--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La processione a Bagnaia è saltata, e il maltempo è la causa - Ma Gabriella Belli e Paola Maugiatti, e assieme a loro altre persone, non si sono date per vinte - Ogni anno celebrano la resistenza di una donna contro i lanzichenecchi, e lo fanno al santuario della Quercia - Aperti anche i due chiostri - FOTO E VIDEO

“Il tempo com’è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella…”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo – La chiesa delle donne. Quella di Pucciarella, la giovane di Bagnaia che con una sassata ammazzò il capo dei lanzichenecchi che nel 1527 avevano assaltato il borgo, salvandolo dalla caduta. Bagnaia, quell’anno lì, fu difesa dalle donne. Gli uomini stavano tutti a Roma, nell’esercito pontificio, e dai lanzichenecchi le avevano prese qualche settimana prima.


Viterbo - Il santuario della Madonna della Quercia

Viterbo – Il santuario della Madonna della Quercia


La chiesa delle donne, quella che ieri mattina era seduta ai banchi della Basilica della Quercia, alla fine della strada alberata e piena di splendide case lungo viale Trieste. Madri, mogli, donne che hanno conosciuto la guerra. Figlie.


Viterbo - La messa dei bagnoli per la Madonna della Quercia

Viterbo – La messa dei bagnaioli per la Madonna della Quercia


La processione, quest’anno, non c’è stata. Pioveva e non s’è fatta. “Ma la riconoscenza verso la Madonna della Quercia – come hanno detto Gabriella Belli e Paola Maugiatti -, quella non si tocca. Piove, nevica o tira vento. Noi veniamo qui a ringraziare”.


Multimedia – Fotogallery: La messa per la Madonna della QuerciaLa basilica e i chiostri del santuario – Video: La chiesa delle donneI chiostri del santuario della Quercia – L’intervento del vescovo Lino Fumagalli


Gabriella e Paola stanno sedute ai primi banchi, dispiaciute per la processione che non c’è stata. Sono entrambe di Bagnaia. “Bagnaiole doc”, precisano, “del gattaccio”, che è una zona di Bagnaia. “Il vigile ha parlato pure col prete – rivela una di loro – ma nun c’è stato verso”. Stavano comunque lì, venute giù a piedi. Aspettavano che il vescovo Lino Fumagalli iniziasse messa.


Viterbo - Il vescovo Lino Fumagalli

Viterbo – Il vescovo Lino Fumagalli


Una messa tradizionale, che alla Quercia si fa ogni martedì dopo Pasqua. Quindi a Viterbo c’è Pasqua, pasquetta e il martedì della Quercia, quando si rinnova la tradizionale processione di ringraziamento alla Madonna della Quercia da parte del popolo bagnaiolo.

La storia è questa. Dopo il sacco di Roma del maggio 1527, le truppe imperiali decimate dalla peste si ritirano verso il nord dell’Italia. Una delle prime tappe è Viterbo e una parte dei soldati lanzichenecchi di ritorno da Roma si ferma alla Quercia e pensa bene di assaltare Bagnaia. 

Il punto è che a Bagnaia non c’era un uomo. Stavano tutti arruolati nell’esercito pontificio che i lanzichenecchi avevano già passato a fil di lama. A difesa di Bagnaia solamente donne, vecchi e bambini armati di bastoni, sassi, acqua bollente e macine per il grano. Ovviamente hanno la peggio. Ma a un certo punto si sente un grido. “Madonna de la Quercia salvatece”. E’ a quel punto che Pucciarella, una giovane di Bagnaia tira una sassata in testa al comandante dei lanzichenecchi uccidendolo, buttando tutto l’esercito nemico nel panico, salvando così Bagnaia. I Priori della comunità per ringraziare la Madonna della Quercia decidono di fare una solenne processione il secondo giorno dopo la Pasqua. Dal 14 aprile 1528.



“Noi, ogni anno, bono o cattivo, il tempo com’è, noi veniamo qui”, Gabriella Belli e Paola Maugiatti non hanno dubbi. Per loro, esserci, è importante. “E’ stata sospesa il tempo della guerra e dei bombardamenti”. La Madonna viene ringraziata anche per aver limitato i danni dei bombardamenti del ’44. “Ci sono stati solo 18 morti – commentano Belli e Maugiatti – la ringraziamo anche per questo. Il giorno dopo il bombardamento c’è stata la processione”. “Madonna della Quercia salvateci. E la Madonna c’ha salvato. Noi veniamo qui. Tutti gli anni. Un obbligo, un patto d’amore”. 

Un’alleanza tra donne per ricordare il dolore della guerra, respingerla e ripudiarla. La guerra degli uomini. La guerra che, invece, per una donna è soprattutto il momento in cui ci va il figlio. E con ogni buona probabilità, ci va a morire. Donne, oggi anziane, Gabriella e Paola sono della fine del ’30, che la guerra e le macerie se le ricordano bene. “Noi, ogni anno, bono o cattivo, il tempo com’è, noi veniamo qui”. E lo fanno anche per questo. Per ricordare e affidarsi ad altre due figure di donne. Maria, che ha conosciuto anch’essa, da madre, il dolore per la morte del figlio. Crocifisso come uno schiavo, pure lui nel bel mezzo di una guerra. L’altra donna è Pucciarella, una guerriera che dall’invocazione alla Madonna trae il proprio grido di battaglia, cacciando i lanzichenecchi. A sassate, e senza l’aiuto degli uomini.


Viterbo - La messa dei bagnoli per la Madonna della Quercia

Viterbo – La messa dei bagnaioli per la Madonna della Quercia


Il vescovo arriva alle dieci e mezza assieme a don Roberto. Entra dalla porta laterale e va dritto in sagrestia dove lo aspettano don Francesco, don Vittore e don Luigi. Poco più in là i due chiostri della Basilica della Quercia, splendidi e raramente visibili. Verranno aperti al pubblico dal 27 aprile al 5 maggio, per la manifestazione “La Quercia in fiore”, organizzata dalla Pro loco di Viterbo. 

La processione non s’è fatta. “Oggi è tempo cattivo e il parroco ha detto no – ha ribadito Gabriella Belli – Se semo rimodernati”. Come a dire, pioveva poco e si poteva anche fare.


Viterbo - Il vescovo Lino Fumagalli

Viterbo – Il vescovo Lino Fumagalli


Davanti all’altare è pieno di ortensie, che una volta stavano in tutti i giardini. Almeno fino agli anni ’80. Una pianta arrivata in Europa solo nel XVIII secolo. Dalle ombrose foreste della Cina.

“La processione, quando si fa – continua a raccontare Paola Maugiatti – veniva giù larga dalla piazza di Bagnaia. Due di qua e due di là. Poi ci sono le bandiere, Sant’Antonio, San Rocco, le confraternite di Bagnaia. E si veniva giù tutti insieme. Quest’anno non si può fare, e c’è chi è venuto giù con la macchina e chi a piedi”.

Stavano tutte lì, sedute. Ad ascoltare il vescovo. A coorte, come quando da ragazze andavano a veglia per i cortili in campagna o tra le vie strette del centro medievale. Davanti a loro l’assessore comunale Paolo Barbieri. Tra le confraternite, il consigliere Antonio Scardozzi.


Viterbo - La messa dei bagnoli per la Madonna della Quercia

Viterbo – La messa dei bagnaioli per la Madonna della Quercia


Anche il vescovo si diverte. E durante l’omelia le stuzzica un po’, quando parla di abbandonare “l’uomo vecchio – ha detto appunto Fumagalli -. Colui che pensa solo a se stesso e mette al centro solo la propria esistenza. E’ colui che non accoglie gli altri”.

A un certo punto il vescovo si ferma, guarda le donne che ha di fronte e le chiama in causa. Le provoca. Come fossero un coro in una tragedia. “A Bagnaia siete tutti bravi e buoni?”, domanda Fumagalli. Brusio tra le donne. “A Bagnaia non criticate mai nessuno, vero?”, aggiunge Fumagalli. Il brusio aumenta. “Ah”, l’affermazione che arriva. “A Bagnaia non c’è pettegolezzo, no?”. “Ahhhhhh!!!”. Dai banchi. Netto. “A Bagnaia – incalza ancora il vescovo – accogliete tutti, pure gli immigrati”. “Ehhhh…”, si sente dire. Ma anche, “cerchiamo di fare quel poco che ci riesce”. Ed è sempre una voce femminile a dirlo.

L’argomento in questione era l'”uomo nuovo”, che agisce al servizio degli altri e per amore del prossimo.

Si divertono entrambi, il vescovo e le donne che ha di fronte. Però non scherzavano. E parlavano tutti di giustizia.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
24 aprile, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. Il turismo "dimezzato" della città dei papi
  2. "Io e mio figlio siamo vivi per miracolo..."
  3. Sfiorata la strage di mamme e bambini
  4. Commercio, la "strage" di via Saffi
  5. Centoquarantadue soldati francesi sepolti "gloriosamente" lungo la Cassia...
  6. "Possiamo finalmente riavere la nostra libertà..."
  7. "Siamo intrappolati in casa da settimane per colpa di un ascensore..."
  8. "Il fuoco sembrava come una mietitrebbia..."
  9. A cena con i briganti ai piedi di Montefogliano...
  10. "Gli immigrati ci danno lavoro, mancano invece i servizi e il quartiere è dimenticato..."
  11. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  12. Le porte della città vanno di male in peggio...
  13. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  14. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  15. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  16. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  17. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  18. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  19. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  20. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  21. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  22. "Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone"
  23. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  24. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  25. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  26. Benvenuti nella savana
  27. "E' un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile"
  28. "La comunità islamica è parte integrante della nostra società"
  29. La battaglia di Ferento
  30. Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono
  31. La città invasa dall'erba...
  32. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  33. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  34. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  35. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  36. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  37. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  38. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  39. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  40. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  41. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  42. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  43. La "faccia" sporca della città
  44. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  45. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  46. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  47. "Frammenti di vita per riuscire a stare insieme..."
  48. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  49. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR