--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Giallo di Ronciglione - I giudici del tribunale del Riesame: "I familiari hanno fatto corpo a difesa del parente omicida"

“La madre e la nonna avevano paura che Landolfi potesse ‘buttare di sotto’ anche loro”

di Raffaele Strocchia

Condividi la notizia:

Andrea Landolfi e Maria Sestina Arcuri

Andrea Landolfi e Maria Sestina Arcuri

Andrea Landolfi con la nonna Mirella Iezzi

Andrea Landolfi con la nonna Mirella Iezzi

Ronciglione - Ragazza cade dalle scale e muore - I rilievi del Ris

Ronciglione – Ragazza cade dalle scale e muore – I rilievi del Ris

Ronciglione – “I familiari hanno fatto corpo a difesa del parente omicida”. I giudici del tribunale del Riesame di Roma lo scrivono nell’ordinanza con cui hanno accolto il ricorso della procura di Viterbo che chiedeva l’arresto in carcere di Andrea Landolfi Cudia per l’omicidio volontario della fidanzata Maria Sestina Arcuri. Per i magistrati di piazzale Clodio, a differenza del gip di Viterbo, il 30enne va arrestato.

“I parenti dell’indagato – scrive il collegio presieduto da Bruno Azzolini -, con particolare riferimento alla nonna e alla madre, conoscevano da anni la situazione patologica della sua psiche, ma si sono sempre preoccupati maggiormente di tutelarlo per consentirgli una vita sociale ‘normale’ ed evitargli conseguenze dannose, più che prendere atto seriamente della pericolosità del giovane e imporgli con ogni mezzo possibile di curarsi”.

Per il Riesame, “l’indagato ha problemi con l’alcol e una personalità instabile e oggetto di plurimi accertamenti da parte del dipartimento di salute mentale della Asl di Roma. Il 23 giugno 2008 – riepilogano i giudici – è stata la nonna, sempre presente in tutte le circostanze per aiutare e difendere a ogni costo il nipote, che ha chiesto ai sanitari di occuparsi di Andrea il quale, sottoposto a visita, ha riferito di essere molto nervoso, di rompere gli oggetti e di essere violento con le persone. In particolare, ha riferito di aver avuto un ‘gesto di violenza’ con la ragazza dell’epoca che aveva tirato per i capelli durante un litigio che aveva come causa scatenante l’aborto spontaneo della giovane. Lo stesso sanitario dà atto delle ripetute visite della nonna, che riferiva in ordine alla difficoltà della situazione di Andrea che ‘è a volte violento’. Nella cartella clinica, in alcune occasioni, si definisce lo stato di Landolfi come ‘ubriaco e strafatto’. La madre di Andrea, si legge ancora nel documento, si è recata alla Asl per riferire della minaccia da parte di Andrea al nonno con un coltello”.

Agli atti c’è anche un’altra cartella clinica, datata luglio 2013. “Landolfi è tornato dopo molti anni al dipartimento di salute mentale: si presenta ‘con la nonna, ancora una volta – sottolineano i giudici -, in seguito all’assunzione di alcol’. È significativo – evidenzia il collegio – che nel documento si dica che il ragazzo è ‘scortato dalla signora’”. E poi il 14 settembre 2015, quando “la nonna lamenta la stanchezza nell’occuparsi del nipote segnalando la sua violenza. Il giorno successivo si è presentata da sola dai sanitari e ha riferito che Andrea non è riuscito ad arrivare perché ‘ieri sera ha bevuto tantissimo’”.

Per il Riesame, la nonna, Mirella Iezzi, 80 anni, è “pronta ad aiutare il nipote proteggendolo a dispetto di qualsiasi evidenza, disposta a mentire a chiunque per questo”. Secondo i magistrati di piazzale Clodio, su quanto avvenuto la sera e la notte tra il 3 e il 4 febbraio, la nonna ha “mentito sull’orario di rientro a casa della coppia Landolfi/Arcuri. Ha mentito sulle ragioni che l’hanno spinta ad abbandonare la propria casa e sull’orario nel quale è uscita. Ha mentito sulla reale causa delle lesioni al costato (frattura di tre costole) che, come riferito dalla figlia Roberta, madre dell’indagato, e come risulta dalle intercettazioni ambientali, le sono state procurate da un pugno alle costole sferratole dal nipote. Ha certamente mentito allorché ha dichiarato che la vittima si era procurata le lesioni cadendo dalle scale insieme al nipote e ha certamente mentito anche sul clima sereno esistente tra il nipote e Arcuri, arrivando perfino a riferire, in maniera assolutamente inverosimile, per accreditare la propria versione falsa, di aver sentito Landolfi avvertire: Attenta Maria Sestina, che cadi dalle scale e mi fai cadere”.

Ma signora Mirella, per i giudici, ha paura. Il nipote è indagato non solo per omicidio volontario aggravato e omissione di soccorso nei confronti di Maria Sestina, ma anche per lesioni aggravate proprio sulla nonna, alla quale, quella notte, ha sferrato un pugno fratturandole tre costole. “Dopo la morte di Maria Sestina – rivela il Riesame – Iezzi e la madre di Landolfi, Roberta, hanno manifestato apertamente il timore di una reazione violenta del giovane nei loro confronti, evitando di convivere con lui”. Da alcune conversazioni, intercettate dagli investigatori, in particolare, “emerge chiaramente che perfino la nonna e la madre dell’indagato dichiarano di aver paura dell’indagato che potrebbe, l’espressione è della prima, ‘buttarla di sotto'”. “Tali sentimenti di timore dei parenti dell’indagato – per i giudici – sono la più evidente delle dimostrazioni della pericolosità di Landolfi”.

Infine: “I problemi che Landolfi ha con l’alcol, al cui abuso reagisce divenendo aggressivo e violento, erano a tutti ben noti – sostiene il Riesame -. La nonna dell’indagato è da sempre pronta a difendere e aiutare il nipote, pur nutrendo timori per i suoi comportamenti aggressivi e a volte incontrollabili. Ma tale atteggiamento del gruppo familiare, comprensibile umanamente, fornisce all’indagato un supporto incondizionato e rafforza nello stesso il sentimento di impunità e forse non è stato d’aiuto a Landolfi, il quale ha continuato a vivere sopra le righe mettendo in pericolo le persone che venivano a contatto con lui ed è stato uno degli antecedenti necessari per la tragica conclusione della vicenda”.

Raffaele Strocchia


Multimedia: Fotocronaca: Giallo di Ronciglione, terzo sopralluogo dei Ris – Il sopralluogo dei Ris – I Ris di nuovo nella casa della tragedia – I Ris nella casa della tragedia – Video1 – Video2 – Video: Terzo sopralluogo dei Ris


Presunzione di innocenza
Per indagato si intende semplicemente una persona nei confronti della quale vengono svolte indagini preliminari in un procedimento penale.

Nel sistema penale italiano vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio. Presunzione di innocenza che si basa sull’articolo 27 della costituzione italiana secondo il quale una persona “non è considerata colpevole sino alla condanna definitiva”.


Condividi la notizia:
16 giugno, 2019

Cade dalle scale e muore ... Gli articoli

  1. La mamma di Sestina: "Non mi interessa incontrare la madre di Andrea..."
  2. "La stessa psicologa della procura dice che il figlio di Landolfi non è attendibile"
  3. "Landolfi ha ripulito casa dalle tracce di sangue e vomito lasciate da Maria Sestina"
  4. "Assassina, devi stare in galera come tuo nipote"
  5. La Cassazione: "Maria Sestina Arcuri lanciata dalle scale, non ha potuto difendersi"
  6. "Dal campione di boxe al macellaio della nonna ai superluminari, ecco i testimoni di Landolfi"
  7. "Dal giorno della tragedia, io sono morto insieme a Sestina"
  8. "Morte di Sestina Arcuri, il campione di pugilato Nino Benvenuti tra i testimoni della difesa"
  9. Landolfi incastrato dal figlioletto, Meluzzi consulente
  10. Roberta Landolfi: "Voglio abbracciare la mamma di Sestina"
  11. Andrea Landolfi: "Mio figlio è stato imbeccato per fargli dire che sono colpevole..."
  12. Andrea Landolfi dal carcere: "Non ho ucciso Sestina, sono un uomo generoso e non sono un assassino"
  13. La scala della morte di Sestina Arcuri, nella casa dei misteri…
  14. La madre di Sestina: "E' stato lui a ucciderla" - La madre di Andrea: "Volevano un bimbo"
  15. Morte di Maria Sestina, salta il processo per omicidio al fidanzato
  16. Morte di Maria Sestina Arcuri, al via il processo al fidanzato per omicidio
  17. Morte di Maria Sestina, indagata anche la nonna di Andrea Landolfi
  18. La nonna di Landolfi: "Ho raccolto io Andrea e Sestina, e lei stava bene"
  19. Sì al giudizio immediato, al via a dicembre il processo per omicidio al fidanzato di Maria Sestina
  20. "Morte di Maria Sestina, giudizio immediato per il fidanzato arrestato per omicidio"
  21. Il fidanzato di Maria Sestina Arcuri: "Fu lei a spingermi per le scale"
  22. Accusato dell'omicidio della fidanzata, Andrea Landolfi fa scena muta davanti al giudice
  23. "Andrea Landolfi potrebbe uccidere di nuovo, contro di lui non c'è solo il figlio"
  24. Landolfi a Regina Coeli in attesa dell'interrogatorio di garanzia
  25. In carcere per omicidio volontario il fidanzato di Maria Sestina Arcuri
  26. Landolfi in carcere per omicidio? Ago della bilancia la testimonianza del figlio di 5 anni
  27. Sì o no all'arresto di Andrea Landolfi, col fiato sospeso fino a domani
  28. Andrea Landolfi in carcere? Oggi si decide la sorte del fidanzato di Maria Sestina Arcuri
  29. Andrea Landolfi in carcere? Dopo l'estate la decisione della Cassazione
  30. Arresto di Landolfi, depositato il ricorso in Cassazione
  31. "Questa è l'ultima volta che vedi Maria Sestina..."
  32. Andrea Landolfi: "Ho lanciato Maria Sestina dalle scale"
  33. "Maria Sestina lanciata dalle scale e poi insultata"
  34. "Quello che ha detto il figlio di 5 anni di Landolfi non può valere come prova"
  35. "Il riesame dice che la nonna di Landolfi mente su tutta la linea"
  36. Sì all'arresto di Landolfi, fidanzato di Maria Sestina
  37. I testimoni: "Sestina pronta a lasciare Landolfi, quella notte voleva dormire da sola in albergo"
  38. I Ris per altre 4 ore nella casa della tragedia, sequestrati vestiti sporchi di sangue
  39. Se arriva l'arresto per Landolfi, non sarà immediato
  40. Arresto sì o no, la sorte del fidanzato di Maria Sestina è nelle mani del riesame
  41. "Siamo tranquilli"
  42. Landolfi al 118: "Stavamo giocando e siamo caduti dalle scale, ma la botta più forte l'ho presa io..."
  43. Il figlio di 5 anni di Landolfi: "Ho visto papà buttare Sestina dalle scale"
  44. Ragazza caduta dalle scale, si saprà entro fine mese se il fidanzato sarà arrestato
  45. "Maria Sestina in coma subito dopo la caduta"
  46. "Landolfi in carcere? Non ci sono elementi"
  47. La procura: "Il fidanzato ha ucciso Maria Sestina Arcuri"
  48. Ragazza caduta dalle scale, chiesto l'arresto per omicidio del fidanzato
  49. "Maria Sestina Arcuri volata giù dal pianerottolo delle scale"
  50. "Non incolpo nessuno, voglio sapere cosa è successo a mia sorella"
  51. "Tu con una figlia morta e io con un figlio in galera"
  52. "Sestina non è stata picchiata, ma potrebbe essere stata spinta"
  53. Giallo di Ronciglione, Landolfi indagato anche per omissione di soccorso
  54. "La famiglia Arcuri è distrutta, vuole verità"
  55. "Ho visto Sestina battere la testa, ma non si era fatta nulla..."
  56. "Sestina era il mio amore"
  57. "Andrea caduto dalle scale anche con la ex, ma lui non si fa mai male"
  58. "Ho finito le lacrime, ma ho tanta rabbia"
  59. La ex di Andrea Landolfi: "Mi ha picchiata, tirato i capelli e riempita di morsi"
  60. Cade dalle scale e muore, i Ris per altre cinque ore nella casa della tragedia
  61. "Andrea è ancora in condizioni di affanno psicologico"
  62. "Mio figlio era innamorato, la voleva sposare e avere un bambino da lei"
  63. I Ris tornano nella casa della tragedia, la nonna di Landolfi testimone oculare
  64. "Quei 17 gradini verso la mansarda dove Sestina è caduta..."
  65. "Mia sorella caduta dalle scale? Non ci credo"
  66. “Sestina era irriconoscibile aveva testa e un occhio gonfi"
  67. I Ris per sei ore nella casa della tragedia, sequestrata l'auto della coppia
  68. "Hanno discusso, e lei non era serena..."
  69. Femminicidio o incidente? Fondamentali Ris e autopsia
  70. I vicini: "Quella notte non abbiamo sentito niente"
  71. Donati gli organi della ragazza precipitata dalle scale
  72. Ragazza precipitata dalle scale, il fidanzato indagato per omicidio
  73. Ragazza precipita dalle scale e muore, non si esclude il femminicidio
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR