Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Lo ha detto Ivan Grazini, commissario straordinario dell'azienda territoriale per l'edilizia residenziale - Patrimonio, canoni, occupazioni e affitti non pagati - Tutto quello che c'è da sapere sulle case popolari gestite dalla regione Lazio nella Tuscia

“L’Ater è un’azienda sull’orlo del collasso”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo – “Un’azienda sull’orlo del collasso”, così l’ha definita Ivan Grazini. La prima è l’Ater Viterbo, l’azienda territoriale per l’edilizia residenziale, case popolari, il secondo è il commissario straordinario che la dirige. 

Nel suo ufficio in via Garbini ci sono anche Fabrizio Urbani, Roberto Rondelli e Antonio Iezzi. Rispettivamente direttore generale, responsabile e addetto all’ufficio utenza. Insieme raccontano come funziona l’azienda. Alloggi, occupazioni, affitti e crediti che forse non verranno mai riscossi.


Multimedia – Fotogallery: Gli alloggi popolari del comune in via dei Pellegrini– La vita di Cesare RomanoVivere senza luce né acqua al Serpentone – Video: Vivere senza acqua, bagno e riscaldamento  – A Bagnaia, senza luce e acqua


Un patrimonio immobiliare che sul mercato privato potrebbe valere 18 milioni e mezzo di affitti l’anno. L’Ater fattura invece 3 milioni e mezzo di euro, sempre di affitti, di cui 950 mila euro non vengono pagati. Ogni anno. E probabilmente non lo verranno mai. Perché si tratta di case occupate. Centocinquanta in tutta la provincia, su 4400 unità residenziali.

“Lo Iacp – racconta Grazini – un tempo l’Ater quando non era ancora azienda si chiamava così, veniva aiutato dalla Regione Lazio che ne ripiantava di volta in volta i bilanci. Una vera e propria ancòra di salvezza. Da quando è diventata azienda e quest’ancòra non c’è più, le Ater sono andate in sofferenza. E questo soprattutto perché i canoni di affitto, irrisori, non sono stati più modificati. Sono fermi al 1984. Per fortuna nella Tuscia abbiamo a disposizione anche 1600 unità commerciali, vale a dire garage, magazzini, negozi. Da questi riusciamo a incassare tra i duemila e tremila euro al mese. Molti sono su Viterbo. Ad esempio il supermercato in via Marconi. Se non ci fossero i canoni commerciali l’Ater avrebbe già chiuso”. I locali commerciali affittati dall’Ater sono attualmente 435.


Viterbo - Il commissario Ater Ivan Grazini assieme a Fabrizio Urbani, Roberto Rondelli, Antonio Iezzi

Viterbo – Il commissario Ater Ivan Grazini assieme a Fabrizio Urbani, Roberto Rondelli, Antonio Iezzi


Il patrimonio immobiliare. L’Ater Viterbo conta circa 4400 alloggi di edilizia residenziale che ospitano quasi 14 mila persone. Milleduecento case popolari si trovano a Viterbo. Le zone sono quelle del Carmine, Pilastro, Santa Barbara, Paradiso, Capretta, Salamaro, Bagnaia, San Martino, Roccalvecce, La Quercia. Si tratta soprattutto di appartamenti all’interno di palazzi. Gli occupanti abusivi, nel capoluogo, sono in tutto una cinquantina. Le case popolari nel resto della provincia sono invece 3200. Prevalentemente villette a schiera con giardino. Nella Tuscia, esclusa Viterbo, gli occupanti sono complessivamente un centinaio.

In tutto il Lazio, come riporta il sito internet della Regione (dati 2015), le abitazioni gestite dall’Ater sono 83 mila e “rappresentano circa il 3% del patrimonio alloggiativo complessivo nella regione (comprese le seconde case), quindi nella locazione residenziale, una abitazione ogni cinque è gestita dalle Ater”. Il 57% degli immobili si trova nella capitale (47 mila abitazioni), il 13% in provincia di Roma. Il rimanente nel resto del Lazio. 

Gli appartamenti Ater sono infatti così distribuiti. In ordine. Comune di Roma (47.714 unità abitative pari al 57,15% del totale), provincia di Roma (10.863, 13,01%), provincia di Latina (8302, 9,92%), Frosinone (7137, 8,76%), Viterbo (4122, 4,94%), comprensorio di Civitavecchia (2772, 3,32%) e Rieti (2428, 2,91%).

“Dalle attività di screening delle banche dati ricevute dalle Ater – spiega il sito della Regione Lazio – si riscontra che il quadro riferito all’età del costruito è perlopiù stato realizzato tra gli anni ’60 e la metà degli anni 80 (40%). Solo il 3% dopo il 2000”. Per l’esattezza, il 12% degli appartamenti è stato costruito prima della seconda guerra mondiale, il 21% tra il 1946 e il 1960, il 42% tra il 1961 e il 1985, il 22% tra il 1986 e il 2000 e il 3% tra il 2001 e il 2014.

Per quanto riguarda infine l’anagrafe del patrimonio immobiliare Ater, nelle case popolari della regione abitano in tutto 200.000 persone di cui solo un 5% di cittadinanza non italiana. La composizione dei nuclei familiari presenti è poi rappresentata per il 37% da una persona ultra settantenne, per il 30% da una famiglia di due persone, per il 23% da disabili e per il 6% da più di 4 persone. In media vivono 2,35 persone per alloggio.


Viterbo - Il presidente dell'Ater Ivan Grazini

Viterbo – Il commissario dell’Ater Ivan Grazini


Come vengono assegnate le case popolari dell’Ater. “Le case popolari – spiegano i dirigenti dell’Ater Viterbo – vengono assegnate tramite un’unica graduatoria comunale. La graduatoria Erp, edilizia residenziale pubblica. Il comune assegna poi la tipologia in base alla superficie. Fino a 45 metri quadrati, fino a 60, 75 e da 75 metri in su. Le metrature vanno a seconda del nucleo familiare ed è l’inquilino che sceglie fra gli appartamenti disponibili in base alla tipologia assegnata. Una volta assegnato l’alloggio, l’inquilino assegnatario fa un giro, vede quelli disponibili a seconda della tipologia assegnata e fa la sua scelta”. Le utenze (luce, gas, ecc.) sono tutte a nome dell’inquilino. 

C’è quindi una graduatoria Erp gestita dal comune. Le case tuttavia non vengono assegnate sulla base della posizione, pura e semplice, in graduatoria. Ciò che conta è la tipologia di casa in quel momento disponibile. 

“Le metrature – continuano i dirigenti Ater – vanno a seconda del nucleo familiare. E questo già crea un problema. Se un nucleo familiare composto da una sola persona è primo in graduatoria, ma la casa disponibile è di 85 metri quadrati, non sarà lui a prenderla ma il primo nucleo familiare in graduatoria che ha cinque persone o più. Quindi, magari il cinquecentesimo in graduatoria prende casa e i primi 150 no. Ad esempio, i primi centoventi in graduatoria sono nuclei familiari composti da uno o due persone. Attualmente nella Tuscia ci sono 800 nuclei familiari in graduatoria. Per nucleo familiare si intende anche una famiglia composta da una sola persona”.


Viterbo - Il "serpentone" di Bagnaia

Viterbo – Case popolari Ater a Bagnaia


I canoni d’affitto. “L’Ater è un’azienda – dice subito Grazini – e un’azienda produce qualcosa. L’Ater produce canoni, ma questi canoni sono irrisori. Dal 1984 non sono stati più modificati”. Ogni anno l’Ater Viterbo fattura 3 milioni e mezzo di euro di canoni d’affitto. Circa 950 mila euro sono però crediti che probabilmente non discuterà mai, perché si tratta di appartamenti occupati, dove l’affitto non viene pagato. Quindi, dati alla mano, ogni anno, al netto di tutto, l’Ater viterbese può contare su 2 milioni e mezzo di euro derivanti dai canoni d’affitto delle case popolari. A questi vanno aggiunti i 470 mila euro che entrano in cassa grazie all’affitto di 435 locali commerciali. Dunque l’incasso reale dell’Ater non è di 3 milioni 970 mila euro ogni anno, ma di 3 milioni tondi tondi. Perché ci sono sempre i 950 mila euro non incassati dagli alloggi occupati.

Con gli incassi l’Ater deve poi fare fronte alle spese di gestione dell’azienda. “L’Ater di Viterbo – ha già raccontato Grazini in un suo intervento sulle pagine di questa testata – spende ogni anno circa 550 mila euro in manutenzione, con una media di oltre 120 interventi. L’Ater ha poi costi di personale, che attualmente è sotto organico di ben 8 unità, che si aggirano, contributi inclusi, attorno ai 2.250.000 euro”. Ci sono inoltre “250.000-300.000 euro di tasse e imposte (Imu, Tasi, ecc.), e costi di gestione e struttura dell’ordine dei 250.000 euro all’anno”.

Quanto incassa in media l’Ater ogni mese? Oltre 2700 persone (67,5% dell’intera utenza) pagano in media 33 euro ogni mese. Spacchettando il dato, 1180 persone pagano 7,75 euro al mese, 562 versano 28 euro, 180 49 euro, 156 59 euro e 641 persone 72 euro. Poco più di mille persone (26%) pagano in media 105 euro al mese e 177 persone (4,4%) 376 euro ogni 30 giorni. In media, da tutte le case popolari a disposizione l’Ater ricava tra i 67 e i 69 euro al mese di canone.

Immaginando che le case Ater fossero sul mercato privato e calcolando un canone mensile medio di 350 euro per ciascun appartamento (in tutto sono 4400, nel 2015 erano poco più di 4100), l’azienda incasserebbe ogni mese oltre un milione e mezzo di euro, fatturando ogni anno non 3 milioni e mezzo, bensì 18 milioni e 400 mila euro.

“Irrisori”, per dirla con Grazini, sono anche i canoni derivanti mensilmente dai locali. Da 358 “garage” l’Ater tira fuori ogni mese 35 euro. Da 77 locali commerciali porta a casa 343 euro. Mediamente, ogni mese, da 435 locali commerciali l’Ater guadagna 90 euro di canone.

I 950 mila euro non pagati. “L’Ater – commentano Grazini e i dirigenti dell’azienda – fattura ogni anno 3 milioni e mezzo di canoni, ma 950 mila euro non vengono pagati. Chi non paga, al 90%, sono gli occupanti senza titolo. Ma quando si è occupanti senza titolo, per legge, i canoni applicati sono molto più elevati perché si tratta di canoni sanzionatori. Quindi dobbiamo in qualche modo iperfatturare mettendo anche questo canone sanzionatorio che ci gonfia i bilanci, perché esponiamo dei crediti importanti che probabilmente non verranno mai pagati. Viviamo quindi questo fenomeno, fatturati importanti ma inesigibili”. 

“In questi anni – sottolineano i dirigenti – abbiamo stretto la cinghia e siamo arrivati al pareggio di bilancio. Tagliando tutto quello che era possibile tagliare. Non abbiamo assunto per anni, abbiamo tagliato il personale e investito su chi è rimasto. Abbiamo anche fatto attività imprenditoriale con la progettazione. Il tutto con mille difficoltà”.


Viterbo - Le case popolari del Pilastro

Viterbo – Le case popolari del Pilastro


La vendita degli alloggi. L’Ater può vendere le case popolari, seguendo però delle procedure particolari. “Abbiamo fatto un importante piano di vendita – commentano Grazini e dirigenti Ater -. Per legge, però, non possiamo vendere più del 30% del patrimonio. Attualmente abbiamo un pacchetto di 750 alloggi proposti alla vendita. Con una risposta che si aggira attorno al 20%”.

I prezzi alla vendita sono decisamente agevolati. “Per una casa di 70 metri quadrati al massimo si spendono 40 mila euro”. Di fatto 571 euro al metro quadrato a fronte dei 1300 euro del mercato privato. “Possiamo tuttavia venderla soltanto agli inquilini. Se l’inquilino non la vuole acquistare non la possiamo mettere in alcun modo sul mercato privato, perché si tratta di garantire un diritto”.

Ciononostante, “le persone – sottolineano i dirigenti dell’azienda – non hanno nessun interesse a comprare, questo perché il canone è molto basso, e se i requisiti non cambiano, una casa può passare anche ai figli, a patto che questi rientrino nelle graduatorie Erp”. In sintesi, perché una persona dovrebbe spendere 40 mila euro quando paga invece un affitto di 7 euro e mezzo al mese?

“Infatti le case vengono comprate soprattutto da persone anziane, che ci tengono ad avere una casa, oppure da genitori che poi la lasciano a figli che non hanno più diritto a stare nelle graduatorie Erp”.

Daniele Camilli


Articoli: “Via dei Pellegrini, il comune non ha fatto i lavori e non ha regolarizzato gli assegnatari – Quel pasticciaccio brutto di via dei Pellegrini – “Vivo in uno standone del comune senza acqua, bagno e riscaldamento” – “L’illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto” – Al “serpentone” di Bagnaia senza luce né acqua


Condividi la notizia:
8 aprile, 2019

Reportage ... Gli articoli

  1. La guerra fredda sui muri della città dei papi
  2. A chi conviene la trasversale?
  3. "Fabrizio Frizzi aveva il dono di saper abbracciare"
  4. La costituzione che il liceo classico ha dimenticato
  5. Il sole bacia la fiera dell'Annunziata
  6. "Giochiamo a cricket a Valle Faul per fare una cosa diversa nella vita"
  7. Riello, come nascondere la polvere sotto il tappeto
  8. "La ringraziamo a nome di tutta quanta la Chiesa"
  9. "Torneranno a cacciarci con la polizia..."
  10. "Terme ex Inps, sono stati già dati 20 mila euro per individuare l'advisor"
  11. "Case popolari, chiediamo di restare e pagare l'affitto in base al reddito"
  12. "Terme ex Inps, prima di chiuderle le hanno ristrutturate"
  13. "Quota 100 crea problemi senza risolverli"
  14. Pranzo del Purgatorio, oltre 500 anni di solidarietà e beneficienza
  15. Carnevale 2019, vince il Regno di madre natura
  16. "Via dei Pellegrini, gli alloggi verranno sistemati entro maggio"
  17. Le Terme ex Inps saccheggiate, devastate e abitate
  18. Parcheggio selvaggio in tutto il centro storico
  19. "Via dei Pellegrini, il comune non ha fatto i lavori e non ha regolarizzato gli assegnatari"
  20. Alieu Jallow torna in Gambia
  21. Viterbo saluta don Angelo Gargiuli
  22. Il Carnevale va a gonfie vele...
  23. Un uragano di carri, maschere e colori...
  24. Quel pasticciaccio brutto di via dei Pellegrini
  25. "Vivo in uno stanzone del comune senza acqua, bagno e riscaldamento..."
  26. Carri, gruppi mascherati e mille scintillanti colori
  27. La città che non vuole la mafia scende in piazza...
  28. "Il decreto sicurezza somiglia alle leggi razziali volute dal fascismo"
  29. "Pronti a stanziare le risorse necessarie per la bonifica della discarica del Cinelli"
  30. Il Riello nel degrado
  31. "L'illegalità non può avere la precedenza, entro tre mesi avvieremo le procedure di sfratto"
  32. "Chi nega le foibe è un imbecille, un delinquente e un birbaccione..."
  33. Al "serpentone" di Bagnaia senza luce né acqua
  34. Addio al fiume fantasma che attraversa Viterbo...
  35. Riparata la recinzione del "Colosseo", ora è severamente vietato entrare
  36. Strade colabrodo ovunque
  37. "Appena abbiamo iniziato a costruirlo, le donne lo hanno subito presidiato"
  38. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  39. "Una festa per tutelare i diritti degli animali"
  40. il ricordo della sterminio degli ebrei è cosa viva anche nella Tuscia
  41. Cani e gatti contro il bullismo
  42. "Centro di ascolto, mensa e dormitorio Caritas aperti tutto il giorno"
  43. "Tutto perfetto, operativi e in allerta 24 ore su 24"
  44. I rifiuti al Riello rischiano di invadere la strada
  45. "I Pokemon Go c'hanno fatto impazzire, i ragazzi li cercavano sui binari"
  46. Quanto tempo ci vuole per riavere casa?
  47. Il collasso del centro storico
  48. Alieu Jallow tornerà in Gambia
  49. "A Mammagialla è difficile applicare pure le punizioni"
  50. Il focarone fa risplendere Bagnaia
  51. "Rischiamo la rivolta dei detenuti o un'evasione"
  52. "Piazza della Rocca, San Faustino e la Trinità vanno recuperate e valorizzate"
  53. Al Pilastro una partita di calcio contro il razzismo...
  54. "Il cortile di San Carluccio doveva essere una casa albergo per persone in difficoltà"
  55. "Un centro studi per indagare gli aspetti meno conosciuti del lavoro di Pier Paolo"
  56. La vergogna cittadina degli affreschi distrutti in via Annio e via Saffi
  57. Ventidue milioni di turisti rinunciano alla Tuscia
  58. "E' stato un padre e un fratello, l'amico del cuore"
  59. "Hai sempre cercato di disegnare un sorriso sui nostri volti"
  60. "Befane di tutta Italia unitevi..."
  61. Pienone per la calza della befana più lunga del mondo
  62. Luminaria, suggestioni poetiche nel segno del dialogo e dell’integrazione
  63. "Civita e Bagnoregio diventeranno lo snodo turistico e viario di tutta la Tuscia"
  64. Happy New Year
  65. "Chiesa San Lazzaro: reperite le risorse per il tetto, e affidati i lavori"
  66. Chiesa di San Lazzaro, dopo tre mesi il comune non ha fatto nulla
  67. "Vivo. Vivo? Respiro! Qui è pieno de topi..."
  68. "È una città che ha poca attenzione per il suo patrimonio culturale"
  69. Lago di Vico, nessuna contaminazione dovuta all'arsenico
  70. "Consiglio a tutti di visitarla, noi abbiamo deciso di passarci il Natale"
  71. La Teverina diventerà il paese delle fiabe d'Europa
  72. "Anpi, il prefetto Bruno doveva partecipare all'inaugurazione della sede"
  73. Due quintali di solidarietà per il Campo delle rose
  74. La banda della Polizia e la Croce Rossa incantano l'Unione
  75. "Provocazione fascista contro la sede dell'Anpi"
  76. "Un'aggressione mediatica senza precedenti"
  77. Un borgo dipinto a Bagnoregio e una flotta di bus turistici per collegare tutta la Tuscia
  78. Scontri, barricate, pallottole di gomma... è la battaglia di Parigi
  79. I sogni dei bambini nelle letterine a Babbo Natale...
  80. Cinelli, il telo della discarica verrà riparato e il sito bonificato
  81. I pericoli del "Colosseo", dove i ragazzi rischiano la vita
  82. "Trasformare lo studio di Pier Paolo in casa vacanze sarebbe solo uno sfregio"
  83. La Torre di Pier Paolo Pasolini rischia di diventare una casa vacanze
  84. "Pier Paolo passò qui il suo ultimo capodanno, con Bertolucci e Taviani"
  85. L'umidità sta divorando gli affreschi di Vanni al cimitero di San Lazzaro
  86. Nel cuore del rave, tra sballo, peace e love
  87. Discarica del Cinelli, l'inchiesta di Tusciaweb finisce su Rai News
  88. "Rifiuti pericolosi a Cinelli, si intervenga al più presto"
  89. La discarica di Cinelli vista dal drone
  90. Discarica del Cinelli, dieci regioni e 29 province coinvolte
  91. Oltre 140 mila tonnellate di rifiuti pericolosi
  92. Discarica del Cinelli, una bomba ecologica che rischia di esplodere
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR