--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Orte - Trasporti - Parla Lara Scapigliati nuova presidente del comitato pendolari, sarà alla guida del direttivo per un anno

“Sul Frecciarossa non ci esprimiamo finché non ci sarà chiarezza”

di Alessandro Castellani

Condividi la notizia:

Lara Scapigliati - Comitato pendolari Orte

Lara Scapigliati – Comitato pendolari Orte

Orte – Lara Scapigliati è la nuova presidente del Copeo – Comitato pendolari Orte.

Le elezioni per il rinnovo del direttivo si sono tenute giovedì 9 maggio e le cariche sono state assegnate domenica 12. Scapigliati, che ricopriva già il ruolo di vicepresidente nello scorso mandato, sarà in carica per un anno.

“Lavoreremo in continuità col direttivo precedente – sono le sue prime parole – e, chiaramente, molto dipenderà dal tipo di servizio che riceveremo. La nostra finalità è tenere alta l’attenzione sulle problematiche dei viaggiatori che frequentano la stazione di Orte; per farlo cercheremo di coinvolgere tutti coloro che possano dare informazioni utili, anche persone esterne al direttivo”.

Come sono i rapporti coi vari interlocutori?
“Noi cerchiamo di porci in maniera costruttiva sia con Rfi che con le regioni, Lazio in primis, anche perché i nostri riscontri sono molto utili alle loro attività. Ad esempio abbiamo dato la disponibilità a fornire dei dati per migliorare il servizio degli autobus da e per la stazione. La problematica principale che riscontriamo nell’ottenere risultati concreti e a breve termine è che Orte riceve treni che appartengono a quattro regioni differenti, per questo ogni volta ci sono tanti interlocutori con cui relazionarsi”.

Qual è la posizione del Copeo sulla questione Tav a Orte?
“Non ci esprimiamo finché non si farà chiarezza sul tipo di servizio che si andrebbe a implementare. Chiaramente non vogliamo che i pendolari vengano danneggiati in alcun modo. La linea è già satura, un treno aggiuntivo da Roma a Orte in orario da pendolare fa pensare che il regionale finirebbe spostato in lenta, come tra l’altro già accade spesso”.

Più contro che pro, quindi?
“Come detto, prima di dare una valutazione aspettiamo di capire bene cosa significherebbe l’arrivo dei Tav. Non siamo contrari in senso assoluto, tuttavia chiediamo che ogni soluzione venga decisa senza danneggiare i pendolari. La fermata di un treno ad alta velocità comporterebbe un adeguamento delle strutture della stazione, che attualmente, per fare un esempio, non consentono a un disabile di accedere autonomamente ai binari. Se il Tav significa viaggi più comodi, aumento del turismo e miglioramento della stazione noi siamo favorevoli, ma prima vogliamo vederci chiaro”.

Nel nuovo direttivo guidato da Scapigliati siedono il vicepresidente Giorgio Giammaria, il tesoriere Luigi Iannella, l’addetto alla comunicazione Claudio Listanti e l’analista delle problematiche della linea Fl1 Giulio Carpentieri.

Alessandro Castellani

 


Condividi la notizia:
15 maggio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR