Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Acquapendente - L'attore sarà sul palcoscenico del teatro Boni sabato 27 aprile alle 21

Tullio Solenghi in “Decameron, un racconto italiano in tempo di peste”

Condividi la notizia:

Tullio Solenghi

Tullio Solenghi

Acquapendente – Riceviamo e pubblichiamo – Tullio Solenghi conclude la stagione 2018-2019 del teatro Boni di Acquapendente, diretta da Sandro Nardi. L’attore sarà sul palcoscenico sabato 27 aprile alle 21 in “Decameron. Un racconto italiano in tempo di peste”.

Progetto e regia di Sergio Maifredi, in collaborazione con Gian Luca Favetto e con la consulenza letteraria di Maurizio Fiorilla. Lo spettacolo, che gode del patrocinio dell’ente nazionale Boccaccio, è una produzione del Teatro pubblico ligure diretta da Lucia Lombardo.
 
Tullio Solenghi, interprete magistrale al quale Sergio Maifredi ha affidato il progetto in tournée in Italia da due stagioni, restituisce allo spettatore la lingua originale di Giovanni Boccaccio rendendola accessibile e comprensibile come fosse la lingua di un testo contemporaneo.

Il risultato è uno spettacolo divertente, di grande raffinatezza, davvero per tutti. Durante lo spettacolo si ascoltano nella lettura integrale sei tra le più note novelle scritte a metà del ‘300 dall’autore toscano: “Chichibio e la gru”, “Peronella”, “Federigo degli Alberighi”, “Masetto di Lamporecchio”, “Madonna Filippa”, “Alibech”.

“Il nostro lavoro – scrive Sergio Maifredi nelle note di regia – non è stato attualizzare Boccaccio, ma conservarne e curarne il suo essere contemporaneo, non trasferirlo nel nostro tempo, ma mantenerlo contemporaneo a noi. Boccaccio ha il merito di aver elaborato il primo grande progetto narrativo della letteratura occidentale, inserendo i cento racconti in un libro organico capace di rappresentare la varietà e complessità del mondo. A tutti è concessa una storia, dai re agli operai”.

Teatro Boni Acquapendente


Condividi la notizia:
23 aprile, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR