Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - I dati di Uecoop - Italia nella top ten mondiale per il carburante con il prezzo più alto

Scatta il caro benzina, a Pasqua il pieno costerà agli italiani 390 milioni

Condividi la notizia:

Benzina

Benzina

Roma – Scatta il caro benzina per la Pasqua, il pieno costerà agli italiani 390 milioni.

Il costo della benzina aumenta di un centesimo a litro. A ridosso della Pasqua, del 25 aprile e del 1 maggio il caro benzina potrebbe pesare sulle tasche degli italiani che magari hanno scelto di viaggiare in automobile per le festività. 

Il pieno in auto potrebbe costare fino a quasi 390 milioni di euro.

A diffondere i dati è Uecoop, l’Unione europea delle cooperative. “Negli ultimi 20 anni – spiega Uecoop – i prezzi della benzina sono cresciuti del 75,9%, il diesel ha registrato un +47,7% e il Gpl +49,9%”.

In generale ad emergere è il fatto che “la spesa per i carburanti ha pesanti ripercussioni sui bilanci delle famiglie e delle imprese con l’Italia, che è nella top ten mondiale per il carburante più costoso”.

Uecoop  spiega inoltre: “Un rifornimento self service oggi costa 1,611 euro al litro per la benzina e 1,503 euro al litro per il diesel, ma ovviamente si tratta di valori medi mentre sul territorio nazionale ci sono prezzi superiori anche di diversi centesimi al litro a seconda che si vada in una stazione servita oppure che si faccia il pieno in autostrada con picchi di 1,741 euro al litro per la benzina e di 1,636 sul diesel”.

Infine a pesare complessivamente sulla spesa degli italiani per il pieno sono anche le tasse. “Nell’ultimo anno hanno inciso per il 63% sul prezzo al dettaglio della benzina e per il 59,5% per quello del gasolio – aggiunge Uecoop – in pratica ogni volta che un automobilista si ferma alla stazione di servizio per un pieno da 55 litri lo stato si mette in tasca oltre 48 euro sul diesel e più di 55 euro sulla benzina, fra accise e Iva”. 


Condividi la notizia:
19 aprile, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR