--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Operazione Erostrato - Per la donna, vittima di estorsione, è il secondo processo in pochi mesi nelle vesti di imputata - E' stata denunciata da clienti che hanno perso soldi e gioielli mentre lei era in piena crisi

“Sono una delle vittime della mafia viterbese”, dice in aula la titolare del compro oro di via Genova

Condividi la notizia:

Mafia a Viterbo - I tredici arrestati

Mafia a Viterbo – I tredici arrestati

Mafia nel Viterbese - Un'immagine di un atto intimidatorio

Mafia – Immagine di un atto intimidatorio

Viterbo La vetrina sfondata del Compro oro di via Genova

La vetrina sfondata del compro oro di via Genova

Viterbo – “Sono una delle vittime della mafia viterbese”. Lo ha detto con la voce rotta dall’emozione e prossima al pianto la titolare dell’ex compro oro di via Genova durante il processo in cui è imputata di appropriazione indebita per avere trattenuto senza pagarli e senza restituirli un bracciale e un punto luce del valore di 4.400 euro lasciati in conto vendita da una cliente, che dopo avere insistito per diversi mesi l’ha denunciata. 

Per la donna, che potrebbe costituirsi parte civile nell’eventualità di un maxiprocesso per mafia, è il secondo processo in pochi mesi. Entrambi scaturiti dalla denuncia di due clienti che hanno smarrito gioielli e denaro mentre lei era in piena crisi. 

Costretta a chiudere la sua attività dopo una serie di attentati e gesti intimidatori messi a segno, secondo la Dda di Roma, dal sodalizio criminale di stampo mafioso sgominato con i tredici arresti dello scorso 25 gennaio, la donna è stata condannata lo scorso 4 aprile a un mese e 2500 euro di provvisionale per insolvenza fraudolenta in seguito a un’altra denuncia. 

La donna, il 13 settembre 2017, nel pieno della “bufera”, avrebbe comprato dalla vittima, che si è costituita parte civile, vecchi gioielli di famiglia per un valore di 2600 euro, con l’impegno a pagarli tramite un bonifico che non è mai arrivato.

I fatti per cui è sotto processo davanti al giudice Autizi risalgono invece a tre anni fa. “Sono disponibile a trovare una soluzione bonaria”, ha detto ieri al giudice Giacomo Autizi la donna, una cinquantenne di Terni, spiegando come quello fosse per lei un periodo nero. 

L’atto di conto vendita risale al 21 marzo 2016. “In quel periodo ero vittima di estorsione da parte di persone arrestate lo sorso 25 gennaio nel blitz contro la mafia viterbese, io sono una delle vittime”, ha detto in aula, ricordando l’operazione Erostrato.

“Avevo affidato quei gioielli a una mia collaboratrice. La cliente mi chiamava o passava in negozio praticamente tutti i giorni. Quando le ho fatto l’assegno da 4.400 euro datato 20 luglio 2016 ero sicura che la collaboratrice sarebbe passata a portarmi il denaro per la vendita dei preziosi. Invece non è successo. E io non sapevo come fare, ero in gravi difficoltà economiche, perché in quel periodo ero vittima di estorsione da parte della mafia viterbese”, ha sottolineato. 

La denuncia per insolvenza fraudolenta, nell’autunno di due anni fa, è maturata proprio nei giorni caldi in cui Giuseppe Trovato, con Ismail Rebeshi al vertice del presunto sodalizio italo-albanese attivo nel capoluogo, titolare a sua volta di tre compro oro, avrebbe fatto di tutto, assieme ai complici, per scoraggiare la donna a proseguire nella sua attività in via Genova.

Era il 16 ottobre 2017, poco più di un mese dopo essersi impegnata a fare il bonifico da 2600 euro al cliente che l’ha denunciata, quando le hanno sfondato la vetrina, scrivendo “ridacci i soldi” e lasciando una scia di lumini funebri cimiteriali sull’ingresso. 

Secondo l’accusa, nell’arco di due mesi, la titolare del negozio avrebbe subito “l’incendio di due auto e il danneggiamento della vetrina del negozio, davanti al quale sono stati lasciati anche dei lumini votivi come minaccia di morte e la scritta ‘dammi li sordi’.

La vittima – è scritto nell’ordinanza del gip capitolino Flavia Costantini – ha anche trovato due teste mozzate di animali con due proiettili conficcati in fronte. La saracinesca, inoltre, è stata cosparsa di benzina e data alle fiamme”. Tutte queste “minacce – si legge nelle carte d’inchiesta – hanno costretto la donna a chiudere il compro oro”.

Al termine dell’udienza, il processo per appropriazione indebita di ieri è stato rinviato al 5 dicembre. 


Mafia viterbese, non è ancora chiusa l’inchiesta della Dda di Roma

Domani saranno passati quattro mesi esatti dal blitz scattato all’alba del 25 gennaio, sfociato nei tredici arrestati dell’operazione Erostrato.

Ancora in attesa che venga fissata l’udienza davanti alla cassazione Giuseppe Trovato, il 43enne d’origine casertana trapiantato a Viterbo da quindici anni) ritenuto dagli inquirenti, assieme a Isamil Rebeshi, il boss dell’organizzazione criminale italo-albanese sgominata dalla direzione distrettuale antimafia di Roma nell’ambito dell’inchiesta dei pubblici ministeri Giovanni Musarò e Fabrizio Tucci.

Trovato, insieme ad un pugno di altri indagati, ha fatto ricorso alla suprema corte dopo il rigetto da parte del riesame di un alleggerimento della misura di custodia cautelare. Ma per l’udienza, almeno per ora, c’è da aspettare. 

Nel frattempo proseguono le indagini e ci vorrà temp ancora anche perché l’inchiesta possa dichiararsi chiusa.

Per i tredici arrestati si profila la richiesta di processo col giudizio immediato che, nel caso, data la gravità delle accuse, si celebrerà davanti alla corte d’assise. 

Silvana Cortignani


Gli indagati

1. TROVATO Giuseppe, detto “Peppino”, 43enne originario di Lamezia Terme, da anni trasferitosi a Viterbo, dove gestisce tre Compro oro, con un ruolo di vertice nell’associazione smantellata;

2. REBESHI Ismail, detto “Ermal”, cittadino albanese di 36 anni, domiciliato a Viterbo, dove gestisce una rivendita di autovetture ed un locale notturno, anche questo con ruolo di vertice nel sodalizio;

3. PATOZI Spartak, detto “Ricmond”, cittadino albanese di 31 anni, residente a Vitorchiano, operaio, partecipe dell’associazione;

4. DERVISHI Sokol, detto “Codino”, cittadino albanese di 33 anni, residente a Viterbo, operaio, partecipe dell’associazione;

5. GURGURI Gazmir, detto “Gas”, cittadino albanese di 35 anni, residente a Canepina, operaio, partecipe dell’associazione;

6. LAEZZA Gabriele, detto “Gamberone”, 31enne, residente a Viterbo, operaio, partecipe dell’associazione;

7. OUFIR Fouzia, detta “Sofia”, cittadina marocchina di 34 anni, residente a Viterbo, compagna e dipendente di Trovato, partecipe dell’associazione;

8. GUADAGNO Martina, 31enne residente a Viterbo, dipendente di Trovato, partecipe dell’associazione;

9. FORIERI Luigi, detto “Gigi”, 51enne residente a Caprarola, titolare di un bar, partecipe dell’associazione;

10. PATOZI Shkelzen, detto “Zen”, cittadino albanese di 34 anni, residente a Viterbo, operaio, partecipe dell’associazione;

11. PAVEL Ionel, cittadino romeno di 35 anni, concorrente in alcuni delitti-fine;

12. PECCI Manuel, 29enne residente a Viterbo, titolare di un centro estetico, concorrente in un delitto-fine;

13. ERASMI Emanuele, 50enne residente a Viterbo, artigiano, concorrente in un delitto-fine.


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Multimedia: Fotocronaca: Mafia a Viterbo – I tredici arrestati – Operazione Erostrato, gli arrestati – Scacco alla Mafia nel Viterbese – Video: Prestipino e Palma spiegano come agiva l’organizzazione mafiosa – 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso – Scacco alla Mafia nel Viterbese   

Silvana Cortignani

 

 


Condividi la notizia:
24 maggio, 2019

Mafia viterbese ... Gli articoli

  1. "Dopo Santa Rosa, vedi i fuochi d'artificio... pam pam"
  2. "Un'associazione di stampo mafioso tutta viterbese capeggiata da Giuseppe Trovato"
  3. "Sussistono il reato associativo e il metodo mafioso"
  4. Vittima della mafia non riesce a onorare un debito, condannata
  5. La mafia e le mani sulle discoteche
  6. Riesame, misure cautelari confermate per i 13 arrestati nel blitz antimafia
  7. "Non c'è l'associazione di stampo mafioso e le intercettazioni sono inutilizzabili"
  8. “Ubertini ha la mia massima fiducia”
  9. "Non mi dimetto, in tutta questa vicenda io sono una vittima"
  10. "Si ride e si piange, gli abbiamo dato indo culo..."
  11. Mafia viterbese, cinque arrestati su 13 rinunciano al riesame
  12. Oggi secondo round al riesame, lunedì tocca al boss Giuseppe Trovato
  13. "Uniti per reagire a tutte le forme di criminalità organizzata"
  14. Mafia viterbese, primi tre "no" del tribunale del riesame
  15. "E' fondamentale opporsi chiaramente alla mafia"
  16. Trasferito in un carcere in Sardegna il boss Trovato
  17. "Confesercenti in prima linea contro la mafia"
  18. "Non ci sottometteremo mai a comportamenti mafiosi"
  19. Il parrucchiere Pecci si difende davanti al tribunale del riesame
  20. 'Ndrangheta, Forieri e Trovato cercavano l'appoggio delle cosche
  21. Mafia viterbese, gli arrestati puntano al tribunale della libertà
  22. "Il naso era tutto frantumato, speriamo muoia"
  23. Anche Coldiretti alla manifestazione per dire no alla mafia
  24. Mafia viterbese, gli arrestati venerdì davanti al tribunale del riesame
  25. Mafia viterbese - Chiuso il bar di Luigi Forieri, "luogo di ritrovo di molti sodali"
  26. Anche l'Adoc alla fiaccolata contro la mafia
  27. "Un atto mostruoso, che continuo a non accettare"
  28. "Mafia viterbese, aderiamo alla manifestazione come chiaro segnale di presa di posizione"
  29. “In comune un muro invalicabile contro la mafia”
  30. Della Rocca e Grazini furono i primi a parlare di mafia
  31. Per non sentirci soli con la mafia...
  32. "La mafia nel viterbese c’è da tempo"
  33. "L'avvocato Alabiso? Me lo devo togliere dai coglioni"
  34. "Signor sindaco non minimizzi il fenomeno mafioso..."
  35. "Mafie, solo con un'azione corale possono essere sconfitte"
  36. "Fiaccolata contro le mafie, saremo in prima fila"
  37. Anche Massimiliano Smeriglio alla fiaccolata contro la mafia
  38. Mafia viterbese, è corsa al tribunale del riesame
  39. "Un panorama criminale pericoloso e inquietante"
  40. "Mai ceduto a tentativi di estorsione e minacce..."
  41. "Sì alla fiaccolata contro la mafia"
  42. "Sindaco... per me non è mai spropositato dire no alla malavita"
  43. "Gravissimo sminuire il fenomeno mafioso"
  44. Mafia viterbese, sfiorato lo scontro tra due bande criminali
  45. "Tutti trattengono il fiato, perché tutti sanno di essere colpevoli..."
  46. “A Viterbo non ci sono organizzazioni mafiose, solo delinquentelli"
  47. "Mafia viterbese, il sindaco Arena riferisca subito in consiglio comunale"
  48. "Una città che si schiera contro la mafia innanzitutto combatte il degrado"
  49. "Mai dato soldi all'organizzazione e non mi sono mai sottomesso"
  50. "Vi ho cacciato fuori dai guai e voglio un bel ringraziamento"
  51. "Rischio infiltrazioni mafiose in Comune, si faccia chiarezza"
  52. "Arena e Ubertini sono traditori di merda..."
  53. "Una fiaccolata per dire no alla mafia"
  54. Mafia viterbese, si difendono il barista e la commessa
  55. "La guerra la facciamo pure a chi ha la divisa"
  56. "Una risposta incisiva alle esigenze di sicurezza dei cittadini"
  57. "Si convochi un consiglio comunale aperto per la legalità..."
  58. "Luigi Forieri si vantava di avere legami con la 'ndrangheta"
  59. "Agivano in una delirante concezione di onnipotenza"
  60. "Un consiglio comunale aperto per parlare di legalità e sicurezza"
  61. "Viterbo mai colpita da organizzazioni criminali e questo ci preoccupa"
  62. "Mosap: "Serve tutelare le vittime della banda"
  63. "Ti ammazzo, brutto figlio di troia. Infame. Ti sparo int' 'a capa"
  64. Un interrogatorio, spontanee dichiarazioni e tanti silenzi
  65. Denunciare! Denunciare! Denunciare!
  66. "Al fianco di vittime di racket e usura"
  67. "Mafia, è la prima volta a Viterbo"
  68. "Io ti sbudello, io me la prendo anche con un bambino"
  69. "Violenza e terrore, intimidazioni ed estorsioni"
  70. "Grazie alle forze dell’ordine che lavorano per garantire sicurezza"
  71. Auto bruciate, teste di maiale mozzate e buste con proiettili
  72. 13 arresti per associazione a delinquere di stampo mafioso
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR