--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Alvaro Ricci (Pd) attacca - Si rischia di perdere milioni di euro già stanziati e un'opera importante - "In un anno nemmeno la variante al prg hanno ultimato ed era praticamente fatta"

“Collegamento Poggino – Cassia, il comune dorme o non gliene frega niente”

Condividi la notizia:

Alvaro Ricci

Alvaro Ricci

Viterbo – (g.f.) – “Collegamento Poggino – Cassia, il comune dorme o non gliene frega niente”. Alvaro Ricci (Pd) lancia l’allarme: rischia di saltare il progetto compreso nel piano periferie e per il quale l’amministrazione di centrodestra aveva puntato, rispetto agli altri.

E se quello in cima alla lista rischia, figurarsi gli altri. Così, i 17 milioni di euro stanziati dal governo per altrettante iniziative, chissà se arriveranno mai a Viterbo.

Il prolungamento di via dell’Industria fino all’ex fiera di Viterbo deve servire a decongestionare il traffico nel quadrante nord ed è un primo passo verso la riqualificazione della zona artigianale, oggi nell’abbandono totale.

Eppure, a palazzo dei Priori sembrano distratti e il tempo scorre. “Ho chiesto all’assessora ai Lavori pubblici Allegrini – spiega Ricci – dettagli sulla tempistica e in base al cronoprogramma col ministero, i termini scadono a giugno per la programmazione definitiva”.

Eppure: “Manco la variante al piano regolatore hanno portato avanti – osserva Ricci – la precedente amministrazione l’aveva adottata, erano arrivate due osservazioni. Poca cosa. Eppure, è passato quasi un anno e non sono riusciti nemmeno a perfezionare l’iter per la variante. E finché non la completano non possono passare alla progettazione definitiva, perché manca un elemento essenziale, la conformità urbanistica”.

La definitiva è anche presupposto per procedere all’esproprio delle aree. “Invece è buio totale”. Fosse solo questo: “Il collegamento riguarda anche un pezzo di strada non comunale – incalza Ricci – dove va realizzata la rotatoria tra Cassia e prolungamento dal Poggino. È stato stipulato un accordo di programma con l’ente regionale? No”.

Verrebbe da chiedersi come impiegano il tempo a palazzo dei Priori. “Fra tutti – sostiene Ricci – questo era un progetto importante tra quelli compresi nel piano di riqualificazione delle periferie, eppure in un anno non hanno mosso paglia. Qui non si tratta di un problema di soldi, quelli ci sono. Almeno la variante al prg la potevano ultimare. Era praticamente fatta. Siamo in presenza di una sciatteria oltre ogni limite”.

Non è servita nemmeno l’opera di pungolo da parte del consigliere Dem. “Più volte ho sollecitato l’assessore, che solitamente è piuttosto attento. Forse sono impegnati in altre questioni. Ma se perdi questo treno, quando ne lo trovi un altro?”. E soprattutto, quando e dove li trovi i soldi? Qualcosa come 3 milioni e 400mila euro, già a disposizione.

“Sugli altri progetti – prosegue Ricci – fate come vi pare, ma almeno questo non ve lo fate sfuggire. Che scuse hanno? Senza contare che dovrebbero portare avanti tutte le iniziative comprese nel bando, che come minimo darebbero un po’ di fiato all’economia della città e comunque sono opere per Viterbo”.

Qualcosa non quadra. “La variante al piano regolatore andava solo portata in consiglio, perché non l’hanno fatto? Devo dedurre che del raddoppio di viale dell’Industria non gliene frega assolutamente niente”.


– Sei milioni per collegamento tra Poggino e Cassia e pista ciclabile


Condividi la notizia:
26 maggio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR