--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Farnese - Appello via social delle suore clarisse per raccogliere i centomila euro necessari

“Chiesa del monastero inagibile, aiutateci a riaprirla”

Condividi la notizia:

Le suore clarisse di Farnese

Le suore clarisse di Farnese

Farnese – “Chiesa del monastero inagibile, aiutateci a riaprirla”. Si affidano al web ai social network, le suore clarisse di Farnese.

Sperano nella generosità dei navigatori per raccogliere fondi e riaprire la chiesa. La cifra che stanno tentanto di raccogliere non è di poco contro. Centomila euro.

Troppi per le suore, che lanciano il loro appello su Facebook.

“Purtroppo di recente sono state riscontrate lesioni nelle volte della nostra chiesa del XV secolo e dopo un’indagine condotta da ingegneri del ministero dei Beni Culturali è stata dichiarata inagibile.

Per il suo ripristino sono necessari interventi urgenti di consolidamento per garantire la sicurezza dell’immobile e l’incolumità delle persone”.

Occorre un gesto, anzi, tanti gesti, anche piccoli, di generosità. “Per noi monache – scrivono le clarisse – la chiesa è il luogo caro dove celebriamo quotidianamente la lode al Signore, il luogo cardine della nostra vita monastica.

Per noi la vicinanza al nostro paese ci permette di sentire il fiato della gente, di conoscere le ferite, le paure, le attese, i bisogni degli uomini.

Rispondiamo con un ascolto ospitale, come grembo che accoglie e che si fa cassa di risonanza del grido dei poveri al Padre delle misericordie.

Come monastero di sorelle povere di Santa Chiara viviamo di provvidenza e non abbiamo nessun tipo di contributo istituzionale e quindi ci rivolgiamo a quanti possono e vogliono aiutarci anche con una piccola offerta”. Finora la cifra raccolta si aggira sui tremila euro. Siamo solo all’inizio.


Condividi la notizia:
17 giugno, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR