--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Mercoledì 22 maggioalle 21 al Teatro dell’Unione

Daniele Orlando e I solisti aquilani in una Nuova stagione

Condividi la notizia:

I solisti aquilani

I solisti aquilani

I solisti aquilani

I solisti aquilani

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – A dieci anni dalla tragedia, il giovane gruppo di musicisti che compone l’orchestra d’archi de I Solisti Aquilani insieme al violinista Daniele Orlando presentano un progetto musicale innovativo e moderno: Una nuova stagione, un’attuale interpretazione, in chiave ambientalista, de Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi.

Appuntamento per mercoledì 22 maggio alle 21 al Teatro dell’Unione: il concerto è promosso da Atcl – Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio e dal Comune di Viterbo.

Il progetto, presentato il primo aprile al Parlamento Europeo di Bruxelles e il 5 aprile alla Camera dei Deputati di Roma, in occasione dell’anniversario dei 10 anni del terremoto de L’Aquila, nasce dalla necessità di riflettere e far riflettere sul ruolo dell’Uomo all’interno dell’Ambiente.

Vivaldi ne “Le Quattro Stagioni” descrive una Natura incontaminata. Ben diversa è l’amara visione di come la Natura sia stata ridotta da un intervento dell’uomo spesso troppo invasivo.

Il Concerto del violinista Daniele Orlando insieme all’orchestra d’archi de I Solisti Aquilani offre al pubblico diversi spunti di riflessione, grazie all’elaborazione di un “chiaro-scuro sonoro” nell’esecuzione: da un lato la Natura per com’era, sarebbe potuta e potrebbe tornare ad essere, dall’altro la Natura violata come quella che abbiamo troppo spesso di fronte ai nostri occhi.

Manifesto di questo progetto è il cortometraggio sperimentale, frutto di questa lettura visionaria.
Il corto, ideato e diretto da Daniele Orlando con la collaborazione di Serena Raschellà, esprime, con immagini particolarmente evocative, questa “denuncia” e trascina il pubblico sullo stesso piano emotivo dell’interprete.

Il fine è quello di lanciare un messaggio forte che conduca lo spettatore a un’importante riflessione: l’arte, e in questo caso specifico la musica, può e deve avere il potere di veicolare un messaggio sociale, ponendosi come guida di una crescita di consapevolezza dell’esistente negli animi delle persone e quindi di un progresso culturale.
 
I Solisti Aquilani
Si costituiscono nel 1968 sotto la guida di Vittorio Antonellini. Il loro repertorio va dalla musica pre- barocca alla musica contemporanea. Hanno tenuto tournée in Italia, Africa, America, Europa, Medio ed Estremo Oriente e sono ospiti delle più prestigiose istituzioni musicali e sale da concerto dell’America Centrale e del Sud, Austria, Canada, Croazia, Egitto, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Kazakhstan, Irlanda, Jugoslavia, Libano, Lituania, Malta, Polonia, Slovenia, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Tunisia, Turchia, Ungheria. Importanti le collaborazioni con grandi musicisti quali Maurice André, Felix Ayo, Paul Badura Skoda, Hermann Baumann, Franco Mannino, Renato Bruson, Michele Campanella, Cecilia Gasdia, Severino Gazzelloni, David Geringas, Ilya Gruber, Vincenzo Mariozzi, Stefan Milenkovic, Massimo Quarta, Jean Pierre Rampal, Uto Ughi, Federico Maria Sardelli, Ottavio Dantone.

Negli ultimi anni hanno suonato con Roberto Prosseda, Giuseppe Albanese, Gabriele Pieranunzi, Ramin Bahrami, Dee Dee Bridgewater, Danilo Rea, Fabrizio Bosso, Bruno Canino, Salvatore Accardo, Umberto Clerici, Luis Bacalov, Andrea Griminelli, Sonig Tchakerian, Giovanni Sollima, Alessandro Carbonare, Alessio Allegrini, Ilia Kim, Evelyn Glennie, Mischa Maisky, Vladimir Ashkenazy, Sergei Nakariakov, Marco Angius, Mario Brunello, Anna Tifu, Shlomo Mintz, Egberto Gismonti, Manuel Barrueco. Hanno realizzato importanti progetti con Peter Eötvös, Lars Thoresen, Carla Fracci, Paolo Mieli, Piergiorgio Odifreddi, Walter Veltroni e John Malkovich. Daniele Orlando è il violino di spalla. Dal 2013 la direzione artistica è affidata a Maurizio Cocciolito.
 
Daniele Orlando
Violinista di prestigio internazionale, allievo di Denes Szigmondy, discendente della celebre scuola di Zino Francescatti e Carl Flesch, Daniele Orlando si è in seguito perfezionato con Ana Chumachenco e Boris Kuschnir. A soli 17 anni ha debuttato come solista con il Concerto di P. I. Tschaikowsky diretto da Donato Renzetti che ha scritto di lui: “…dotato di una straordinaria musicalità e di una tecnica virtuosa, il Concerto da lui suonato è stato esemplare sia dal punto di vista tecnico che nel temperamento dimostrato…credo senza ombra di dubbio che Daniele Orlando sia una delle scoperte più importanti tra le nuove generazioni di solisti.”

Ha tenuto concerti da solista e in formazioni da camera in tutto il mondo collaborando con artisti quali Richard Galliano, Krzysztof Penderecki, Bruno Canino, Antonio Anselmi, Ramin Bahrami, Alessandro Carbonare, Michele Campanella, Shlomo Mintz, Gabriele Geminiani e Giovanni Sollima con il quale ha eseguito il doppio concerto di Donizetti per la Festa della Repubblica Italiana in diretta TV RAI 1 dal Salone dei Corazzieri del Quirinale. Dal 2014 è violino di spalla de I Solisti Aquilani.

Profondo amante della sua terra natia, l’Abruzzo, e pescatore appassionato, Daniele è cresciuto tra uno scoglio del vecchio porto canale e le calette della costa dei trabocchi. Contemplare la Natura incontaminata ha sempre rappresentato per lui una viscerale fonte di ispirazione.

La ricerca continua ed instancabile di un “senso”, umano e artistico, si è sempre nutrita di questo: momenti solitari, distillati di bellezza. Chi ha potuto ascoltarlo dal vivo ha avuto modo di apprezzare l’impeto,
l’energia contagiosa che rendono Daniele un artista senza filtri, dotato di una sensibilità innata.

L’intensa interpretazione musicale a cui si assiste, affonda le sue radici nella necessità di comprendere il mondo al di là delle apparenze. Così le sue esecuzioni vanno oltre il rigido dualismo tra compositore ed esecutore, e riportano il pubblico al centro dell’opera musicale. Ascoltarlo vuol dire essere protagonista di una esperienza viva, viscerale e animalesca, vuol dire trovarsi nudi e storditi davanti alle proprie emozioni.
 
Biglietto unico: euro 10 + prev; ridotto euro 8 + prev.
 
Teatro dell’Unione piazza Giuseppe Verdi – Viterbo
I biglietti sono disponibili presso la biglietteria del Teatro e sul sito Ticketone.
La biglietteria del Teatro è aperta dal martedì al sabato con orario 10.00 – 13.00 e 15.00 – 19.00.
Chiuso il lunedì.

Comune di Viterbo


Condividi la notizia:
18 maggio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR