--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il giornalista e senatore M5s a Caffeina con il suo libro "Una vita a rate" ma parla anche d'altro

Gianluigi Paragone: “Non farò carriera politica…”

Condividi la notizia:

Viterbo – (g.f.) – “Non farò carriera politica”. Gianluigi Paragone a Caffeina. Da giornalista a parlamentare (M5s), seppure a tempo.

Ma nel cortile di palazzo dei Priori non è in veste di giornalista e nemmeno di senatore, piuttosto di scrittore. Presenta il suo libro Una vita a rate, intervistato da Angelo Deiana.

La politica c’entra, ma c’entra pure alto. A cominciare dalla battaglia di Paragone: “Contro la supremazia della finanza sull’economia reale che proprio non mi piace”. Ne scrive come scrittore, ne parla come giornalista prestato alla politica. Attività che ha già una data di scadenza. Le regole del movimento non consentono deroghe.

“Si fanno due legislature – dice Paragone – e poi te ne torni alla tua professione. Non farai carriera, non diventerai un politico di professione. È una testimonianza, poi si esce”.

Gianluigi Paragone

Un percorso. “Prima ho raccolto storie – spiega Paragone – le ho raccontate e ora provo a portarle dentro le istituzioni. Il passo è diverso e non è facile”. Come non è facile non rimanere intrappolati in certi meccanismi. E qui entra in campo il libro.

“Gli italiani – dice Paragone tornando al tema del suo ultimo lavoro – sono ancora grandi risparmiatori, ma sono pure indebitati e lo stanno diventando sempre di più. Colpa di un inganno, di chi quotidianamente ti dice: lascia stare i risparmi, non intaccare il capitale. Prendi ciò che vuoi, tanto lo paghi a rate. Così si finisce indebitati”.

Gianluigi Paragone a Caffeina

E se i debiti diventano troppi, l’aria cambia. “Ti trasformi in un cattivo pagatore, sei un po’ come un infettato, non puoi più ricevere altro. Ma sono loro a portarti a questo. Oggi per acquistare auto, telefoni, tutto, ti spingono a pagare a rate”. Una vita a rate, appunto. Come il suo libro.

“Del resto – continua Paragone – perché rinunciare al desiderio? Nemmeno per sogno. C’è il flauto magico che suona e ti dice, perché rinunciare a qualcosa? Fissa un appuntamento e ti diamo il prestito che ti serve”. Se ti va male, però, chi si indebita non ha ciambelle di salvataggio. Le priorità del sistema sono altre.

Gianluigi Paragone

“Il problema è risolvere le sofferenze bancarie. Dirottiamo l’attenzione su un oggetto, le sofferenze, perdendo di vista i sofferenti.

Quei sofferenti generano insofferenza e la scaricano sugli ultimi e diventa una lotta dell’ultimo sul penultimo”.

L’economia s’accosta alla politica. Tema ricorrente, l’uscita dall’euro. Presto per Paragone sarà un argomento superato.

“L’uscita dall’euro fra tre anni mio figlio come problema non se lo porrà. Uscirà lui dall’euro. Perché Facebook gli avrà dato una moneta. Altro che tornare alla liretta. Loro avranno la libra. Non una cripto valuta, ma moneta solida, dietro ci sono fondi americani”.

Gianluigi Paragone

La Tav. “Quando nel 2030 sarà realizzata non ci servirà più. Amazon consegnerà le merci con droni”. Tanto per volare alto su un argomento piuttosto spinoso per i 5 Stelle.


Condividi la notizia:
26 giugno, 2019

Caffeina 2019 ... Gli articoli

  1. “Hanno voluto colpire don Peppe Diana nel suo essere sacerdote...”
  2. "Un gatto non dice sciocchezze, non è intollerante, non è ridicolo e... non abbaia"
  3. "Nel silenzio delle parole c'è la grandezza del rapporto tra genitori e figli"
  4. Uno straordinario simbolo di libertà...
  5. "Metteremo a disposizione di tutti i libri di Massimo Bordin..."
  6. “La camorra uccide anche senza premere il grilletto”
  7. “Il Trono di Spade è la patria letteraria di questo tempo”
  8. "L'omicidio Moro è stata la fonte dei mali della politica d'oggi"
  9. "Sciascia? Attuale come Dante o Shakespeare”
  10. "Matteo Salvini se la fa sotto quando deve prendere di petto un potente..."
  11. "Quella volta che decisi di smettere di giocare per due tunnel di Messi..."
  12. "Nella scala etica che creiamo, alcuni valgono dieci e altri uno"
  13. "Non bisogna avere paura di essere liberi"
  14. "Le nuove generazioni prendono spunto dalla femminilità oggettivizzata"
  15. "Caffeina è un riferimento nazionale che dà speranza..."
  16. "C'è un ministro multifelpa che decide per tutti..."
  17. “Il conflitto di interessi è l’anticamera della corruzione”
  18. “Perché rinunciare a qualcosa? Prendi tutto, pagalo a rate! "
  19. "E' la storia di un eroe del nostro tempo che pensa di poter comprare un riscatto sociale"
  20. “L'eroina ti toglie ogni tipo di sensazione, di dolore, di sofferenza... come la morte”
  21. Lo sfortunato destino del soldato di Berlino Est che saltò il muro...
  22. “Può il più grande partito italiano passare di padre in figlio?"
  23. La militanza politica, il compagno Sallusti e Pelo superfluo...
  24. "La mia scelta di vita è ricaduta sui miei figli e ho avuto paura di non essere capita..."
  25. "E' puro terrorismo psicologico..."
  26. “Diversità e gentilezza, il mio viaggio insieme a mio figlio Nino affetto da autismo...”
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR