--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L’8 giugno alle 9 al dipartimento di scienze agrarie e forestali (Dafne)

All’Unitus un corso sulla tutela dell’ambiente montano

Condividi la notizia:

Viterbo - L'università della Tuscia

Viterbo – L’università della Tuscia

Viterbo – L’8 giugno alle 9, al dipartimento di scienze agrarie e forestali (Dafne) dell’università degli studi della Tuscia, si svolgerà un corso di aggiornamento per operatori Tam (Tutela ambiente montano) del Cai (Club alpino italiano) della regione Lazio.

L’evento, organizzato dalla commissione regionale Tam e dal Dafne, non è destinato solo a titolati ma aperto a soci Cai e a chiunque fosse interessato ai temi che verranno esposti. Il corso è inoltre propedeutico alla escursione regionale sui Monti Cimini che si terrà domenica 9 giugno ed è organizzata nell’ambito della settima giornata nazionale “In cammino nei parchi”.

Nella mattinata, dopo il saluto di Nicola Lacetera, direttore del Dafbe, sono previsti due interventi: “Foreste del Lazio: sostenibilità ambientale ed uso della risorsa legno” a cura di Angela Lo Monaco e “Agricoltura in montagna: limiti e opportunità”, che avrà come relatore Roberto Ruggeri. Gli interventi, incluso quello del fotografo Fabiano Ventura che si terrà nel pomeriggio, hanno un filo conduttore, in quanto affrontano temi riconducibili ad alcuni degli obiettivi tra i 17 che costituiscono l’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità, sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’Onu.

A questo proposito, il fotografo naturalista Fabiano Ventura, direttore del progetto “Sulle tracce dei ghiacciai: alla ricerca del passato per un futuro sostenibile”, tratterà dei cambiamenti climatici in atto, testimoniati dall’osservazione delle variazioni delle masse glaciali. Con cinque spedizioni e 25 ghiacciai analizzati nelle catene montuose più importanti del pianeta fra le quali il Karakorum, il Caucaso, l’Alaska, le Ande e l’Himalaya, il progetto ha prodotto misurazioni glaciologiche e realizzato nuove riprese fotografiche dallo stesso punto di osservazione e nel medesimo periodo dell’anno di quelle realizzate dai fotografi-esploratori di fine ‘800 e inizio ‘900.

Durante l’evento sarà anche ricordato Andrea Tomei, studente dell’Unitus, deceduto tragicamente nel terremoto di Amatrice dell’agosto del 2016. Per il secondo anno il Dafne su proposta del Cai, raggruppamento regionale delle sezioni laziali del Club alpino italiano e commissione regionale tutela ambiente montano, che ha devoluto i fondi a questo scopo, ha indetto un premio, a lui intitolato, per la tesi prodotta da un neolaureato in “Conservazione e restauro dell’ambiente forestale e difesa del suolo”. Nella giornata il vincitore illustrerà i contenuti del suo lavoro.


Condividi la notizia:
7 giugno, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR