Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Marta - Barabbata - Ieri mattina la tradizionale sfilata per le vie della città con caselenghi, bifolchi, villani e pescatori

Madonna del Monte, le Passate celebrano la vita contadina

di Elisa Cappelli
Condividi la notizia:


Marta - La festa della Madonna del Monte

Marta – La festa della Madonna del Monte

Marta - La festa della Madonna del Monte

Marta – La festa della Madonna del Monte

Marta - La festa della Madonna del Monte

Marta – La festa della Madonna del Monte

Marta - La festa della Madonna del Monte

Marta – La festa della Madonna del Monte

 
Marta - La festa della Madonna del Monte

Marta – La festa della Madonna del Monte

Marta - La festa della Madonna del Monte

Marta – La festa della Madonna del Monte

Marta – Pane, pesce, grano e animali per celebrare della vita contadina.

Le ricchezze della terra insieme ai loro colori hanno sfilato ieri mattina in occasione della festa della Madonna del Monte.

La celebrazione – che ogni anno registra un numero sempre maggiore di turisti – è conosciuta anche come Festa delle passate o Barabbata.

Un unico grande grido ha accompagnato la tipica sfilata di carri (o “fontane”): “Evviva Maria. Sia lodato il santissimo sacramento. Evviva la madonna santissima del Monte. Evviva Gesù e Maria”.

Le voci energiche sono quelle di uomini e dei bambini con indosso gli abiti tradizionali da contadini e pescatori che in gergo sono chiamati “passanti” e si dividono in caselenghi, bifolchi, villani e pescatori.

I festeggiamenti sono iniziati all’alba con il rullo del tamburino, gli spari e il suono delle campane che hanno svegliato la cittadina della Tuscia. Poi la messa dedicata ai “passanti” officiata da Lino Fumagalli, vescovo di Viterbo.

Ma il grande momento è arrivato alle 8,30 quando i carri si sono radunati davanti al lago e in tantissimi hanno immortalato e ammirato gli intrecci e le composizioni delle “fontane” e fatto foto ai “passanti” con indosso gli abiti tipici della festa.

Qualche istante dopo, accompagnati dal corpo bandistico di Marta e dalle majorettes, i caselenghi, i bifolchi, i villani e i pescatori hanno percorso le vie della città con cavalli, asinelli, conigli.

I carri che hanno sfilato nella cittadina lacustre sono completamente costruiti a mano – l’assemblaggio può iniziare anche mesi prima – e raffigurano immagini sacre e vita contadina.

Presenti alla festa della madonna del Monte le principali autorità militari e cittadine.

Il tempo incerto degli ultimi giorni e qualche nuvola non hanno fermato le tantissime persone accorse ad assistere ad una rappresentazione unica nel suo genere nella Tuscia.

Elisa Cappelli


Fotogallery: Marta celebra la festa della Madonna del Monte


Condividi la notizia:
15 maggio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR