Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montalto di Castro - Abbandonata nei fondali, metteva a rischio la navigazione - All'intervento, in località Murelle, hanno collaborato anche due associazioni di immersione

Sub notano una lunga rete da pesca in mare, la Guardia costiera la rimuove

Condividi la notizia:

Montalto di Castro - L'intervento della Guardia costiera in località Murelle

Montalto di Castro – L’intervento della Guardia costiera in località Murelle

Guardia costiera

Guardia costiera

Montalto di Castro – Sub notano una lunga rete da pesca in mare, la Guardia costiera la rimuove.

La capitaneria di porto di Civitavecchia è intervenuta per la salvaguardia e la protezione dell’ambiente marino costiero e della sicurezza in mare.

La capitaneria di porto di Civitavecchia e la delegazione di spiaggia di Montalto di Castro, nel progetto Settimana blu sul rispetto del mare e sulla diffusione dei valori connessi a un uso corretto del mare, hanno rimosso una lunga rete da pesca pericolosa per la sicurezza della navigazione, in località Murelle a Montalto di Castro.

L’intervento, che si inquadra nelle attività del corpo delle capitanerie di porto – Guardia costiera di prevenzione e protezione dell’ambiente marino e di repressione dei comportamenti illeciti a danno dell’ambiente e delle risorse biologiche in tutti gli ambiti marittimi e costieri, è avvenuto dopo la segnalazione del centro diving “Subacquei Montalto”, che durante un’immersione aveva notato la presenza della rete abbandonata nei fondali marini e ne ha segnalato la presenza alla delegazione di spiaggia di Montalto di Castro.

Da qui si sono messe in atto tutte le misure per rimuovere la rete di considerevoli dimensioni. Dopo attente valutazioni, grazie anche all’intervento e alla collaborazione delle associazioni diving “Subacquei Montalto” e “Assopaguro”, intervenute con otto subacquei e tre mezzi nautici, l’operazione di recupero ambientale si è svolta con successo. 

Tutte le fasi dell’attività sono state coordinate e supervisionate dalla Guardia costiera, intervenuta con il mezzo nautico Gc A89.

Grazie al buon esito dell’operazione, alla perizia e alla delicatezza dei sub intervenuti, è stato possibile ristabilire l’integrità del fondale marino e preservarne la bellezza.


Condividi la notizia:
14 aprile, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR