--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Indetto dai sindacati Cub, Sicobas, Cobas e Slg-Cub

Poste Italiane, lunedì sciopero nazionale

Condividi la notizia:

Poste italiane

Poste italiane

Roma – Lunedì 3 giugno il sindacalismo di base delle Poste (Cub Poste, Sicobas Poste, Cobas Poste, Slg-Cub Poste) ha indetto lo sciopero nazionale di tutta la categoria, con manifestazione nazionale a Roma davanti alla sede di Poste Italiane spa di viale Europa 175, con concentramento dalle 11, in cui si terra anche una conferenza stampa.

L’attacco ai livelli occupazionali è il “cuore” della riorganizzazione aziendale in questa fase. Da qui discendono le conseguenze soprattutto in termini di aumento assoluto dei carichi di lavoro: dividere il lavoro su chi resta è lo scopo dell’azienda, ricalibrare i ritmi, intensificarli, raddoppiarli. Nello stesso tempo abbandona la funzione sociale e pubblica per abbracciare l’economia speculativa: “giganteggia” in Borsa, brinda, divide cedole e benefits… ma per i lavoratori le paghe non arrivano più a fine mese.

Questa complessiva e regressiva trasformazione dell’azienda ridefinisce anche le politiche occupazionali: sempre meno stabili “a tempo indeterminato”, sempre più precarie “a tempo determinato”. L’occupazione “usa e getta” è il modello dominante nell’azienda privatizzata e finanziarizzata.

Queste le ragioni di fondo dello sciopero. Contro la riorganizzazione del recapito a “giorni alterni”, la chiusura degli uffici postali, la riduzione dei Cmp, l’esternalizzazione/appalto della logistica, la precarietà dilagante. Per assunzioni stabili e di massa, copertura reale del fabbisogno nei posti di lavoro (recapito, sportelleria, cmp), assoluta sicurezza sul lavoro, azzeramento graduatorie trasferimenti, aperture di uffici postali nelle località più disagiate, consegna quotidiana della corrispondenza e ridimensionamento delle zone, con una nuova riparametrazione che dev’essere reale e non a tavolino, un reale ritorno alla sua funzione originaria quale servizio pubblico.

Cub Poste
Cobas Poste
Sicobas Poste
Slg-Cub Poste


Condividi la notizia:
26 maggio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR