--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Lo spettacolo ha coinvolto i ragazzi dell'associazione, la compagnia Disorganizzata, gli attori del Tetraedro e gli operatori

Eta Beta ha portato in scena le Metamorfosi

Condividi la notizia:

Viterbo - Eta Beta porta in scena le Metamorfosi

Viterbo – Eta Beta porta in scena le Metamorfosi

Viterbo - Il sindaco Arena allo spettacolo di Eta BetaViterbo - Il sindaco Arena allo spettacolo di Eta Beta

Viterbo – Il sindaco Arena allo spettacolo di Eta Beta

Viterbo - Eta Beta porta in scena le Metamorfosi

Viterbo – Eta Beta porta in scena le Metamorfosi

Viterbo - Eta Beta porta in scena le Metamorfosi

Viterbo – Eta Beta porta in scena le Metamorfosi

Viterbo - Eta Beta porta in scena le Metamorfosi

Viterbo – Eta Beta porta in scena le Metamorfosi

Viterbo - Eta Beta porta in scena le Metamorfosi

Viterbo – Eta Beta porta in scena le Metamorfosi

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Ogni volta lasciano il pubblico senza fiato: i ragazzi Eta Beta, stavolta coinvolti nella compagnia Disorganizzata insieme agli attori del Tetraedro e agli operatori, hanno di nuovo superato se stessi, proponendo, nel meraviglioso scenario del palazzo di Valentino Della Pagnotta, la prima “in esterno” di Metamorfosi.

Giochi di luci e atmosfera d’altri tempi hanno immerso gli spettatori nel “Caos”, quello scatenato dagli dei che si divertivano a vendicarsi o semplicemente a giocare con i poveri umani, anch’essi, però, capaci di cattiverie e avidità che rendono ancora attuale il testo di Ovidio.

I bravissimi attori, nonostante un vento caldo ma insistente e fastidioso, hanno eseguito alla perfezione il testo adattato dal regista Francesco Cerra e sono di volta in volta diventati Zeus, Athena, Giunone, Apollo, Dafne, Eros, Bacco ma anche Tiresia, Narciso, Aracne, la Sibilla Cumana, il Minotauro, Piramo e Tisbe, Icaro. Una serie infinita di personaggi, alla base del famoso testo classico, perfettamente a proprio agio tra giocolieri e trampolieri, tutti proposti con precisione e una verve ironica che spesso ha strappato risate al pubblico, insieme ad una valanga di applausi. Ed è stata magia.

L’associazione Eta Beta e tutte le realtà coinvolte ringraziano la curia e la diocesi, ma soprattutto don Luigi Fabbri che, con la sua disponibilità, ha reso possibile che tutto questo si avverasse.

Ringraziamenti proseguiti dalla voce del sindaco Arena, che salutando anche per conto dell’assessore Sberna, ha confermato l’eccezionalità dello spettacolo, perfetto in un luogo tanto bello. “Complimenti a Eta Beta – ha detto il sindaco – sempre presente e pronta a colmare lo spazio che serve ai ragazzi”.

“Grazie a voi – ha aggiunto il presidente Pietro Di Bella – per quanto avete fatto per permetterci di essere qui, senza di voi non sarebbe stato possibile. Da anni collaboro con Eta Beta e so benissimo quanto sono bravi, standogli vicino però ho avuto l’insegnamento più bello, ho imparato cosa è l’amicizia, l’amore puro e la forza di vivere. Dovremmo essere tutti come loro”.

“Stasera abbiamo assistito a una bella espressione di teatro e di integrazione – ha affermato il dottor Marco Marcelli – mi viene in mente una parola: armonia. Tra scene individuali, totali e il video proiettato sulla torre… confermo che lo spettacolo è stata un’ottima scelta, anche merito del contenuto. Faccio un appello a Teresa (Sebastiani, resposanbile del servizio per la Asl, ndr) budget permettendo… tutto questo va ampliato perché coinvolge e si fa cultura”.

“Stasera abbiamo respirato un’aria diversa, di grande emozione. Grazie a tutti voi” , ha aggiunto Teresa Sebastiani.

Uno spettacolo difficile e impegnativo, come conferma infine Orlando Meloni: “Ne è valsa la pena. Rete e sinergia portano al raggiungimento di un unico scopo. Tengo a chiedere un applauso a Giovanna Trippanera e Silvia Mecarini e ancora grazie a Luciano Tomei e alla signora Filoscia”.

Non potevano mancare i ringraziamenti della compagnia, che attraverso il narratore/ballerino ha manifestato il loro pensiero: “Grazie per aver condiviso con noi questo momento, un pizzico di magia”.

Lo spettacolo è stato realizzato all’interno del laboratorio di teatro integrato che vede protagonista Eta Beta onlus, in stretta collaborazione con la cooperativa sociale Gli anni in tasca, Asl Vt3 Viterbo (servizio Uosdda) e comune di Viterbo, assessorato ai servizi sociali, cooperativa universale 2000 (centro Apertamente San Carluccio). 

Eta Beta Viterbo


Condividi la notizia:
15 giugno, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR