--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Marta - Da domani, 31 maggio, fino al 2 giugno l'appuntamento tradizionale con la gastronomia

Tutto pronto per la 44esima sagra del lattarino

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Il presidente pescatore Giuliano Rocchi

Il presidente pescatore Giuliano Rocchi

Marta – Riceviamo e pubblichiamo – La pioggia ed il brutto tempo, non rallenta la macchina organizzatrice della grande e attesa sagra del lattarino arrivata con successo alla 44esima edizione, che si svolgerà nei giorni 31 maggio, 1 e 2 giugno, tre giorni di fine settimana, all’insegna del gusto.

Un appuntamento gastronomico, che annualmente richiama in paese migliaia di persone sul lungolago, per gustare dorato e fritto, il più piccolo dei pesci del lago.

Quarantaquattro anni portati magnificamente all’insegna del successo, quelli della sagra, frutto di impegno, passione e professionalità da parte del presidente pescatore Rocchi Giuliano, dei cuochi e degli inservienti che rendono questo appuntamento uno dei più gettonati in fatto di presenze, addirittura annoverato nel guinness dei primati, delle più importanti feste gastronomiche italiane.

Nata nel 1975, da un gruppo di amici martani, con il contributo dei pescatori di professione, gli stessi fondarono il circolo culturale A. Lisoni. La sagra è nata con lo scopo principale di far conoscere il paese di Marta, le sue bellezze storiche e paesaggistiche e nel contempo quello di far apprezzare, divulgare e valorizzare attraverso questo annuale appuntamento il pesce del lago di Bolsena, che per la sua genuinità ed il suo ottimale habitat naturale, lo rendo uno dei migliori di tutta italia, come il coregone chiamato la spigola di acqua dolce, il persico, le anguille ed i pregiati capitoni, il re del lago il luccio, la tinca e per finire il più piccolo ed il più gustoso dei pesci il lattarino che si pesca proprio in questo periodo di abbondanza.

Il presidente e pescatore Rocchi Giuliano da anni alla guida di questa sagra, insieme a tutto il gruppo di volontari stà ultimando i preparativi, già è stato posizionato nel manto erboso alla fine del lungolago il grande padellone di 9 metri e 70 centimetri di circonferenza, in attesa dell’accensione di venerdì quando il lattarino spiccherà l’ultimo salto nella padella uscendo poi croccante e dorato per fare la felicità dei buon gustai.

Il presidente Rocchi Giuliano ringrazia l’amministrazione comunale di Marta, tutti i volontari e gli sponsor che ogni anno contribuiscono al successo della sagra del lattarino, nell’interesse popolare e sociale, ricordando che questo appuntamento gastronomico è inserito tra le prime 10 del Guinnes dei primati d’Italia , un dato questo la dice lunga di quanto sia apprezzato.

Questo il programma: venerdi 31 maggio alle 7 i pescatori consegnano i lattarini appena pescati, alle 8 lavaggio e preparazione dei lattarini, alle 10 riunione dei volontari, dei cuochi e assegnazione dei compiti, alle 17 apertura stand della 44esima edizione della sagra del lattarino. Sabato 1 giugno apertura stand fino a tarda sera. Domenica 2 giugno alle 11 sfilata della fanfara dei bersaglieri per le vie del paese, alle 12 apertura stand fino a tarda sera, alle 15,30 sfilata della banda musicale Eugenio Montesi di Marta e corteo della sagra del lattarino, nei tre giorni sarà allestita la fiera mercato “Samarcanda… di tutto un po’” sul lungolago. Il menù della sagra consiste in un piatto ricordo in ceramica, lattarini marinati, lattarini fritti, pizzette fritte, pane ad un modico prezzo.

Danilo Piovani


Condividi la notizia:
30 maggio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR