--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Suor Chiara e suor Annunziata hanno salutato la consorella Dolores - Ieri i funerali nella basilica di Santa Rosa gestita un tempo dalle Clarisse

“Sei ancora viva nel cuore di tutti”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo - I funerali di suor Dolores

Viterbo – I funerali di suor Dolores

Viterbo - I funerali di suor Dolores

Viterbo – I funerali di suor Dolores

Viterbo - Monastero di santa Rosa - Suor Dolores

Viterbo – Monastero di santa Rosa – Suor Dolores

Viterbo - Suor Chiara

Viterbo – Suor Chiara

Viterbo - I funerali di suor Dolores

Viterbo – I funerali di suor Dolores

Viterbo - I funerali di suor Dolores

Viterbo – I funerali di suor Dolores

Viterbo - I funerali di suor Dolores

Viterbo – I funerali di suor Dolores

Viterbo - Le suore Clarisse

Viterbo – Le suore Clarisse

Viterbo - I funerali di suor Dolores

Viterbo – I funerali di suor Dolores

Viterbo – “Hai amato Viterbo, come l’ha amata Santa Rosa. E hai amato i suoi cittadini. Con loro hai condiviso gioie e dolori. Nel cuore di tanti viterbesi sei ancora viva”. Annunziata Campus e madre Chiara Agulli.

Le ultime due Clarisse viterbesi erano lì, ieri mattina, in prima fila, a salutare suor Dolores Vaillancourt che per 32 anni ha vissuto nel monastero accanto al santuario della città dei papi dedicato alla santa patrona dei viterbesi. Morta a 81 anni. Tornata così a Viterbo dove è stata sepolta al cimitero di San Lazzaro dopo i funerali celebrati da don Luigi Fabbri, vicario del vescovo Lino Fumagalli.

Qualche anno fa, rimaste soltanto in tre, le Clarisse sono state sostituite dalle Alcantarine. E la decisione aveva suscitato polemiche. Non ancora del tutto sopite.

“Essere suora – ha detto don Luigi – significa tutta la vita in un amore incondizionato e totalizzante. E di persone che consacrano tutta la vita a Dio il mondo ha estremamente bisogno per non perdere la rotta e l’orientamento. Ad attenderla ci sarà sicuramente la nostra santa Rosa e lì continuerà a pregare per noi”.

Tante le persone all’interno della basilica di Santa Rosa, in cima alla salita dove il 3 settembre di ogni anno i facchini trasportano la macchina della Santa per l’ultima tappa. Ed erano soprattutto donne, che negli anni hanno conosciuto Annunziata, Chiara e Dolores. Monache di clausura. Una città a se stante. La città delle donne che hanno deciso di consacrarsi a Dio, non di abbandonare il mondo dove invece sono sempre state attive, e attente alle sue vicende.

“Grazie suor Dolores per quello che sei stata nei 32 anni che sei vissuta con noi – hanno scritto le suore Annunziata e Chiara nel loro ricordo -. Sei stata silenziosa e sorridente. Hai sempre lavorato senza sosta. Neppure la grave malattia ti ha mai fermato. Dalle tue labbra non è mai uscito un lamento. E a chi ti chiedeva del tuo stato di salute dicevi di stare bene. Amavi aiutare le sorelle ma senza farti notare. Aiutavi i poveri che bussavano alla porta del monastero e soccorrevi i bambini”.

A fine messa, chi ha conosciuto Dolores si è avvicinata. Per portare un saluto, intrattenersi, stringere la mano e dare un bacio a suor Chiara e suor Annunziata. C’era anche chi non le vedeva da tempo. Le due consorelle, assieme a suor Dolores, che era originaria del Canada, dopo Viterbo sono state ospitate a Lugnano in Teverina, poi a San Miniato in provincia di Pisa e, per ultimo, a Fucecchio in provincia di Firenze dove Dolores è deceduta, colpita da un male incurabile.

“Il Signore – hanno concluso suor Chiara e suor Annunziata – ti aveva donata di un cuore pieno d’amore. Anche se il tuo carattere forte e volitivo ti rendeva a volte un po’ dura. Ma sapevi subito dominarti e chiedere scusa. Santa Rosa era sempre nel tuo cuore. Per lei hai lavorato senza sosta e hai sofferto. Benché arrivata dal lontano Canada, hai amato come Rosa Viterbo e i suoi cittadini e da loro eri amata. Con loro hai condiviso gioie e dolori. Nel cuore di tanti viterbesi sei ancora viva. Dal cielo abbi un sorriso per i viterbesi e per la città di Viterbo”.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotocronaca: I funerali di suor Dolores – Video: Il saluto delle Clarisse 

Articoli: – “Date una stanza del monastero a suor Chiara e suor Annunziata” – E’ morta suor Dolores

 


Condividi la notizia:
11 giugno, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR