--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La Fai Cisl del Lazio ha voluto incontrare e ringraziare chi il 5 maggio, ha riportato il “Fontanile di Fiescoli” al suo antico splendore e ha ripulito il bosco circostante dai rifiuti

“Il ‘vero’ cacciatore è custode del territorio, del bosco e dell’ambiente”

Condividi la notizia:

Viterbo - Centro storico

Viterbo – Centro storico

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Sabato sera, la Fai Cisl del Lazio, ha voluto incontrare e ringraziare tutti gli amici che il 5 maggio 2019, hanno riportato il “Fontanile di Fiescoli” al suo antico splendore e hanno ripulito il bosco circostante da quintali di rifiuti.

Questa è la dimostrazione concreta, di quanto il mondo venatorio, ama preservare e tutelare l’ambiente, la sua biodiversità e il suo habitat.

Il “vero” cacciatore è custode e guardiano del territorio del bosco e dell’Ambiente.

I mali sono altri: cittadini incivili, colture intensive, l’uso dei pesticidi, le monoculture, i pannelli fotovoltaici, la deforestazione senza regole. Vogliamo pubblicamente ringraziare il sindaco di Viterbo, Giovanni Arena, che ha patrocinato l’iniziativa ed ha permesso, insieme a Massimiliano Macrì, lo smantellamento dei rifiuti raccolti.

Inoltre vogliamo ringraziare il proprietario del sito, Gioacchino Balestra, per la sua disponibilità, per il suo sostegno e per l’amicizia dimostrata.

Adesso chiediamo a tutti i cittadini di darci una mano a preservare quel luogo e non solo quello, perché l’ambiente è vita e chi non ama l’ambiente, non può amare la vita. Grazie.

Fai Cisl Lazio


Condividi la notizia:
21 maggio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR