--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Anche tu redattore - Viterbo - Interviene Giulio Della Rocca

“San Pellegrino in fiore si deve trasformare in Tuscia in fiore”

Condividi la notizia:

San Pellegrino in fiore

San Pellegrino in fiore

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – San Pellegrino in Fiore: ricambio generazionale e di visione.

Il sipario è calato sulla 33esima edizione di San Pellegrino in fiore ed è tempo di somme, addizioni e sottrazioni.

Grandissima intuizione quella che portò, ormai decadi fa, ad abbinare il nostro peperino alla magia dei colori naturali dei fiori. Bravi, bravi, bravi.

Grazie per 33 anni di passione colori e turismo. Forse solo secondo al festival dell’artigianato, questo evento annuale ha motivato aiutato e spinto, negli anni, a trasformare Viterbo nella città della macchina di Santa Rosa e dei festival.

Dal primo di maggio a metà luglio ne vediamo molti, sempre con cadenza annuale, che soddisfano gusti ed aspettative diverse. Benissimo, di nuovo grazie!

E’ tempo di un ricambio generazionale ma, ancor di più, è tempo di pensare in grande. Non aumentando i giorni, non funziona! Anzi ci lascia l’amaro in bocca.

Dobbiamo trasformare l’antica intuizione e ripensarla al passo con i tempi che corrono. Accettare la nuova realtà turistica e capire una volta per tutte che dobbiamo pensare Tuscia.

L’evento si deve trasformare in Tuscia in fiore. Ogni fine settimana di aprile, tre borghi della Tuscia, non Viterbo, debbono essere in fiore. Come ogni mese, quattro fine settimana fanno 12 borghi in fiore con l’aggiunta del gran finale: il primo maggio nel cuore della Tuscia in fiore: San Pellegrino!

Si fa marketing e promozione di tutta la Tuscia, si arriva più lontano, si incrementa il turismo. Tutti i comuni partecipano, con somme diverse ovviamente ma con un unico scopo. Non è difficile!

La Tuscia va sulla mappa di turismo floreale con il binomio di Peperino e fiori. La magia del contrasto tra grigio e colori vivaci fa il resto. Con tutto il rispetto per tutti, la regione ha dato 100mila euro per progetti locali e di minori ambizioni. Se la regione desse 100mila euro che si sommerebbero alle risorse comunali, sarebbe l’evento del decennio.

Questo progetto deve includere ovviamente, Bagnoregio, Bomarzo, Caprarola, Bagnaia, Vitorchiano, Bassano in Teverina e via dicendo. Le centinaia di migliaia di visitatori che già vanno in quelle destinazione avrebbero un’esperienza unica da raccontare.

Ampio raggio, impatto turistico, rivitalizzazione zone periferiche, durata mensile, continuità ideale con le meraviglie dei giardini all’italiana: Caprarola, Bagnaia, Vignanello.

Non deve essere il mio progetto, ne il progetto di Viterbo. É il primo vero progetto della Tuscia, si fa rete e si porta ricchezza. Basta chiacchiere, è il momento di fare le cose giuste!

Giulio Della Rocca


Anche tu redattore – le segnalazioni dei lettori

Chiediamo a tutti i lettori di segnalare ogni situazione interessante giornalisticamente.

Un ingorgo nel traffico, una festa, una sagra, un incidente, un incendio o qualsiasi situazione che secondo voi merita attenzione a Viterbo e in tutta la Tuscia. Basta azionare il telefonino, fotografare e scrivere due righe con nome e cognome inviandole alla redazione, specificando se si vuole essere citati nell’articolo e/o come autori delle foto, e far riferimento all’iniziativa “Anche tu redattore”. In ogni caso va inserito un proprio contatto telefonico (preferibilmente cellulare) che, ovviamente, non sarà reso pubblico. Le foto e i video devono essere realizzate da chi fa la segnalazione. 

Puoi inviare foto, video e segnalazioni contemporaneamente a redazione@tusciaweb.it e redazione.tusciaweb@gmail.com. In questo caso i testi vanno inviati in allegato in word.

Puoi anche usare WhatsApp con questo numero 338/7796471 senza nessun costo.

Insieme potremo fare un giornale sempre più efficace e potente al servizio dei cittadini della Tuscia. I materiali inviati non vengono restituiti e divengono di proprietà della testata.

Tutti i materiali inviati alla redazione, attraverso qualsiasi forma e modalità, si intendono utilizzabili in ogni forma e modo e pubblicabili. I materiali non vengono restituiti. Le foto verranno marchiate con “Tusciaweb copyright”.


Condividi la notizia:
27 maggio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR