--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Fatture tarocche - In aula il giornalista Mauro Favale di Repubblica parla del "controdossier" consegnatogli dall'ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio

“Fiorito disse anche a me che Battistoni aveva un’amante”

di Silvana Cortignani

Teverina-Buskers-560x60-sett-19

Condividi la notizia:

Franco Fiorito

Franco Fiorito

Paolo Gianlorenzo

Paolo Gianlorenzo

Viterbo – Tra il 12 e il 13 settembre 2012, Fiorito sarebbe schizzato qua e là per Roma, con almeno una decina di plichi contenenti le presunte fatture gonfiate dei suoi colleghi consiglieri regionali del Pdl, da consegnare alla stampa capitolina che conta perché avessero massima diffusione.

Sempre accompagnato dai suoi autisti, due in forza alla Regione Lazio e un altro promosso sul campo segretario personale, pronti a portare ovunque volesse andare Franco “er Batman” Fiorito. Sarebbe stato proprio l’ex autista-segretario-factotum, nel secondo giorno di peregrinazioni, a portare in zona Portuense il plico poi recapitato da un collega viterbese a Paolo Gianlorenzo.

Nella due giorni più calda dello scandalo “Rimborsopoli”, sfociato nelle dimissioni in blocco della giunta governata da Renata Polverini, Fiorito avrebbe girato come una trottola per la capitale a fare fotocopie e consegnare documenti ai giornalisti. Tra i quali il “dossier Battistoni”, pubblicato con un giorno di ritardo rispetto all’esplosione della “bomba” anche dal cronista viterbese Gianlorenzo, finito a processo per diffamazione assieme allo stesso ex capogruppo regionale del centrodestra (accusato anche di calunnia) quando si è scoperto che le fatture non erano gonfiate, ma tarocche. 

Il processo a Gianlorenzo e Fiorito, difesi da Carlo Taormina, Fausto Barili e Franco Taurchini, è ripreso ieri davanti al giudice Giacomo Autizi del tribunale di Viterbo. Parte civile con l’avvocato Enrico Valentini l’attuale senatore Francesco Battistoni, all’epoca consigliere regionale nella corrente opposta all’interno del partito. E con lui la segretaria, della quale Gianlorenzo scrisse  facendo allusione al fatto che fosse l’amante. 

“Fiorito lo disse anche a me che la segretaria era l’amante di Battistoni, mostrandomi una fattura relativa alla prenotazione di una camera matrimoniale a Torino, in occasione del Salone del gusto 2010, alludendo al fatto che non era un viaggio di lavoro, ma di coppia”, ha rivelato ieri in aula il giornalista di Repubblica Mauro Favale, sentito come testimone, che il 12 settembre 2012 avrebbe voluto intervistare Fiorito come indagato e invece si vide consegnare un “controdossier”.

“Era in atto una faida nel gruppo Pdl alla Regione Lazio, Fiorito rispondeva alle critiche con un ‘controdossier’, dicendo che da tesoriere aveva dovuto firmare fatture per altri colleghi consiglieri del gruppo”, ha spiegato Favale, al quale avrebbe anche detto di non potergli consegnare un altro incarto, contenuto in una cartellina rosa, all’interno del quale, secondo l’accusa, si sarebbe trovato il “dossier Battistoni” pubblicato da Gianlorenzo.

“Di Francesco Battistoni mi fece vedere la fattura della prenotazione della camera doppia, mi disse che era per lui e la segretaria, ma che la segretaria in realtà era l’amante… cosa che io non ho riportato nell’articolo del giorno successivo, in quanto la ritenevo una questione semmai da approfondire col diretto interessato e solo relativamente al fatto se il viaggio a Torino fosse o meno di lavoro, non certo se fosse con l’amante, cosa in ogni caso privata, per la quale non avevo alcun interesse professionale”, ha concluso il giornalista di Repubblica. 

In aula anche i due autisti del consiglio regionale del Lazio che il 12 e il 13 settembre di sette anni erano al servizio di Fiorito.

Il 12 settembre, uscito alle 15 da casa, Fiorito si sarebbe recato presso gli uffici dell’onorevole Vincenzo Piso in piazza san Silvestro, poi sarebbe tornato a casa uscendo di nuovo per andare a fare in una copisteria di viale Liegi quattro fotocopie di un plico, quindi si è fatto potare a piazza Venezia dove ha consegnato la prima cartellina, poi all’Agi sulla Cristoforo Colombo dove ha consegnato la seconda, quindi presso la sede del Messaggero in via del Tritone con la terza, spedendo l’autista di nuovo in piazza San Silvestro a consegnare la quarta. 

Anche il 13 settembre Fiorito si è fatto prelevare a casa alle 15, uscendo con 4-5 plichi, secondo i testimoni, e facendosi portare al bar di piazza Euclide dove aveva appuntamento con due giornaliste cui avrebbe consegnato un’altra cartellina. Avrebbe invece spedito a bordo della sua Smart bianca l’autista-segretario-factotum in zona Portuense a consegnarne un’altra, che sarebbe quella recapitata al giornalista incaricato da Paolo Gianlorenzo. Dopo l’intervista al bar Euclide, infine, Fiorito si sarebbe fatto portare presso la sede del partito in via dell’Umiltà, dove si sarebbe trattenuto fino a circa le 21. 

Il processo riprenderà il prossimo 12 settembre, a sette anni esatti dai fatti, quando, salvo imprevisti, saranno sentiti gli ultimi testimoni dell’accusa. 

Silvana Cortignani

 

 

 


Condividi la notizia:
28 giugno, 2019

Inchiesta fatture false ... Gli articoli

  1. "Francesco Battistoni adesso scoppia..."
  2. "C'era un clima da coltelli dentro Forza Italia, chi si esponeva rischiava"
  3. "Falso il voucher con cui si insinuava che Battistoni avesse l'amante"
  4. "Il dossier è una bomba, disse Fiorito, accanendosi su Battistoni..."
  5. Fatture tarocche, tre giornalisti i primi testimoni dell'accusa
  6. Fatture tarocche, slitta l'ora della verità
  7. Processo fatture tarocche, ping pong tra giudici
  8. Fatture taroccate, Battistoni si costituisce parte civile
  9. Fatture tarocche, partito il processo
  10. Fatture tarocche, se ne riparla tra qualche giorno
  11. Fatture tarocche, al via il processo
  12. Diffamazione a Battistoni, Fiorito prosciolto
  13. Fiorito e Gianlorenzo rinviati a giudizio
  14. Fatture false, ancora guai per Franco Fiorito
  15. Fatture false, chiesto il rinvio a giudizio per Fiorito e Gianlorenzo
  16. Fatture 'tarocche', Fiorito e Gianlorenzo davanti al gup
  17. Fatture taroccate, Fiorito a processo per diffamazione
  18. Fatture taroccate, udienza preliminare per Fiorito e Gianlorenzo
  19. Fatture false, chiesto il rinvio a giudizio per Fiorito e Gianlorenzo
  20. Fiorito accusato di aver contraffatto o fatto contraffare le fatture
  21. Fatture false, la chiusura delle indagini sul Corriere della sera
  22. Fatture false, chiuse le indagini
  23. Fatture false, ok la proroga delle indagini
  24. "Incomprensibile richiesta di proroga delle indagini"
  25. Ultima chiamata per Franco Fiorito
  26. Fatture taroccate, indagine alla conclusione
  27. Fatture tarocche, chiesta proroga delle indagini
  28. "Io con le fatture false non c'entro nulla"
  29. Fatture false, blitz della polstrada in Regione
  30. Piso valuterà se costituirsi parte civile contro Fiorito
  31. Quattro ore di interrogatorio per Piso
  32. Piso in procura a Viterbo
  33. Pc e fatture restano sotto sequestro
  34. Possibile nuovo interrogatorio di Fiorito
  35. "Mai chiesto dossier a Fiorito"
  36. Fiorito ai pm: la Birindelli mi chiese quel dossier
  37. "Mai partecipato a riunioni con coordinatori regionali"
  38. "Mai preso faldoni dalla segretaria di Fiorito"
  39. "Fiorito ha indicato il possibile falsificatore"
  40. Fiorito interrogato per cinque ore
  41. Fiorito indagato anche a Viterbo
  42. Taormina: "Gianlorenzo dovrà spiegare..."
  43. "Analogie tra l'inchiesta Birindelli e quella sulle fatture false"
  44. Fiorito: Non so nulla di fatture false
  45. Fiorito: "Con le fatture false non c'entro niente"
  46. Pazienti: "Almeno sei fatture false"
  47. Franco Fiorito è arrivato in procura
  48. Fiorito ascoltato come testimone dalla procura di Viterbo
  49. Fatture "taroccate", scatta la prima denuncia
  50. Tre ore a caccia di un dossier
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR