--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sanità - Regione - Le procedure del concorso sono state svolte per la prima volta in collaborazione con la guardia di finanza

Bando per 106 nuovi primari nel Lazio: 12 alla Asl di Viterbo

Condividi la notizia:

Dottore in ambulatorio

Medici

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – La Regione Lazio con un decreto del commissario ad acta Nicola Zingaretti e pubblicato sul bollettino numero 41 del 21 maggio 2019 ha autorizzato le aziende e gli enti del sistema sanitario regionale ad indire, pubblicare ed espletare l’’avviso pubblico per il conferimento di 106 incarichi di direttore di struttura complessa (Uoc). Per la prima volta in Italia la Regione Lazio ha avviato le procedure in collaborazione con il comando regionale della guardia di finanza.

“Stiamo parlando dei concorsi per primari più numerosi degli ultimi 15 anni e per la prima volta utilizzeremo il protocollo di collaborazione con la guardia di finanza sottoscritto nei mesi scorsi.

“L’’intero iter amministrativo – spiega l’’assessore alla Sanità e l’’integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’’Amato -– mira al rafforzamento della trasparenza ed alle verifiche delle incompatibilità. Si tratta di una iniziativa davvero importante a tutela e garanzia del buon esito dell’intero procedimento e della imparzialità delle procedure concorsuali””.

Nello specifico la guardia di finanza, rispondendo positivamente ad una richiesta del presidente Zingaretti, offrirà il proprio contributo ‘nel superiore e comune interesse della legalità nella pubblica amministrazione’ per il controllo e la trasparenza nelle diverse fasi del procedimento a partire dal sorteggio dei membri delle commissioni.  

Le autorizzazioni saranno incluse nelle facoltà assunzionali 2019. La Regione Lazio e la struttura commissariale potranno inoltre disporre le necessarie attività di vigilanza, controllo e verifica previste dall’’ordinamento nelle diverse fasi del procedimento.

Entrando nello specifico saranno ad esempio: 17 le nuove unità operative complesse che fanno riferimento alla chirurgia, 12 quelle per la salute mentale, 8 quelle per la medicina d’urgenza, 6 quelle per ortopedia e traumatologia, 5 per direzione sanitaria, 4 per ginecologia, 3 per neurologia, 3 per urologia, 3 per anestesia, 3 per pediatria, 2 per farmacia, 2 per diagnostica per immagini.

Sono 106 gli incarichi di direzione di struttura complessa autorizzati e così suddivisi: Asl Roma 1 – 14; Asl Roma 2 – 12; Asl Roma 3 – 4; Asl Roma 4 – 6, Asl Roma 5 – 5, Asl Roma 6 – 3. L’’Ifo è stato autorizzato per 7 Uoc, l’’Inmi Spallanzani per 2, il Sant’’Andrea per 1, l’’Ares 118 per 2, il San Camillo-Forlanini per 4 e il San Giovanni Addolorata per 9. Nelle province la Asl di Viterbo – 12 Uoc; Asl di Rieti – 8, Asl di Latina – 9 UC e la Asl di Frosinone – 8. 

 

Regione Lazio


Condividi la notizia:
22 maggio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR