Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Orte - L'opposizione (Idee chiare) attacca: "Non si fa nulla per evitarlo" - La replica dell'assessore Bacchiocchi (FdI): "Noi sempre contrari alla privatizzazione, il Pd no"

Talete, in comune è scontro sul commissariamento

Condividi la notizia:

Diego Bacchiocchi

Diego Bacchiocchi

Dino Primieri

Dino Primieri

Orte – Ennesimo capitolo della questione Talete a Orte.

L’assessore ai Lavori pubblici Diego Bacchiocchi e lo schieramento d’opposizione Idee chiare si scontrano senza giri di parole sull’imminente commissariamento del comune per l’ingresso nella partecipata per la gestione dell’acqua.

Tutto nasce dal comunicato di qualche giorno fa di Fratelli d’Italia Orte, di cui Bacchiocchi è il principale referente, che si scagliava contro la decisione della giunta regionale di “decretare la nomina del commissario ad acta” per i comuni viterbesi inadempienti all’ingresso in Talete. Un atto che, diceva il comunicato, “conferma la distanza del Pd dai problemi reali dei cittadini e la dice lunga sui suoi reali interessi”.

Nella polemica è quindi entrato Idee chiare, lo schieramento civico di area-Pd dell’ex sindaco Dino Primieri. “Bacchiocchi – scriveva la lista d’opposizione – sembra aver dimenticato che il comune di Orte a novembre 2017, dietro le forti pressioni fatte proprio da noi, ha attivato la procedura che consente ai comuni che possiedono determinati requisiti di poter continuare a gestire autonomamente il servizio idrico”.

“L’assessore – insisteva Idee chiare – informi i cittadini di Orte sullo stato d’avanzamento della procedura, soprattutto in considerazione del fatto che ha tenuto la deliberazione di consiglio comunale chiusa nel cassetto per mesi”.

Bacchiocchi non lascia cadere la palla e ribatte già questa mattina. “L’impegno del sottoscritto e della giunta Giuliani è stato sempre quello di evitare l’ingresso in Talete – scrive l’assessore -. Lo dimostrano gli atti. Idee chiare invece dimentica il passato”.

“Gli inviti e le tante cene con esponenti locali, provinciali e regionali del Pd che cosa hanno prodotto? Informate i cittadini se a Zingaretti e Nocchi avete mai esposto la vostra contrarietà alla privatizzazione dell’acqua e all’ingresso in Talete” aggiunge l’assessore.

L’esponente di FdI ritorna addirittura al 2003, all’adesione e l’acquisizione di quote dell’Ato 1 firmate dall’allora giunta Ds di Arnaldo Pattumelli, definite “il primo passo per entrare in Talete”. E cita anche Primieri, che “nel 2006 impegnò 16mila euro per partecipare all’aumento di capitale della Talete”.

Secondo Bacchiocchi, il primo atto d’opposizione all’ingresso in Talete del comune di Orte arrivò “solamente nel 2015 con la giunta Polo, poi è stata la giunta Giuliani ad attivare nel 2017 la procedura per la gestione autonoma del servizio idrico”.

Alessandro Castellani

 


Condividi la notizia:
7 aprile, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR