Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Catania - Erano indagati per lo sbarco a Pozzallo di 218 migranti soccorsi al largo della Libia nel marzo 2018

Open arms, archiviata l’inchiesta nei confronti del comandante e del capo missione

Condividi la notizia:

Nave Open arms

Nave Open arms

Catania – Open arms, il gip archivia l’inchiesta nei confronti del comandante e del capo missione.

Il comandante e il capo missione della nave dell’ong spagnola Open arms erano indagati per associazione a delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina. L’accusa nei loro confronti riguardava la vicenda dello sbarco a Pozzallo di 218 migranti soccorsi al largo della Libia nel marzo 2018.

Il gip di Catania ha però accolto la richiesta della procura e ha così archiviato l’inchiesta aperta nei loro confronti. 

Resta però in sospeso il fascicolo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e violenza privata aperto dalla procura di Ragusa.

Secondo quanto riporta Repubblica, il sequestro della nave era avvenuto per l’accusa perché “l’obiettivo primario è salvare migranti e portarli in Italia, senza rispettare le norme, anzi violandole scientemente”.

A Open arms veniva contestato il “rifiuto di consegnare i profughi salvati a una motovedetta libica e che, nonostante la vicinanza con l’isola di Malta, la nave proseguì la navigazione verso le coste italiane, come era sua prima intenzione”.

L’ong spagnola aveva sostenuto di “aver agito in stato di necessità per salvare vite umane”.


Condividi la notizia:
15 maggio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR