Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sutri - Il Movimento popolare attacca

“Ritardo dell’approvazione del bilancio, un fallimento dell’amministrazione”

Condividi la notizia:

Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi

Sutri – Riceviamo e pubblichiamo – Il 16 aprile 2019 doveva essere il giorno dell’inaugurazione della nuova mostra a Palazzo Doebbing come annunciato dal sindaco di Sutri sui giornali e nei due consigli comunali convocati appositamente per questo… e invece?

Il 14 aprile 2019 tutti i vasi del centro storico dovevano essere eliminati come da ordinanza sindacale n°8/2019…e invece?


Il 17 aprile 2019 l’amministrazione, con a capo Sgarbi, avrebbe dovuto già approvare il bilancio di previsione 2019-2021…e invece?

Le porte di Palazzo Doebbing sono rimaste chiuse perché nessun gestore è stato individuato attraverso la gara d’appalto pubblica. Il sindaco aveva dichiarato più volte che una mostra come quella che si sarebbe dovuta inaugurare a Sutri, il 16 aprile, non è mai stata allestita né a Parigi (Louvre) né a Roma.

Si pensava di ricevere centinaia di offerte da operatori economici nazionali ed internazionali per gestire questa mostra…e invece?

Ancora parole, promesse e aspettative che non hanno trovato riscontro nella realtà dei fatti, 
almeno fino ad oggi.

Priva di senso è stata l’ordinanza emessa dal primo cittadino di Sutri che, per motivi igienico sanitari, obbligava tutti gli abitanti del centro storico a eliminare i vasi – di ogni tipo – 
dalle pubbliche piazze e dalle vie: un delirio scemato in un mese.

A oggi l’ordinanza scaduta non ha trovato nessun riscontro oggettivo nella realtà: tutti i vasi sono lì, insieme a quelli di Deruta 
- non gratuiti – con i ciclamini che ormai sono passati a miglior vita.

Il fallimento di un’amministrazione che si concretizza con il ritardo dell’approvazione del bilancio per il quale il prefetto di Viterbo, ha già provveduto alla giusta diffida del Comune di Sutri.


A nostro modo di vedere, per tempo dovevano essere approvate dalla giunta le tariffe e tutti gli atti fondamentali per la stesura del bilancio preventivo.

L’operato della giunta, con il beneplacito del sindaco e soprattutto dell’assessore al bilancio Stefano Proietti, ha messo in seria difficoltà gli uffici comunali, costretti ad una forsennata corsa contro il tempo per la “stesura” del bilancio e la divulgazione degli appropriati documenti.

Il ritardo è quindi da imputare solo e soltanto alla politica, a tutti gli amministratori di maggioranza e non di certo ai responsabili e ai dipendenti comunali.

L’assessore Proietti, lo stesso vicesindaco, nonché i consiglieri del gruppo “Rinascimento” avrebbero dovuto interessarsi alla scadenza del bilancio fissata per il 31 marzo, invece di caldeggiare le convocazioni di ben 2 consigli comunali – in 14 giorni – per ascoltare le comunicazioni del sindaco.

Il problema a Sutri è quindi politico: gli amministratori guidati da Vittorio Sgarbi, gli eventi li subiscono, non li gestiscono.

La seconda mostra a Palazzo Doebbing verrà (sicuramente) inaugurata, anche se al momento il nostro comune è in “gestione provvisoria” a causa della mancata approvazione del bilancio che è una priorità: piaccia o non piaccia al primo cittadino.

E’ l’ennesimo segnale di un decadimento piuttosto che di un rinascimento.
 Il consigliere Alessio Vettori doveva essere messo nelle condizioni di poter svolgere il suo mandato elettorale. E’ notizia di ieri che è stato concesso un ulteriore lasso di tempo – così come chiedeva Vettori – per poter analizzare e visionare tutta la relativa documentazione necessaria al fine di poter discutere il bilancio di previsione 2019-2021.

Siamo per il rispetto delle regole; la politica deve sempre “mettere in condizione” gli uffici di lavorare nel migliore dei modi e per tempo; le prerogative dei consiglieri non possono essere ritardate dall’azione politica di maggioranza.

Movimento popolare di Sutri


Condividi la notizia:
18 aprile, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR