--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Lo assicura l'assessora regionale al Bilancio Alessandra Sartore in risposta alla procedura dell'Ue sui comuni del Viterbese interessati

“Arsenico e floruro nell’acqua, valori ok entro 10 mesi”

Condividi la notizia:

Alessandra Sartore

Alessandra Sartore

Roma – “Arsenico e floruro nell’acqua, valori ok entro 10 mesi”. E’ quanto assicura l’assessora al Bilancio della regione Lazio Alessandra Sartore in merito alla situazione dell’acqua nei comuni del Viterbese che avevano sforato le soglie imposte dall’Unione europea.

Sartore lo ha affermato nella relazione annuale sulla partecipazione della Pisana alle politiche Ue illustrata in consiglio regionale.

La procedura di infrazione Ue risale al 2014. Il 24 gennaio la commissione europea ha aggravato la procedura emanando un parere motivato, ma la Regione Lazio ha risposto fornendo gli ultimi dati della Asl di Viterbo dai quali risulta che i comuni che presentano sforamenti sono 10 e non 16 come scritto nel parere motivato. Questi sono: Bagnoregio, Fabrica di Roma, Farnese, Grotte di Castro, Monte Romano, Nepi, Proceno, Ronciglione, Vetralla, Villa San Giovanni.

Tra questi, Nepi e Vetralla, avrebbero soltanto piccoli sforamenti facilmente risolvibili.


Condividi la notizia:
16 maggio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR