Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Questa mattina nella chiesa di San Sisto i funerali di Delfino, il detenuto ucciso nel carcere di Mammagialla il 30 marzo - Il saluto di don Ivo

“Giovanni è chiamato alla vita che non muore”

Condividi la notizia:

Viterbo - I funerali di Giovanni Delfino

Viterbo – I funerali di Giovanni Delfino

Viterbo - I funerali di Giovanni Delfino

Viterbo – I funerali di Giovanni Delfino

Viterbo - I funerali di Giovanni Delfino

Viterbo – I funerali di Giovanni Delfino

Viterbo - I funerali di Giovanni Delfino

Viterbo – I funerali di Giovanni Delfino

Viterbo – “Giovanni è chiamato alla vita che non muore. Non più sofferenza, non più angoscia, non più paura. Che il signore lo accolga nella gioia del Paradiso”. Il saluto di don Ivo a Giovanni Delfino morto il 30 marzo nel carcere di Mammagialla a Viterbo.

Delfino sarebbe stato ucciso colpito da uno sgabello dal compagno di cella Sing Khajan, il 34enne indiano accusato dell’omicidio.

I funerali sono stati celebrati questa mattina nella chiesa di San Sisto, appena entrata Porta romana, ingresso a sud della città di Viterbo.

Poche parole durante l’omelia di don Ivo. A ricordare la prossima Pasqua, di cui Delfino è parte. “Per Giovanni – ha detto il sacerdote dall’altare in cima alla scalinata della chiesa – è la Pasqua di resurrezione, la Pasqua di Giovanni. La vita non è tolta, la vita è trasformata“.

In chiesa amici e familiari. Accanto a Giovanni il figlio Maurizio, la mano sulla bara del padre per tutta la durata del funerale.

Giovanni Delfino, viterbese, era detenuto da fine agosto per tre reati commessi anni fa. Una pena di un anno e mezzo, che avrebbe scontato ai domiciliari. Se avesse avuto una casa. Ma Giovanni Delfino, 61 anni, una casa non ce l’aveva. Dopo aver interrotto i rapporti con la famiglia, andava a mangiare alla Caritas, chiedeva l’elemosina e frequentava il Sert.


Condividi la notizia:
3 aprile, 2019

Omicidio a Mammagialla ... Gli articoli

  1. "Se la perizia dirà che l'assassino è un pazzo, vogliamo sapere perché stava in cella con Delfino"
  2. "L'assassino di nostro padre avrebbe dovuto trovarsi in cella d'isolamento"
  3. Uccise il compagno di cella a Mammagialla, collegio di periti per stabilire se è sano di mente
  4. Ucciso in carcere da un detenuto, denunciati direttore e comandante della penitenziaria
  5. "L'ho ammazzato perché non voleva darmi l'accendino"
  6. Omicidio a Mammagialla, manca l'interprete di punjabi stop al processo
  7. Omicidio a Mammagialla, davanti ai giudici il killer di Giovanni Delfino
  8. Detenuto viterbese ucciso a Mammagialla, giudizio immediato per l'omicida
  9. Uccise il compagno di cella, trasferito a Rebibbia in attesa del processo
  10. "Omicidio a Mammagialla, quella sera solo due agenti per 300 detenuti"
  11. "La violenza in carcere non si risolve con la riapertura dei manicomi criminali"
  12. "E' partita la caccia alle streghe contro la penitenziaria"
  13. Convalidato l'arresto dell'omicida, domani i funerali di Giovanni Delfino
  14. "Aveva scelto lui di andare in carcere, per levarsi dalla strada e avere un tetto sulla testa"
  15. Tentò di uccidere il convivente a coltellate
  16. "Stavamo litigando su cosa guardare in tv e l'ho ucciso"
  17. "Va ricostruita la dinamica per valutare eventuali responsabilità del personale"
  18. "L'ho colpito con lo sgabello e l'ho ucciso"
  19. "Omicidio a Mammagialla, basta detenuti psichiatrici in celle comuni"
  20. "Omicidio a Mammagialla, riaprite gli ospedali psichiatrici giudiziari"
  21. Detenuto colpisce con lo sgabello il compagno di cella e lo uccide

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR