Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Stupro di gruppo al pub di CasaPound - La vittima era uscita da sola per mangiare qualcosa - A bordo di un'auto nera il breve viaggio verso l'inferno - La terribile e drammatica descrizione della violenza sessuale fatta dal gip

“Completamente nuda, in posizione fetale, del tutto inerme, sul pavimento del seminterrato”

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Viterbo - L'arresto di Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi di CasaPound

Viterbo – L’arresto di Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi di CasaPound

Viterbo - L'arresto di Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi di CasaPound

Viterbo – L’arresto di Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi di CasaPound

Viterbo – Era uscita da sola per mangiare qualcosa al pub di via Genova la sera dell’11 aprile scorso, quando è stata agganciata dai suoi aguzzini. A bordo di un’auto nera il breve viaggio verso l’inferno dell’Old Manners Tavern di CasaPound, in piazza Sallupara.

“Ho accettato ingenuamente il loro invito a seguirli”, ha raccontato alla polizia la presunta vittima 36enne di Francesco Chiricozzi e Riccardo Licci. Sono il 19enne e il 21enne militanti di CasaPound arrestati per stupro di gruppo e lesioni personali aggravate dalla minorata difesa della persona offesa. Lei pensava che fossero coetanei. 

Si è ritrovata, senza saperlo, completamente nuda, in posizione fetale, del tutto inerme, sul pavimento del seminterrato, in balia della coppia di ventenni.

Al momento dell’aggressione, la donna indossava i pantaloni. “Uno dei due ha cercato di infilare la mano dentro i miei pantaloni”, ha spiegato in questura, dove è giunta nel primo pomeriggio del 12 aprile, dopo la segnalazione del pronto soccorso. Ma non le è bastato dire di no, più e più volte. Dopo averla picchiata, facendola svenire con un cazzotto in faccia, loro l’hanno spogliata, poi l’hanno ripresa col telefonino e fotografata mentre, si legge nelle dieci pagine di ordinanza del gip Rita Cialoni,”completamente nuda, stava sdraiata a terra in posizione fetale, del tutto inerme, con una mano sulla bocca, nel seminterrato”. Agghiacciante.

Lei massacrata di botte, i vestiti senza uno strappo. E’ il particolare che ha fatto capire agli investigatori che la 36enne era stata denudata. Come sono andate le cose, è emerso dalle immagini e dai filmati “rinvenuti nella cartella denominata ‘privato’ contenuta nella ‘galleria’ del telefono di Licci Riccardo”, è scritto nell’ordinanza.

“Ho ancora paura dei miei aggressori, spero che restino in carcere”, ha fatto sapere ieri tramite il difensore Franco Taurchini la 36enne. Loro, a Mammagialla da lunedì 29 aprile, sono in attesa di sapere cosa deciderà il gip Rita Cialoni sulla richiesta di domiciliari avanzata dai difensori. Non hanno confessato, non si sono scusati. Nelle oltre due ore di interrogatorio, Chiricozzi e Licci avrebbero anche provato a fornire una diversa lettura del video-trofeo condiviso in chat che li inchioda. Una prova schiacciante, secondo l’accusa, quel video di sette minuti, definito nelle dieci pagine dell’ordinanza del gip Cialoni “raccapricciante” per la crudezza e la ferocia delle immagini di “reiterati abusi sessuali”. Le “inaudite violenze” sarebbero andate avanti oltre tre ore, mentre la 36enne era stordita da un mix di alcol e ansiolitici.

“Meno male che l’hanno filmata, altrimenti rischiava di non essere creduta”, lo va ripetendo da giorni, come un mantra, l’avvocato Franco Taurchini, che assiste la 36enne. Che c’erano quattro foto e tre filmati negli smartphone degli aguzzini, la donna lo ha saputo dalla polizia. Così come solo dopo il sequestro dei telefonini ha saputo cosa le hanno fatto: violenze, abusi, sevizie, gesti e parole di scherno, minacce di morte, bestemmie, abusi sessuali di ogni genere. Prima che la vittima sapesse degli scatti e dei filmati, li avevano già visti gli iscritti del gruppo del Blocco Studentesco.
“Regà, cancellate le chat”, il tam-tam sui telefonini. Ma solo perchè “ce so’ le guardie al pub”. “Riccardo, butta subito il cellulare”, dice Licci padre a Licci figlio. “Sto giro so’ cazzi per tutti”, temono, quando sentono nell’aria il tintinnio delle manette.

Impressionante il referto dei sanitari di Belcolle, che parlano di “contusioni multiple, tumefazione-ecchimosi periorbitaria sinistra, ecchimosi gomito destro e sinistro, tumefazione del quarto dito mano destra, tumefazione trocanterica sinistra, ecchimosi coscia destra, abrasione caviglia e dorso piede destro”.  La donna, della quale vengono espressamente segnalate anche le “crisi di pianto”, è stata dimessa con una prognosi di sette giorni.

La lunga notte brava di Licci e Chiricozzi si è aperta con un amaro Montenegro. Dopo di che, come si legge nell’ordinanza con cui il gip Rita Cialoni ha disposto la misura di custodia in carcere per i due indagati, “il ragazzo di corporatura grassoccia (Licci, ndr), che indossava un maglioncino grigio e i jeans, ha tentato un approccio, respinto, ponendole le mani sui fianchi allo scopo di baciarla per poi palpeggiarle il sedere”.  L’altro, con il pretesto di mostrarle il locale, l’ha invece invitata, seguito dall’amico, a scendere nel piano seminterrato. E’ lì che poco dopo è esplosa la violenza, anticipata dalla frase “dai, non fare così, divertiamoci un po’”, detta proprio perché la donna li aveva già più volte allontanati. 

Crudissima la descrizione di quanto sarebbe avvenuto di lì a breve. “Incuranti della flebile opposizione che la vittima  riusciva ad articolare con parole scomposte, poiché stordita e in stato di semincoscienza – si legge ancora nell’ordinanza –  la denudavano, lasciandola in tale condizione inerme sul pavimento del piano seminterrato, costringendola a subire atti sessuali, facendole assumere diverse posizioni e facendola sbattere a terra con varie parti corpo”. 

Silvana Cortignani


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Video: Gli avvocati:  “Per i ragazzi il rapporto era consensuale” – Il procuratore capo Auriemma: “Solidi elementi di prova” – Violenza di gruppo, l’arresto dei due giovani  – Violenza di gruppo, l’arresto dei due giovani


Condividi la notizia:
3 maggio, 2019

Ragazza violentata indagati due esponenti di CasaPound ... Gli articoli

  1. "Il femminismo che conta è antifascista"
  2. Stupro di gruppo al pub di CasaPound, processo bis per Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi
  3. "Rompiamo il silenzio" sabato alle 17 in piazza Repubblica
  4. "Confusi vittima e carnefici, non ci stiamo"
  5. "Licci e Chiricozzi non hanno versato i 20mila euro promessi al processo per avere le attenuanti"
  6. "Pena troppo alta", Licci e Chiricozzi ricorrono contro la condanna per stupro di gruppo
  7. "Per il giudice le immagini di una donna stuprata inviate agli amici non sono segno di disprezzo"
  8. "Stupro al pub di CasaPound, pene troppo lievi e sottovalutazione della violenza sulle donne"
  9. Stupro al pub di CasaPound, sale da 40mila a 60mila euro il risarcimento alla vittima
  10. Stupro al pub di CasaPound, "una sentenza chiamata giustizia che invece è un’assoluzione"
  11. "Hanno rovinato una ragazza per tutta la vita, faremo ricorso per il riconoscimento del danno"
  12. Stupro al pub di CasaPound, 3 anni a Chiricozzi e 2 anni e 10 mesi a Licci
  13. Stupro al pub di CasaPound, vittima parte civile contro Licci e Chiricozzi
  14. Stupro al pub di CasaPound, via libera al processo con lo sconto per Licci e Chiricozzi
  15. Stupro di gruppo al pub di Casapound, Licci e Chiricozzi chiedono l'abbreviato
  16. "Un pugno in pieno volto, poi stuprata mentre era inerme a terra"
  17. Stupro al pub di CasaPound, Licci e Chiricozzi a processo il 26 novembre
  18. Stupro al pub di CasaPound, la vittima portata a spalla fuori dall'Old Manners
  19. Stupro al pub di CasaPound, fuori dal carcere Licci e Chiricozzi
  20. Stupro al pub di CasaPound, Licci e Chiricozzi chiedono gli arresti domiciliari
  21. Stupro al pub di CasaPound, chiesto il giudizio immediato
  22. Stupro di gruppo al pub di CasaPound, depositata la perizia su telefoni e telecamere
  23. "Stupro al pub di Casapound, i ragazzi arrestati non si sono pentiti"
  24. "Allarmante spregiudicatezza, senso di impunità e spregio della vittima"
  25. Stupro al pub di CasaPound, carcere confermato per Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi
  26. Stupro al pub di CasaPound, processo lampo per Licci e Chiricozzi
  27. Stupro al pub, sospeso dal prefetto Francesco Chiricozzi
  28. Stupro al pub di CasaPound, potrebbe salire il numero degli indagati
  29. "Butta il video che ci so' le guardie", indagato per favoreggiamento Daniele de Bracciano
  30. "Sembravano dei bravi ragazzi di cui potersi fidare..."
  31. "Mi hanno stordita, picchiata e violentata"
  32. Stupro di gruppo al pub di CasaPound, oggi l'interrogatorio protetto della vittima
  33. Stupro di gruppo nel pub di CasaPound, Licci e Chiricozzi assisteranno all'incidente probatorio
  34. Pub di Casapound, revocata la licenza
  35. Stupro al pub di CasaPound, interrogatorio protetto per cristallizzare le parole della vittima
  36. La donna stuprata: "Li spingevo via, ma hanno infilato le mani sotto la maglia e nei pantaloni..."
  37. Il fratello di Licci: "Leva i video e le foto di quella di ieri sera, ci so’ le guardie al pub"
  38. Cellulari al setaccio, saranno esaminati dallo stesso superperito del caso di Manduria
  39. Stupro al pub, al via la perizia sui telefonini di Chiricozzi e Licci
  40. "Cosa pensa CasaPound dei suoi simpatizzanti che guardavano in chat il video dello stupro..."
  41. "Mio figlio? L'ho cresciuto con dei valori"
  42. Stupro al pub di CasaPound, sì all'incidente probatorio
  43. "C'è il pericolo che la vittima venga avvicinata per farle cambiare versione"
  44. Stupro di gruppo, Chiricozzi e Licci restano in carcere
  45. "Necessaria lotta contro l’estrema destra che adotta la violenza come azione politica"
  46. "Diciamo no a ogni tipo di violenza"
  47. CasaPound Cimini attacca il sindaco di Vallerano, il Corriere della sera e la stampa italiana
  48. La madre di Chiricozzi: "Mio figlio mi è stato sottratto da quattro farneticanti di CasaPound"
  49. Il padre di Riccardo Licci: "Gli ho detto di buttare il telefono, ma non ho visto i video dello stupro"
  50. "Anche i sindaci scendano in piazza contro la violenza!"
  51. "Solidarietà ai difensori degli indagati"
  52. Manifestazione contro la violenza, anche Potere al popolo scende in piazza
  53. "Violenza sulle donne, saremo in piazza per gridare basta"
  54. “Manifestazione contro la violenza, il sindaco venga in piazza con il gonfalone”
  55. "Il comune di Viterbo si deve costituire parte civile"
  56. "Comune parte civile? E' prematuro, lasciamo lavorare gli inquirenti"
  57. "Un atto di violenza che va condannato senza se e senza ma"
  58. "In piazza per reagire a ogni forma di violenza"
  59. La giovane donna stuprata: "Ho ancora paura dei miei aggressori, spero che restino in carcere"
  60. Stupro nel pub di CasaPound, il pm potrebbe richiedere l'incidente probatorio
  61. E gli Hate For Breakfast del leader provinciale di CasaPound cantano: "Donna cesso, prendi più cazzi"
  62. "Ci sono state per anni aree politiche che potevano fare quello che volevano"
  63. Non fiori ma uomini perbene
  64. "Dobbiamo reagire alle violenze contro i più deboli"
  65. "Partiti come CasaPound hanno eletto la violenza a pratica politica"
  66. Le immagini dello stupro condivise su Whatsapp anche col padre di Licci
  67. Donna violentata al pub di Casapound, la Camera penale: "Gravissime offese indirizzate ai difensori degli indagati"
  68. "Altro che rapporto consensuale, l'hanno massacrata"
  69. "Non deve più esserci spazio per gruppi come CasaPound"
  70. "Il rapporto sessuale era consensuale"
  71. Giorgia Meloni: "Tolleranza zero per stupratori di qualsiasi nazionalità o appartenenza politica"
  72. "Riteniamo che gli elementi di prova siano solidi"
  73. "Nessuna giustificazione o tolleranza per atti di meschina ferocia"
  74. "Colpisce la strenua difesa di Casapound nei confronti dei due giovani"
  75. La ministra Trenta: "Salvini sfrutta la paura delle donne per fare campagna elettorale"
  76. Casapound Viterbo: "Le prove, ne siamo certi, scagioneranno i nostri ragazzi"
  77. "Attenzione a diffamare... ci sono ripercussioni, chi vuole capire capisca"
  78. Quarta Repubblica di fronte al pub dove si è consumato lo stupro
  79. La donna stuprata: "Potrei essere stata stordita con della droga"
  80. "I due stupratori appartengono alla fascia barbarica di Casapound"
  81. "Ipocrita propaganda su temi di legalità, ordine e disciplina"
  82. "CasaPound istruisce alla violenza"
  83. Ragazza violentata, sospesa la licenza all'Old manners
  84. "Troppi episodi di violenza, CasaPound va sciolta"
  85. "Casapound deve essere sciolta"
  86. "Bisogna fare giustizia velocemente"
  87. "I responsabili devono pagare in modo esemplare"
  88. "Triste vedere dei coetanei accusati di una simile mostruosità"
  89. "Ragazza violentata in un circolo privato, servono pene severe"
  90. Gregori: "Tutto il paese incredulo per una notizia così grave"
  91. Panunzi (Pd): "Dobbiamo combattere violenza e sopraffazione verso i più deboli"
  92. Troncarelli: "Violenza trova terreno fertile dove non c'è rispetto e tolleranza"
  93. "La Regione Lazio parte civile nel processo per stupro"
  94. Arena: "Niente sconti per gli autori della brutale violenza"
  95. "Salvini fa campagna elettorale su violenza ma non una parola su Casapound"
  96. Sul profilo Instagram di Chiricozzi un post contro la violenza sulle donne
  97. "Le donne non appartengono a nessuno e la violenza è sempre un crimine"
  98. "Un atto vergognoso da condannare"
  99. Salvini: "Ci vuole la castrazione chimica"
  100. "Non sono balordi, ma violenti: è ora di sciogliere CasaPound"
  101. "A Viterbo una mobilitazione contro ogni violenza di genere"
  102. "I balordi che hanno violentato la ragazza la pagheranno cara"
  103. Ragazza violentata in un circolo privato, indagati due esponenti di CasaPound
  104. Fatta ubriacare, presa a pugni e violentata
  105. Violentano donna in un circolo privato, due giovani arrestati

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR