Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni amministrative 2019 - Civita Castellana - Yuri Cavalieri, candidato sindaco (lista Rifondazione comunista) presenta la sua proposta in vista del voto del 26 maggio

“Difesa dei lavoratori, dell’ambiente e dei cittadini”

Condividi la notizia:

Civita Castellana - Yuri Cavalieri candidato sindaco per Rifondazione c

Civita Castellana – Yuri Cavalieri candidato sindaco per Rifondazione comunista

Civita Castellana – (p.p.) – “Difesa dei lavoratori, dell’ambiente e dei cittadini”. Yuri Cavalieri, candidato sindaco a Civita Castellana (lista Rifondazione comunista) presenta la sua proposta in vista del voto del 26 maggio. A sfidarlo Franco Caprioli, Maurizio Selli, Antonio Zezza e Domenico Parroccini.

Chi è Yuri Cavalieri?
“Sono nato a Civita Castellana il 9 luglio del 1987 – dice -. Attualmente lavoro come impiegato dopo aver fatto l’operaio con una ditta di manutenzione degli impianti ceramici e aver studiato Economia all’università ”La Sapienza” di Roma.

Iscritto dal 2008 al circolo Enrico Minio di Civita Castellana del Partito della rifondazione comunista, attualmente e’ membro della segreteria del circolo stesso.

Ex giocatore di rugby nella squadra di Civita Castellana, sono impegnato nell’associazionismo cittadino, nel comitato per l’acqua pubblica e nei gruppi di acquisto popolari a km zero”.

Qual è il progetto che porta avanti per il suo paese?
“Il progetto che portiamo avanti per Civita Castellana è un progetto chiaro e semplice, portare la nostra cittadina e il nostro territorio fuori dalla crisi sociale che l’attanaglia, vogliamo un comune che aspiri ad essere simile agli esempi lungimiranti che si trovano nella vicina Umbria ed in alcune zone della stessa Tuscia.

Un comune che promuova uno sviluppo più giusto e sostenibile, che non trascuri il proprio passato ed il proprio presente di città operaia ma che guardi anche a nuovi orizzonti rappresentati dall’agricoltura biologica e dal turismo, insomma un’amministrazione che si faccia promotore delle qualità e delle eccellenze che il nostro territorio ci offre.

Un comune infine che difenda i diritti dei cittadini e i servizi pubblici, che lotti in difesa del nostro ospedale , in difesa dell’ambiente e della produzione industriale fatta in loco e che si batta per il riconoscimento del lavoro usurante e delle malattie professionali dei ceramisti, che incrementi la partecipazione alla vita politica e amministrativa dei cittadini tutti”.

Tre priorità da mettere subito in campo.
“Difesa del lavoro e dei lavoratori, con l’impegno in difesa della produzione industriale e per il riconoscimento dei lavori usuranti e delle malattie professionali dei ceramisti.

Difesa dell’ambiente fermando da subito qualsiasi ipotesi di creazione di impianti di smaltimento rifiuti e con lo stop ai fitofarmaci.

Difesa dei cittadini combattendo l’evasione fiscale alle tasse comunali e per delle tariffe più giuste delle società partecipate (Sate e Talete)”.

Ci parli della sua squadra.
“La nostra è una lista giovane con più della metà dei componenti che hanno sotto a 40 anni, una lista che però non dimentica le proprie radici dove insieme ai giovani ci sono volti storici della sinistra cittadina e dove le donne hanno naturalmente una rappresentanza.

Le nostre competenze si concentrano sopratutto sull’ambiente e sul lavoro e sul mondo dell’associazionismo, in lista ci sono ingegneri ambientali e sindacalisti, ragazzi che praticano sport e che quotidianamente sono impegnati nel tessuto sociale civitonico”.

Come sogna il suo paese?
“Sogno una Civita che torni allo splendore di qualche anno fa, che non abbia nulla da invidiare ai borghi di Umbria e Toscana e che renda i propri cittadini orgogliosi di essere civitonici, una cittadina che torni ad essere una comunità viva forte del proprio passato e fiduciosa nel futuro”.

Perché dovrebbero votarla e scegliere la vostra proposta?
“I cittadini dovrebbero sceglierci perché siamo l’unica vera alternativa alla solita politica, l’unica lista che può rappresentare una speranza di cambiamento, una lista giovane e innovativa fatta da persone che non hanno secondi fini e ambizioni se non quelle di difendere il nostro territorio ed i cittadini e di fare bene per Civita Castellana, una lista che ha già dimostrato di avere le competenze per amministrare, che è stata la prima ad essere presentata in comune, la prima che ha raccogliere le firme, e sicuramente quella che propone (questo ha detta anche di molti avversari) il programma più chiaro e lungimirante.

La nostra miglior descrizione credo sia stata data dal compagno Danilo Corazza (ex vicesindaco dal 2009 al 2011).
“Dopo la gestione della cosa pubblica affidata ai professionisti plurititolati, occorre un ritorno alla buona volontà dei normali, alla dignità, all’impegno senza tornaconto”. 


Lista Rifondazione Comunista

Rifondazione Comunista

 Abati Paolo – studente, 24 anni
Carabelli Massimo detto ‘’Marcello’’ – pensionato , 77 anni
D’amato Lucia – guardiaparco , 49 anni
Di Berardino Erminio – operaio ceramista, 59 anni
D’ubaldo Valerio – tecnico , 45 anni
Imperio Isabella – casalinga, 60 anni
Imperoli Mirko – perito , 39 anni
Giordani Giorgio – operaio ceramista, 48 anni
Granatelli Linda – lavoratrice precaria , 27 anni
Lanzi Sabrina – casalinga, 50 anni
Pallozzi Raffaele – studente, 23 anni
Pinardi Daniela – casalinga , 53 anni
Pulitani Roberto – studente/lavoratore, 30 anni
Sacchetti Ornella – commessa, 53 anni
Ricci Luca – operatore nel turismo , 26 anni
Riucci Sergio detto ‘’Racagnino’’ – pensionato ex ceramista, 62 anni


Condividi la notizia:
22 maggio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR