--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lecce - Il tribunale dà l'ok all'impianto degli embrioni, fecondati quando l'uomo era ancora in vita

Avrà un figlio dal marito morto

Condividi la notizia:

Una donna incinta

Una donna incinta

Lecce – Avrà un figlio dal marito morto. 

Il tribunale di Lecce ha dato l’ok all’impianto degli embrioni fecondati con il liquido seminale di un marito morto di cancro quest’anno. L’uomo aveva avviato con la moglie la procedura per la procreazione assistita nel 2015. 

Come racconta il Nuovo quotidiano di Puglia, la coppia aveva provato ad avere un bambino l’anno prima, nel 2014, senza riuscirci. A quel punto aveva deciso di ricorrere alla procreazione medicalmente assistita: all’epoca l’uomo era sano. Solo successivamente si è ammalato di quel tumore che, nel 2019, lo ha portato alla morte, mentre con la moglie stava ancora cercando di avere un figlio tramite procreazione assistita. 

Un percorso che ha subìto una battuta d’arresto, diventata presto battaglia legale, dopo la morte dell’uomo. Il centro medico che seguiva la coppia rifiutava di procedere all’impianto degli embrioni.

Per questo la moglie ha chiesto l’autorizzazione di un giudice, presentando un ricorso al tribunale di Lecce che citava l’articolo 5 della normativa sulla procreazione assistita, secondo cui “possono accedere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita coppie di maggiorenni di sesso diverso, coniugate o conviventi, in età potenzialmente fertile, entrambi viventi”. E il tribunale, per la prima volta in Puglia e per la terza in Italia, le ha dato ragione. 

Il suo diritto alla maternità si fonda sul fatto che i futuri genitori erano entrambi in vita nel momento in cui hanno deciso di intraprendere la strada della procreazione assistita. C’è poi il diritto dell’embrione alla vita, contemplato dalla stessa legge, e l’impossibilità per l’uomo di revocare il consenso. Il tribunale ha dato quindi il consenso all’impianto degli embrioni crioconservati. Perché il bambino, scrivono i giudici, è “figlio legittimo della coppia”. E nascerà nel 2020. 


Condividi la notizia:
30 giugno, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR