--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il criminologo Claudio Mariani risponde ad Amanda Knox che a Modena ha definito Rudy Guede "ladro e assassino"

“Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo – “Sarebbe stato meglio invitare altre persone”. Il criminologo Claudio Mariani risponde ad Amanda Knox. Lo fa indirettamente. Puntando il dito verso il festival della giustizia organizzato a Modena dalla camera penale che ha invitato la scrittrice e giornalista americana Knox a intervenire durante il dibattito “Il processo mediatico al cospetto dell’errore giudiziario”.

Knox è in Italia per la prima volta dopo la scarcerazione del 2011. Insieme a Raffaele Sollecito e Rudy Guede, è stata accusata dell’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, uccisa a Perugia il primo novembre 2007. Knox e Sollecito sono stati assolti in via definitiva. Guede è invece in carcere a Viterbo condannato, in via definitiva, per concorso nell’omicidio della giovane inglese.


Rudy Guede fuori dal carcere di Mammagialla con l'avvocato Fabrizio Ballarini e Claudio Mariani

Rudy Guede fuori dal carcere di Mammagialla con l’avvocato Fabrizio Ballarini e Claudio Mariani


“Il primo novembre 2007 – ha raccontato Knox nel corso del suo intervento al dibattito – un ladro, Rudy Guede è entrato nel mio appartamento e ha violentato e ha ucciso Meredith. Ha lasciato tracce di dna e impronte. È fuggito dal Paese, processato e condannato. Nonostante ciò un numero importante di persone non ha sentito il suo nome, questo perché pm, polizia e giornalisti si sono concentrati su di me. Giornalisti chiedevano di arrestare un colpevole. Hanno indagato me mentre Guede fuggiva. Non basandosi su prove o testimonianze”.


 

Cristiana e Claudio Mariani

Cristiana Cardinali e Claudio Mariani


Claudio Mariani è un criminologo viterbese che conosce molto bene Rudy Guede. Con Cristiana Cardinali lo seguono fin dall’inizio della detenzione nel carcere di Mammagialla a Viterbo dove Guede sta conseguendo la sua seconda laurea, una magistrale in storia con tesi sulla narrazione cinematografica.

Con gli avvocati Tommaso Pietrocarlo e Monica Grossi, Guede tre anni fa chiese anche la revisione del processo respinta dalla corte d’appello di Firenze. Pena, quindi, rimasta inalterata. Sedici anni di carcere, da scontare fino al 2023.

Nel frattempo, dopo aver scontato metà della pena, Rudy Guede ha avuto accesso ai benefici previsti dalla legge. Dai permessi premio a Viterbo a quelli vicino Perugia dove ad accoglierlo c’è sempre la famiglia di Daniele Mancini e della maestra Ivana. Di fatto, la sua seconda famiglia, assieme a quella di Mariani. Da un anno, Rudy Guede lavora anche con una cooperativa locale occupandosi di bibliografie e catalogazione di libri.


Rudy Guede fuori dal carcere di Mammagialla

Rudy Guede fuori dal carcere di Mammagialla


“Il festival di Modena è una lodevole iniziativa – ha spiegato Mariani – che mette l’accento sulle conseguenze drammatiche spesso irreparabili anche quando gli imputati non colpevoli riescano a dimostrare la loro innocenza. Non c’è bisogno di ricordare in questa sede che in realtà dovrebbe essere il sistema giudiziario a dimostrarne la colpevolezza. Tra gli invitati al convegno spicca indubbiamente il nome della signora Amanda Knox, oggi affermata scrittrice e giornalista americana. È apprezzabile questo invito in quanto chiedere scusa quando si sbaglia (o quando si teme di aver sbagliato) è certamente un gesto intelligente ma vorremmo proporre una riflessione.

Proprio a Modena nel 2012 veniva arrestata la professoressa Maria Grazia Modena nell’ambito di uno scandalo definito ‘camici sporchi’ dai media che si occuparono della vicenda. Al tempo era primario presso il reparto di cardiologia e docente universitaria e fu arrestata mentre l’elicottero controllava dall’alto il suo appartamento come si compete in genere a un boss criminale di alto livello. Fu rimossa da tutti i suoi incarichi e impiegò sei anni per mettere la parola fine al suo calvario e ancora oggi non ha potuto recuperare tutto quel che ha perduto. Alcune cose irrimediabilmente. La dottoressa Modena è un’eccellenza italiana e il suo curriculum vitae occupa 97 pagine! Considerato quindi che nella stessa città dove ha luogo il convegno si è verificato uno degli episodi più incresciosi che hanno a che fare con il tema dell’ingiustizia è plausibile chiedersi come mai non sia stata invitata”.


Rudy Guede fuori dal carcere di Mammagialla con Cristiana Cardinali e Claudio Mariani

Rudy Guede fuori dal carcere di Mammagialla con Cristiana Cardinali e Claudio Mariani


Mariani cita anche una seconda persona che avrebbe potuto essere invitata al posto di Amanda Knox. “Ricordiamo – dice il criminologo – un altro caso sempre dello stesso periodo che coinvolse la dottoressa Ilaria Capua, una virologa che ha reso grande il nome dell’Italia nel mondo scientifico internazionale ed autrice di ben 180 pubblicazioni, la quale rimase coinvolta in una assurda storia di “traffico di virus” e che è stata costretta a vivere l’onta e la drammatica dinamica del mostro in prima pagina, a tal punto che dovette emigrare negli Stati Uniti dove oggi dirige un centro scientifico prestigioso e un importante incarico di ricerca. Anche lei impiegò anni per dimostrare la sua innocenza e anche lei non interverrà al primo festival della giustizia. Due donne che avevano perduto l’onore e la dignità: una forse troppo vicina, perché vive nella stessa città dove ha luogo il convegno, ed una forse troppo lontana perché in “esilio” negli Stati Uniti, dove oggi vive anche la signora Knox”.


Amanda Knox

Amanda Knox


“In conclusione – chiude Claudio Mariani – quindi pur apprezzando l’iniziativa e gli intenti degli organizzatori, ci sia consentita una perplessità: non vogliamo assolutamente pensare che sia stata invitata la Signora Amanda Knox per il suo appeal mediatico in quanto proprio questo aspetto è quello maggiormente contestato dal progetto che ha dato origine al festival! E’una perplessità legittima?”

Daniele Camilli


Multimedia: Primo giorno di lavoro per Rudy Guede – Rudy Guede esce dal carcere – Rudy Guede a cena fuori dal carcere – Video: Rudy Guede fuori da Mammagialla 

Articoli: “Rudy Guede ha violentato e ucciso Meredith” – Amanda Knox sbarca a Milano, mentre Rudy Guede va verso la seconda laurea  


Condividi la notizia:
16 giugno, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. "Pasquinelli e Carloni si devono subito dimettere..."
  2. Il turismo "dimezzato" della città dei papi
  3. "Io e mio figlio siamo vivi per miracolo..."
  4. Sfiorata la strage di mamme e bambini
  5. Commercio, la "strage" di via Saffi
  6. Centoquarantadue soldati francesi sepolti "gloriosamente" lungo la Cassia...
  7. "Possiamo finalmente riavere la nostra libertà..."
  8. "Siamo intrappolati in casa da settimane per colpa di un ascensore..."
  9. "Il fuoco sembrava come una mietitrebbia..."
  10. A cena con i briganti ai piedi di Montefogliano...
  11. "Gli immigrati ci danno lavoro, mancano invece i servizi e il quartiere è dimenticato..."
  12. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  13. Le porte della città vanno di male in peggio...
  14. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  15. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  16. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  17. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  18. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  19. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  20. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  21. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  22. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  23. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  24. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  25. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  26. Benvenuti nella savana
  27. "E' un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile"
  28. "La comunità islamica è parte integrante della nostra società"
  29. La battaglia di Ferento
  30. Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono
  31. La città invasa dall'erba...
  32. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  33. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  34. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  35. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  36. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  37. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  38. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  39. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  40. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  41. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  42. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  43. "Il tempo com'è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella..."
  44. La "faccia" sporca della città
  45. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  46. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  47. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  48. "Frammenti di vita per riuscire a stare insieme..."
  49. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  50. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR