Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lettere - Viterbo - L'agente di polizia locale morta nel 2015 a causa di un malore - Avranno la finalità di finanziare spese per viaggi e soggiorni in Spagna

Otto borse di studio intitolate a Simona Cuccagna

Condividi la notizia:

Simona Cuccagna

Simona Cuccagna

Simona Cuccagna

Simona Cuccagna

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – A distanza di oltre tre anni dalla prematura scomparsa di mia sorella Simona Cuccagna, (deceduta il 06/12/2015) noto agente di polizia locale di Viterbo, conosciuta ai più per la sua dolcezza, disponibilità e generosità, nella speranza di seguire la sua volontà, io e la mia famiglia, siamo riusciti a destinare una determinata somma ad uno scopo che in qualche modo potesse rispecchiare un suo desiderio.

Chi l’ha conosciuta, sa perfettamente la passione che aveva nei confronti della sua amata Spagna e verso tutto ciò che ne fosse in qualche modo collegato.

E’ proprio in virtù di questo suo “slancio iberico” sommato all’amore che provava per la cultura, lo studio e la conoscenza di quella nazione, che abbiamo quindi pensato di rivolgerci, a chi come lei, in qualche modo è spinto da una passione analoga verso quella terra e per questo ha scelto di dedicargli parte dei propri studi.

In accordo pertanto con l’Università della Tuscia, è stato possibile indire delle borse di studio a lei intitolate e destinate a studenti iscritti ai corsi di Lingue e letterature moderne (L11) e Lingue e culture per la comunicazione internazionale (LM37), che abbiano scelto appunto, come prima lingua, quella spagnola.

Le borse assegnate avranno perciò la finalità di finanziare spese per viaggi e soggiorni in Spagna per il reperimento di materiale bibliografico per la tesi di laurea.

Il bando completo, la cui scadenza è fissata per il 7 giugno, è pubblicato sul sito dell’Unitus.

E’ facile immaginare quale sarebbe la sua reazione nel riconoscersi come colei che può aiutare diversi giovani studenti ad approfondire la propria conoscenza sulla cultura, sulla tradizione, sulla lingua spagnola.

Subito pronta a dare suggerimenti, consigli, ragguagli su ogni cosa, stilerebbe immediatamente una lista di persone da incontrare, luoghi da visitare o qualsiasi altra indicazione per permettere agli studenti di poter apprezzare al meglio quella terra che lei ha sempre ritenuto la sua seconda casa.

Ci auguriamo quindi che questa nostra scelta sia compresa nella sua più ampia valenza, che raggiunga sia lei nel suo “luogo nascosto” ma che traghetti un po’ della sua passione “spagnola” ai vincitori del concorso, permettendo loro di ottenere così, migliori risultati durante i propri percorsi di studio.

Virginia Cuccagna


Simona Cuccagna, chi non ricorda la piccola vigilessa dal cuore immensamente grande…

Sempre pronta ad aiutare chiunque, fosse soltanto per fornire una semplice informazione o fino al farsi carico di situazioni umane anche piu’ pesanti.

La vigilessa dal sorriso facile, sensibile e tenera ma anche in grado di tener testa a chi magari cercava lo scontro.

Essere agenti di polizia locale, si sa, espone immediatamente al rischio di offese, improperi o addirittura minacce, ma lei ha sempre saputo svolgere la sua professione, con serietà, educazione e cortesia, senza mai prevaricare o eccedere nei suoi comportamenti.

Ed è anche per questo che oggi nel ricordarla, suscita ancora un dolce sorriso in ognuno noi, ecco, questo vorremmo accadesse anche a quegli studenti che avranno modo di utilizzare i fondi delle borse di studio a lei intitolate…

Magari fra qualche mese, percorrendo le strade di Barcellona, passeggiando fra le meraviglie di Gaudì, incastrati fra le architetture spettacolari della Sagrada Familia o l’affascinante sorprendente facciata di Casa Batllò, qualcuno di loro le rivolgerà un pensiero ed un ringraziamento e di questo, ne siamo certi, lei ne sarà felicissima e la sua risposta al grazie ricevuto ,non potrà che essere un semplice e “spagnoleggiante”: De Nada.


Condividi la notizia:
15 maggio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR