--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Commerciante ucciso in via San Luca - L'avvocato della famiglia di Norveo Fedeli descrive il negozio dell'omicidio dopo il sopralluogo della polizia scientifica - Sangue ovunque, più di 9 ore di rilievi - Il luogo del delitto verrà ricostruito al computer - FOTO E VIDEO

“Una scena del crimine drammatica, come poche se ne vedono”

di Raffaele Strocchia

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo – Più di nove ore per passare al setaccio quella che l’avvocato Fausto Barili, legale della famiglia di Norveo Fedeli, ha definito “una scena del crimine drammatica. Come poche se ne vedono”. Ieri la scientifica è entrata nella jeanseria di via San Luca alle 9 ed è uscita alle 18,20. La pm Eliana Dolce, che coordina le indagini della polizia sull’omicidio del negoziante di 74 anni ucciso il 3 maggio scorso dal 22enne Michael Aaron Pang, ha disposto rilievi, campionamenti e anche un’analisi trigonometrica del luogo del delitto. Con un macchinario collegato a un computer, gli investigatori hanno effettuato una serie di misurazioni all’interno della boutique per poi ricostruirla graficamente. Dieci le zone di interesse rilevate, la maggior parte contenenti tracce ematiche. Nella jeanseria del quartiere San Faustino, nel cuore del centro storico di Viterbo, il sangue era ovunque: ai piedi del bancone e lungo tutto il pavimento del negozio. Pang, omicida reoconfesso, ha trascinato il corpo di Fedeli dalla cassa, dove lo ha colpito alla testa con un piccolo sgabello bianco di ferro, a un appendiabiti mobile dietro al quale lo ha nascosto.

Con il luminol la scientifica ha cristallizzato la scena del crimine. Dall’esterno erano ben visibili due impronte di scarpa. Quelle che il 22enne ha lasciato sull’uscio della boutique dopo essersi sporcato di sangue la sneaker sinistra che indossava durante il delitto. Per evitare di lasciare ulteriori tracce sulla strada per il bus che lo ha riportato a casa, il giovane l’ha avvolta in una busta. I carabinieri, fermato Pang a meno di 24 ore dall’omicidio, hanno trovato la scarpa la mattina del 4 maggio nella sua camera a Capodimonte. Era ancora sporca di sangue. Ieri gli investigatori hanno invece portato via dalla jeanseria diversi oggetti. La maggior parte sono tamponi, soprattutto di sostanze ematiche. Ma ora analizzeranno anche le tracce di sangue trovate su una maglietta grigia indossata da un manichino e quelle rinvenute su uno sgabello d’arredamento di legno. Che non è quello ritenuto l’arma del delitto, già sequestrato durante il sopralluogo effettuato subito dopo l’omicidio. I risultati dei rilievi della scientifica verranno poi incrociati con gli esiti dell’autopsia eseguita sul corpo di Fedeli dal medico legale Maria Rosaria Aromatario il 4 maggio, ma la relazione non verrà depositata prima di luglio.

Viterbo - I rilievi della polizia scientifica al negozio Fedeli di via San Luca

Al sopralluogo, oltre al capo della squadra mobile Gian Fabrizio Moschini, al quale sono state affidate le indagini, hanno preso parte anche gli avvocati Remigio Sicilia e Lilia Ladi, difensori di Pang, e il legale della famiglia Fedeli Fausto Barili. “Una scena del crimine drammatica – la descrive l’avvocato Barili -. Come poche se ne vedono. Una scena del crimine drammatica che giustifica tutti gli approfondimenti scientifici e tecnici disposti dalla pm affinché si possa cristallizzare la dinamica di un delitto che è stato efferato. L’attività svolta dagli investigatori, che hanno operato in un luogo incontaminato perché posto sotto sequestro subito dopo l’omicidio, è stata altamente professionale. Come è di spessore il lavoro che stanno svolgendo tutti gli inquirenti. Lavoro che chiarirà molti aspetti di questa tragedia. La famiglia Fedeli continuerà ad affidarsi alla procura e alla polizia, ed è pronta ad assecondare eventuali ulteriori accertamenti che il pubblico ministero dovesse far espletare per ricostruire i fatti”.



L’avvocato Remigio Sicilia, difensore del 22enne, rivela invece di aver “avanzato una serie di istanze alla pm, tra cui – spiega – la richiesta di poter effettuare un sopralluogo difensivo nel negozio di via San Luca. Affinché, prima che venga dissequestrato, possa essere fotografato e cristallizzato anche da noi”. Pang è rinchiuso nel carcere di Mammagialla da più di quindici giorni. “Lo andiamo a trovare quasi quotidianamente – afferma l’avvocato Lilia Ladi -. Ieri, essendoci i rilievi della scientifica, non è stato possibile. Ma gli faremo visita oggi e gli spiegheremo il lavoro degli investigatori nella boutique”. Nato in Corea del Sud ma residente negli Stati Uniti, il 22enne era in Italia da febbraio. Sarebbe venuto nel Viterbese per rilevare un ristorante a Vetralla. Secondo gli inquirenti, il 3 maggio avrebbe ucciso il 74enne durante una rapina. Ma lui dice di aver “reagito a un’aggressione di Fedeli. Sono entrato nel negozio – ha spiegato al gip – per comprare 600 euro di vestiti, ma la carta di credito continuava a non funzionare. Non volevo ucciderlo ma Fedeli, che fino ad allora è sempre stato molto gentile, mi ha aggredito e io ho reagito”. Prima dell’omicidio il giovane era entrato nella jeanseria il 30 aprile e il 2 maggio, quando i tentativi di pagare la merce erano andati a vuoto.

Viterbo - Pierluigi Fedeli assiste ai rilievi della polizia scientifica

Ieri ad assistere ai rilievi della scientifica c’era anche il figlio della vittima, Pierluigi. Non ha messo piede nella boutique, ma è rimasto a lungo nello spazio antistante delimitato dal nastro segnaletico. Da poco diventato papà di una bambina, aveva gli occhi ancora segnati dal dolore. In disparte, pure la moglie di Fedeli e la figlia Nathalia. Il negozio resta intanto sotto sequestro. Al termine del sopralluogo gli investigatori hanno rimesso i sigilli al cancello ed è ancora troppo presto per poter sapere quando verrà restituito alla famiglia del 74enne. Dalle 9 alle 18,20 di ieri via San Luca è rimasta chiusa al traffico, presidiata dalla polizia locale.

Raffaele Strocchia


Multimedia: Video: La scientifica nel negozio dell’omicidio – Michael Pang confessa e chiede scusa – Contro la violenza – Viterbo scende in piazza – I funerali di Norveo Fedeli – I vicini di casa di Michael Pang – Il fermo del presunto omicida – Omicidio Fedeli – La Procura: “Un ragazzo pericoloso che poteva scappare” – Omicidio in via San Luca – Commerciante ucciso a sprangate – Il sindaco: “Vittima trovata in un lago di sangue”

Fotocronaca: La polizia scientifica di nuovo in via San Luca – Omicidio Fedeli, la scientifica sulla scena del crimine – Viterbo alza la testa – Michael Aaron Pang – I funerali di Norveo Fedeli – La città saluta Norveo Fedeli – Omicidio Fedeli, il presunto killer prima e dopo il delitto – Omicidio Fedeli, i media Usa – Omicidio in via S. Luca, il fermato viene portato in carcere – Il fermo del presunto omicida di Norveo Fedeli – Negoziante ucciso a sprangate – Negoziante trovato morto in via San Luca – Omicidio in via San Luca

Videointervista: Parla la prima donna entrata nel negozio


Condividi la notizia:
22 maggio, 2019

Omicidio in via San Luca ... Gli articoli

  1. Omicidio Fedeli, Pang davanti alla corte d'assise il 13 gennaio
  2. Omicidio Fedeli, depositati i risultati di autopsia e rilievi della scientifica
  3. "Grazie ai facchini per la girata dedicata a Norveo"
  4. Omicidio Fedeli, nuovo prelievo di dna per lo statunitense Michael Pang
  5. Omicidio Fedeli, al via le perizie della scientifica di Roma
  6. Omicidio Fedeli, la scientifica sulla scena del crimine
  7. Omicidio Fedeli, l'ambasciata Usa vuole portare un dizionario a Pang
  8. Ha ucciso Fedeli e ha mangiato un kebab vicino al negozio del delitto
  9. Funzionari dell'ambasciata Usa in carcere per incontrare Pang
  10. “Norveo Fedeli per noi è un caduto sul lavoro”
  11. I parenti di Norveo: "Un omicidio brutale che non ha giustificazioni"
  12. Pang in carcere sta male, sarà visitato da uno psicologo...
  13. L'omicida di Fedeli punta a evitare l'ergastolo
  14. "Vicini al dolore della famiglia Fedeli"
  15. Resta in carcere l'assassino di Norveo Fedeli
  16. "Michael è incensurato, ha scontato con la messa alla prova la guida in stato di ebbrezza"
  17. "Pang era in trattative per rilevare un ristorante a Vetralla"
  18. Pang al gip: "Ho reagito a un'aggressione di Fedeli"
  19. "Un crimine efferato, i familiari della vittima pronti a costituirsi parte civile"
  20. "Il movente non è la rapina e non c'è premeditazione"
  21. Omicidio Fedeli, Michael Pang confessa: "Chiedo perdono"
  22. "Pang ha rischiato di uccidere mio figlio in un incidente"
  23. "Sogna in grande, spingi duro", sulla pagina Facebook di Michael una valanga di slogan motivazionali...
  24. Fedeli insospettito fotografò il ragazzo che lo avrebbe ucciso
  25. "Arresto di Michael Aaron per omicidio, la madre è sotto shock'"
  26. Pang negli Usa era stato già condannato, a nove mesi quando era minorenne
  27. "Basta con la violenza, dobbiamo costruire una città migliore"
  28. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  29. Oggi l'addio a Norveo Fedeli, è lutto cittadino
  30. "Michael Aaron è affranto e disperato, non era mai stato in carcere"
  31. Il brutale omicidio di Fedeli finisce sui media statunitensi
  32. Incensurato, americano e regolarmente in Italia
  33. "Omicidio in via San Luca, la fiaccolata è lodevole ma non è sufficiente"
  34. "Domani saremo tutti di un sentimento"
  35. Uccide Fedeli, si toglie i vestiti insanguinati e sale sul bus per Capodimonte
  36. I vestiti e le scarpe ancora sporchi di sangue in casa del ragazzo fermato
  37. "I cittadini hanno diritto a non avere timore"
  38. Bandiere a mezz'asta e un minuto di silenzio per Norveo Fedeli
  39. "Serve un piano di emergenza contro la criminalità"
  40. "Un uomo sempre sorridente e cordiale"
  41. "Speriamo si possa arrivare a una condanna definitiva quanto prima"
  42. Il presunto omicida di Fedeli fermato mentre passeggiava in piazza
  43. Fermato il presunto omicida di Norveo Fedeli
  44. "Bisogna rafforzare il controllo del territorio"
  45. Colpito alla testa e ucciso con uno sgabello, trascinato e nascosto dietro i vestiti appesi
  46. Feroce omicidio in pieno centro, gli abitanti: "Abbiamo paura..."
  47. "Il negozio era in disordine e a terra c'era tantissimo sangue..."
  48. Omicidio Fedeli, lutto cittadino e corteo silenzioso per le vie del centro
  49. Omicidio in via San Luca, sotto sequestro il negozio Fedeli
  50. "Norveo Fedeli, uomo buono e gentile"
  51. Norveo Fedeli ucciso a sprangate
  52. Omicidio in pieno giorno in un negozio in via San Luca
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR