il Pd non fece niente di diverso"
  87. "Ho avuto occasione di fare chiarezza"
  88. Sindaco indagato, Birindelli: "Sono profondamente ferita"
  89. Diddi: Infondate le notizie apparse sui giornali
  90. Angela Birindelli rassegna le dimissioni
  91. Marini: "Mi sono tolto un dente"
  92. Birindelli smentisce l'Ansa: Mai indagata per turbativa d'asta
  93. Inchiesta Birindelli, indagato il sindaco Marini
  94. La Polverini ha la memoria corta e... dimentica l'indagine sulla Birindelli
  95. Birindelli smentisce interrogatorio in Procura
  96. Perquisita la redazione di Gianlorenzo
  97. Caso Birindelli, ancora tre mesi d'inchiesta
  98. Corruzione Birindelli, no al dissequestro documenti
  99. Caso Birindelli, tre nuovi indagati
  100. "Ma quale violazione di segreto d'ufficio?"
  101. Macchina del fango, tre nuovi indagati
  102. "Stand Vinitaly, affidamento secondo le regole"
  103. Polverini per due ore davanti ai magistrati
  104. Polverini ascoltata in Procura
  105. Vinitaly Lazio, quali ditte hanno gestito il padiglione?
  106. Caso Birindelli, si indaga sullo stand Lazio al Vinitaly
  107. Acquisiti nuovi documenti nel Nord Italia
  108. Sopralluogo negli uffici viterbesi dell'assessorato all'Agricoltura
  109. Tartaglini, i giudici prendono tempo
  110. "Non ha senso parlare di dimissioni"
  111. Un tirapugni in redazione
  112. "Avvelenata la vita democratica"
  113. "Controlli incrociati sui fondi dell'Ue"
  114. Un fiume di denaro sotto la lente della Procura
  115. Inchiesta Birindelli & Co., nuovo blitz in Regione
  116. Chi vuole uccidere Descartes?
  117. Sequestro computer, la difesa rinuncia al riesame
  118. "Piano di sviluppo rurale, al centro dell'attenzione"
  119. E spunta pure un esame truccato da giornalista professionista
  120. Soldi in cambio di manganellate mediatiche
  121. "Solidarietà a Battistoni"
  122. Dossier contro Battistoni, sentito Zoroddu
  123. Centrale a biomasse, sequestrati i documenti in Provincia
  124. Dossier contro Battistoni? Non ne so nulla
  125. Lo stato di diritto e... le manganellature mediatiche
  126. Minacce anche via sms
  127. Possibile interrogatorio per la Birindelli
  128. Abbiamo preso un buco...
  129. "Un grigio sistema inquinato di alleanze e potere"
  130. Marini: "Le accuse vanno provate"
  131. Rimpasto in giunta regionale più lontano
  132. Birindelli indagata, l'Ansa arriva dopo due giorni
  133. La Birindelli indagata per corruzione finisce sul Corriere della sera
  134. Una slavina sui piani alti della politica
  135. Birindelli: "Certa di poter dimostrare la mia totale estraneità"
  136. Concorso in tentata estorsione e corruzione, indagata Birindelli
  137. Tentata estorsione, un nuovo avviso di garanzia
  138. "Un bandito lo so' sempre stato, ma me so' sempre trattenuto..."
  139. "Quello me lo mangio come una caramella"
  140. Spuntano anche i reati di truffa e falso
  141. Piero Camilli? "L'ammazzasse qualcuno..."
  142. "Se si accerteranno reati, non stamperemo più quel giornale"
  143. Tentata estorsione, indagati due giornalisti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR