Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Incentivi ad affitti e imprese, decoro e sicurezza, non si salva un emendamento al bilancio - Va tutto bene così

Il centro storico muore e la maggioranza boccia tutte le proposte dell’opposizione

di Giuseppe Ferlicca
Condividi la notizia:

Viterbo - Il consiglio comunale

Viterbo – Il consiglio comunale

Viterbo - Il consiglio comunale

Viterbo – Il consiglio comunale

Viterbo - Il consiglio comunale - La maggioranza

Viterbo – Il consiglio comunale – La maggioranza

Viterbo – Rilancio del centro storico, se ne riparla la prossima volta.

Maggioranza insensibile alle sollecitazioni, il bilancio di previsione 2019 è stato approvato, ma nemmeno uno degli emendamenti proposti dall’opposizione per valorizzare la città dentro le mura è passato.

Tutti finiti sotto la scure del centrodestra. E al momento, senza reali controproposte. Rilancio rimandato a chissà quando.

Così, niente da fare per i contributi affitto per chi dovesse decidere di tornare a vivere in centro. Per invertire una tendenza, provare a bloccare l’emorragia di residenti, Alvaro Ricci (Pd) e Giacomo Barelli (Viva Viterbo) avevano trovato, fra le pieghe del bilancio, 50mila euro, destinati alla riduzione d’un terzo del canone. Respinto al mittente.

Per non parlare delle attività nel cuore della città. Ormai è una vera e propria moria di negozi che abbassano le saracinesche, intere vie trasformate in deserti, eppure il centrodestra non ha ritenuto necessario stanziare una somma anche modesta, cinquantamila euro, per chi dovesse decidere di trasferire le attività in centro.

Poco c’entra che i due consiglieri siano d’opposizione. Pure chi in maggioranza c’era fino poco tempo fa ha subito la stessa sorte.

Fabrizio Purchiaroni, ex FI ora nel gruppo misto, si è visto uno a uno cassare i suoi tredici emendamenti. Eppure, prevedevano incentivi da destinare a nuovi residenti nei centri storici di Viterbo, San Martino al Cimino, Bagnaia e Roccalvecce.

Forse la maggioranza non ama la confusione e preferisce l’attuale calma piatta. E gradisce pure l’incuria che regna sovrana, se è vero che è stata respinta anche la proposta per eliminare tubazioni e cavi elettrici, oltre alla sistemazione di facciate, creando un capitolo apposito in bilancio. Di zero euro. Proposta respinta.

Stessa sorte per il sostegno alle attività produttive, un contributo a fondo perduto per incentivare la apertura d’esercizi, con l’obiettivo di ripopolare i centri urbani e offrire maggiori servizi ai turisti. Manco per sogno. Evidentemente va tutto bene così com’è.

Neppure un tema caro al centrodestra, la sicurezza, ha avuto successo. Stroncato pure l’emendamento di Purchiaroni per vigilanza urbana e controlli ambientali. Ovvero, turni serali e notturni per vigili urbani, ma anche attività legate a viabilità e sosta. Ce ne sarebbe bisogno. Lo dicono tutti. A parole si fa presto. Infatti la maggioranza ha bocciato pure questo.

Giuseppe Ferlicca


Articoli: “Un bilancio che non fa sognare ma è un punto di partenza” – “Un bilancio deludente, vuoto e senza idee” – Arena: “Un bilancio sano, trasparente e abbiamo rispettato gli equilibri” –  Torre civica di piazza del comune visitabile, stanziati 300mila euro – Erbetti: “La torre verrà ristrutturata e sarà visitabile grazie a M5s”


Condividi la notizia:
22 aprile, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR