--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Incontro a palazzo Chigi tra il presidente della commissione europea e il presidente del consiglio

Juncker a Conte: “Economia in regresso, l’Italia deve fare di più”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Giuseppe Conte e Jean Claude Juncker

Giuseppe Conte e Jean Claude Juncker

Giuseppe Conte e Jean Claude Juncker

Giuseppe Conte e Jean Claude Juncker

Roma – Emerge preoccupazione per l’economia italiana nell’incontro a palazzo Chigi fra il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, e il presidente del consiglio Giuseppe Conte.

“Sono leggermente preoccupato per il fatto che l’economia italiana continui a regredire e auspico che le autorità italiane facciano sforzi supplementari per mantenere in vita la crescita italiana”. Così Jean Claude Juncker alla fine dell’incontro a palazzo Chigi.

“Abbiamo parlato del Def. L’impalcatura fiscale non cambia rispetto allo scenario concordato lo scorso dicembre – ha replicato Giuseppe Conte –. Il rallentamento viene riconosciuto come transitorio dalle regole europee”.

Juncker, dopo la risposta di Conte ha abbassato i toni: “Tra Italia e commissione Ue è grande amore, con tutti i ministri italiani”.

Conte ha anche spiegato che “il governo aveva previsto il rallentamento del debito pubblico per questo ha elaborato una manovra che vuole perseguire una politica espansiva, ma responsabile, approvando misure di cui il paese necessitava da troppi anni per ristabilire equità sociale”.

Poi l’appuntamento “in settimana per approvare il decreto crescita con misure in grado dare impulso a crescita e effettiva e potenziale”.

Un passaggio anche sulla Tav con il presidente del Consiglio che spiega che “in Italia è in corso riflessione supplementare” e Junker che aggiunge che “i ministri di Italia e Francia parleranno tra loro e poi con la commissaria Ue per vedere quale soluzione si può trovare. Lascio alla cura di francesi e italiani trovare un accordo”.


Condividi la notizia:
2 aprile, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR