Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La docente Angela Lo Monaco ricorda Andrea Tomei, il giovane laureato nella Tuscia morto nel sisma di Amatrice del 2016 - Il premio alla sua memoria è andato a Chiara Lodovici e a Bianca Sipala

“Le giovani vite sono capaci di lasciare impronte forti”

di Maurizia Marcoaldi

Condividi la notizia:

Viterbo - Chiara Lodovici, Angela Lo Monaco, Catia Clementi, Ilo Berni, soci Cai di Amatrice e Cai di Viterbo

Viterbo – Chiara Lodovici, Angela Lo Monaco, Catia Clementi, Ilo Berni, soci Cai di Amatrice e Cai di Viterbo

Viterbo - Consegna del premio a Chiara Lodovici

Viterbo – Consegna del premio a Chiara Lodovici

Viterbo - Consegna del premio a Chiara Lodovici

Viterbo – Consegna del premio a Chiara Lodovici

 Angela Lo Monaco

Angela Lo Monaco

Antonio di Grottole

Antonio di Grottole

Catia Clementi

Catia Clementi

Ilo Berni

Ilo Berni

Viterbo - Chiara Lodovici, Angela Lo Monaco, Catia Clementi, Ilo Berni, soci Cai di Amatrice e Cai di Viterbo

Viterbo – Chiara Lodovici, Angela Lo Monaco, Catia Clementi, Ilo Berni, soci Cai di Amatrice e Cai di Viterbo

Viterbo – “Le giovani vite sono capaci di lasciare impronte forti. I giovani sono capaci di grandi mutamenti”. Con queste parole Angela Lo Monaco, professoressa dell’università della Tuscia alla facoltà di Agraria, ha ricordato il giovane Andrea Tomei, laureato in Conservazione e restauro dell’ambiente forestale e difesa del suolo, vittima ad Amatrice negli eventi sismici dell’agosto 2016.

Questa mattina, alla facoltà di Agraria, la cerimonia per la consegna del premio di laurea in ricordo di Andrea Tomei, oganizzata dal Dipartimento di scienze agrarie e forestali, dal guppo Club alpino italiano sezione di Amatrice, dalla commissione regionale Tutela Ambiente Montano.

“Le giovani vite sono capaci di lasciare impronte forti – ha detto Angela Lo Monaco -. Il mio augurio per voi studenti è di poter fare grandi cose”.

Andrea Tomei era socio Cai della sezione di Amatrice e l’associazione ha devoluto dei fondi per premiare due tesi di Laurea magistrale in Conservazione e restauro dell’ambiente forestale e difesa del suolo. E’ il secondo anno che questo premio viene consegnato e la commissione di laurea questa mattina lo ha assegnato a Chiara Lodovici di Rieti con la tesi ‘Tipologie di esbosco nel taglio di smantellamento a strisce: compatibilità con gli interventi di rinaturalizzazione delle piantagioni di Pino e implicazioni gestionali ed ecologiche’ e a Bianca Sipala di Roma con la tesi ‘L’importanza della necromassa legnosa: caratterizzazione quali-quantitativa e variabilità del legno morto in relazione all’accessibilità delle faggete gestite del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise’.

In aula era presente solo Chiara Lodovici. Bianca Sipala, ha spiegato la commissione, si trova all’estero con il progetto Torno Subito. 

“Andrea è un esempio di quanto si possa amare il proprio territorio – ha detto Chiara Lodovici nel suo intervento durante la premiazione -. Un esempio di quanto sia importante la sostenibilità ambientale. Ricordarlo è importante perché sarà sempre una guida per gli studenti”. Oltre al premio, a Chiara è stata consegnata anche una guida ‘Salaria quattro regioni senza confine’, curata dal Cai di Amatrice.

In aula anche la proiezione di un filmato per mostrare l’attività di Andrea all’interno del Cai Amatrice.

“Andrea era un giovane che pensava agli altri e alla sua terra – ha ricordato Catia Clementi della sezione Cai di Amatrice –. Andrea è morto durante il terremoto a Amatrice insieme alla mamma nella loro casa del centro storico. Era un giovane particolarmente attivo. Faceva parte del gruppo Tam e grazie a lui ad Amatrice era stato fatto anche un piccolo orto botanico. Uno spazio verde, inaugurato nel 2015, che rappresenta la grande ricchezza naturalistica di Amatrice. Andrea lo curava ogni giorno. Insieme abbiamo fatto anche la segnalazione di un numero di alberi monumentali della zona”.

Catia Clementi ha poi raccontato che il Cai Amatrice ha lasciato sul monte Gorzano, durante una spedizione, una croce per le persone morte durante il terremoto di Amatrice.

Commosso il ricordo di Andrea fatto da Ilo Berni, operatore regionale Tutela Ambiente Montano, e da Antonio di Grottole del Tam regionale. “Andrea per noi è come un figlio – ha spiegato Ilo Berni – la sua scomparsa è una ferita che non guarirà mai”.

Maurizia Marcoaldi

 

 

 

 


Condividi la notizia:
29 maggio, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR