--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La città è invasa dalla vegetazione, un orto botanico dell'incuria all'aria aperta

Benvenuti nella savana

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – Benvenuti nella savana. Benvenuti a Viterbo. La città è invasa dall’erba. Da nord, da sud, da est. In pieno centro. A ovest è sostanzialmente campagna. Come ti giri, ti giri. L’erba è dappertutto. Un orto botanico del degrado all’aria aperta.

Il comune, dal canto suo, dopo articoli e segnalazioni, si sta muovendo. I primi taglia a piazza della Rocca e piazzale Gramsci. Poi dovrebbe toccare a Pratogiardino. Qualcosa si muove anche a Santa Barbara. Per il resto, però, soprattutto in periferia, l’erbaccia cresce ogni giorno. Complice anche il mese di maggio, che è sempre piovuto. L’erba sta provocando anche problemi di visibilità sulla trasversale. Tant’è vero che all’imbocco di strada Bagni, direzione Vetralla, qualcuno ha schiacciato la vegetazione a terra. Per vedere chi arriva da sinistra senza doverselo ritrovare addosso.


Viterbo - Le case popolari al Carmine

Viterbo – Le case popolari al Carmine


La situazione peggiore è a sud. Quartieri Carmine e Salamaro in particolare. Le case popolari ne sono l’esempio più lampante. Qui l’abbandono è completo. L’erba comincia pure a superare l’altezza di un bambino. Vittime soprattutto le zone verdi, i parchi. Quelli dove si passa il tempo libero. Dove vanno i figli, adesso che è estate e la scuola è finita, a giocare nel pomeriggio. Per come sono ridotti, in alcuni casi le panchine dove sedersi, nemmeno si vedono. Al Carmine le siepi davanti agli alloggi popolari stanno diventando muri di “furasacchi”. A pochi passi da Pianoscarano, storico quartiere medievale, e dal centro.


Viterbo - Valle Faul

Viterbo – Valle Faul


La vegetazione si riprende la città. In presenza di uomini e donne. Di solito avveniva quando uomini e donne, la città, l’avevano abbandonata. Come è successo a Chernobyl tra gli anni ’80 e ’90. Ma prima che la gente se ne andasse e la natura prendesse il sopravvento era esplosa una centrale nucleare. Stessa dinamica lungo il 38° parallelo, tra le due Coree. Dopo la guerra tra il nord e il sud del paese, tra il 1950 e il 1953. Addirittura, da quelle parti, sembrerebbero essere ritornate specie animali che si credevano estinte per sempre. Situazione simile, in tal caso in piena provincia di Viterbo, a Faleria. Qui un pezzo del centro storico ha visto la popolazione andarsi 30-40 anni fa. E adesso è completamente invaso dai rovi in modo quasi del tutto surreale. La città dei vivi affiancata da una città morta che, tuttavia, man mano avanza, strappando pezzi alla prima.


Viterbo - La zona delle case popolari a sud

Viterbo – La zona delle case popolari a sud


Di fronte alle case popolari di via Luigi Petroselli un cartello messo lì dalla scuola primaria Alceste Grandori. “…e il bosco crescerà”, sta scritto. Si tratta del “bosco dei nonni e dei bambini”. Un progetto didattico che risale al 2002. Ragazzi e genitori avevano messo delle piante che probabilmente nessuno immaginava che quasi vent’anni dopo sarebbero state quasi sommerse dall’erba.

Anche le scuole in via Gustavo Adolfo sono circondate dalla vegetazione. E adesso che gli studenti se ne sono andati in vacanza il rischio di riparlarne a fine agosto, o dopo Santa Rosa, è concreto.


Viterbo - Valle Faul

Viterbo – Valle Faul


L’erba non risparmia neanche quartieri dove si trovano alcune delle sedi istituzionali più importanti e prestigiose. Come università e palazzo di giustizia al Riello. Oppure il centro cittadino. Valle Faul in questi giorni è deserta. Machine parcheggiate a parte. Perché tutt’attorno c’è una piccola foresta che in qualche modo si estende fin verso l’ingresso dell’ascensore che porta al colle del duomo, attratto turistico di straordinaria importanza. Fiore all’occhiello della città. Persino il Gigante Seward Johnson, la scultura che si trova sempre a Valle Faul, piuttosto che emergere, sprofonda e vegeta.


Viterbo - Centro città

Viterbo – Centro città


E dall’erba ai lati delle strade e all’interno dei parchi pubblici potrebbe uscire fuori di tutto. Insetti, vipere, serpenti e animali vari. Non si è ancora ai cinghiali ma poco ci manca.


Viterbo - Il parco tra il Pilastro e il Riello

Viterbo – Il parco tra il Pilastro e il Riello


Chi sta messo peggio di tutti è il piccolo parco pubblico a cavallo tra i quartieri Pilastro e Riello, vicino al centro commerciale. Il degrado è totale. L’erba è altissima e le piante stanno avvolgendo panchine e giochi destinati ai ragazzini. Almeno quelli che restano. Il resto di niente.

Daniele Camilli


La savana cittadina – Fotogallery: CentroNordSudEst


Condividi la notizia:
10 giugno, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. Por la libertad de Josè Pacella - Per la libertà di Josè Pacella
  2. "L'Islam è amore per la vita"
  3. Le strade che raccontano la memoria di chi non c'è più
  4. "Pasquinelli e Carloni si devono subito dimettere..."
  5. Il turismo "dimezzato" della città dei papi
  6. "Io e mio figlio siamo vivi per miracolo..."
  7. Sfiorata la strage di mamme e bambini
  8. Commercio, la "strage" di via Saffi
  9. Centoquarantadue soldati francesi sepolti "gloriosamente" lungo la Cassia...
  10. "Possiamo finalmente riavere la nostra libertà..."
  11. "Siamo intrappolati in casa da settimane per colpa di un ascensore..."
  12. "Il fuoco sembrava come una mietitrebbia..."
  13. A cena con i briganti ai piedi di Montefogliano...
  14. "Gli immigrati ci danno lavoro, mancano invece i servizi e il quartiere è dimenticato..."
  15. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  16. Le porte della città vanno di male in peggio...
  17. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  18. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  19. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  20. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  21. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  22. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  23. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  24. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  25. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  26. "Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone"
  27. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  28. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  29. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  30. "E' un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile"
  31. "La comunità islamica è parte integrante della nostra società"
  32. La battaglia di Ferento
  33. Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono
  34. La città invasa dall'erba...
  35. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  36. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  37. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  38. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  39. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  40. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  41. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  42. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  43. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  44. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  45. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  46. "Il tempo com'è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella..."
  47. La "faccia" sporca della città
  48. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  49. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  50. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  51. "Frammenti di vita per riuscire a stare insieme..."
  52. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  53. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR