Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Fotonotizia - Sport - Dopo l'uscita dalla Champions in paese appaiono i manifesti funebri bianconeri: "Non fiori ma donazioni per comprare arbitri anche in Europa"

Sfottò tra tifosi, Gallese celebra il “funerale” della Juventus

Condividi la notizia:

Schermata-2019-04-18-alle-14.12.21

Gallese – (s.s.) – Il calcio è passione ma anche goliardia. E quando si parla di Juventus, in particolar modo, i tifosi avversari non perdonano.

Ne sanno qualcosa i supporter bianconeri di Gallese, che ieri mattina sulle plance del piccolo comune viterbese hanno trovato affissi i manifesti funebri della loro squadra.

L’ennesima uscita dalla Champions league, stavolta per mano dell’Ajax, ha scatenato gli sfottò dell’universo anti-juventino, tanto da trasformare la cittadina a 30 chilometri da Viterbo nel luogo di celebrazione del “funerale” della Juventus.

“16 aprile 2019 – si legge nel manifesto, datato alla partita di Torino -. Improvvisamente e in maniera del tutto inaspettata, sotto i colpi di una banda di irrispettosi ragazzotti olandesi, è venuta a mancare la Juventus Fc. Ne danno il triste annuncio i milioni di Gobbi che a settembre, con l’aquisto di CR7, erano convinti che questo sarebbe stato l’anno del loro tanto atteso triplete. Il rito funebre si celebrerà in forma privata in tutte le famiuglie di fede bianconera. Non fiori ma donazioni per comprare arbitri anche in Europa“.

Il bello del calcio è anche questo. Specialmente per chi in questo caso non tifa Juventus.

Samuele Sansonetti


 


Condividi la notizia:
19 aprile, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR