Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Tutto fermo per lo scontro fra giunta e dirigenti sulle procedure da applicare

Verde, contratto scaduto il 15 aprile e l’erbaccia cresce rigogliosa

Condividi la notizia:

Viterbo - Consiglio comunale

Viterbo – Consiglio comunale

Viterbo - L'erba in via Tarconte

Viterbo – L’erba in via Tarconte

Viterbo - Giardini Pilastro - Erba alta

Viterbo – Giardini Pilastro – Erba alta

Viterbo – (g.f.) – Verde, contratto scaduto il 15 aprile e l’erba può crescere rigogliosa in città.

Tra politica e uffici, in comune si sono incartati e uscirne non sarà facile. L’assessore Enrico Maria Contardo, sollecitato da Alvaro Ricci (Pd), non nasconde le difficoltà dentro palazzo dei Priori, che producono effetti al di fuori. Piuttosto rigogliosi.

“La suddivisione in tre lotti del territorio comunale ad altrettante ditte – spiega Contardo – com’era stata predisposta dalla precedente amministrazione andava bene, inserendo altre zone non comprese. A tempo debito ho informato il settore Verde pubblico di predisporre la gara.

Ho reiterato più volte la richiesta, con il passaggio in commissione tra novembre e dicembre. Siamo arrivati ad aprile, ma dagli uffici nessun risultato”.

Un bel pasticcio. Politica e dirigenti giocano a ping pong. Rimbalzo di responsabilità.

“Gli uffici – osserva Contardo – non sono convinti di concedere la proroga alle imprese che hanno operato finora. In attesa di chiarire, si va avanti cn affidamenti provvisori”.

Siamo in ritardo. Gravissimo, fa notare Alvaro Ricci. In assenza di un nuovo bando è possibile ripristinare l’accordo negoziale con il precedente appaltatore e farglielo ripetere. È previsto nel contratto scaduto.

Pare facile, ma non lo è. Gli uffici ritengono che sia compito della giunta, l’assessore Contardo che spetti al dirigente. Con una semplice determina. Mentre si cerca una soluzione, l’erba continua a crescere.

“Non possiamo entrare nel merito di quanto accade negli uffici – osserva Fabrizio Purchiaroni, consigliere nel gruppo misto – ma una risposta alla politica la chiediamo. Quanto accade tra assessore e dirigente al servizio poco conta, ma se da agosto, Contardo ha effettuato la segnalazione senza esito, immagino che abbia preso provvedimenti conseguenti.

Fatto sta che a oggi per il verde non c’è un contratto”.

Si va avanti con gli affidamenti sotto la soglia minima per la quale scatterebbe l’obbligo di una procedura a evidenza. Fra tutte, non la scelta migliore.


Condividi la notizia:
22 maggio, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR