--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il sindaco Giovanni Arena ha partecipato alla festa per la fine del Ramadan assieme ai musulmani della città - Un momento storico - Con lui Mohamed Kdib, il presidente dell'associazione culturale che ha organizzato la giornata - FOTO E VIDEO

“La comunità islamica è parte integrante della nostra società”

di Daniele Camilli

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:


Viterbo – “La comunità islamica è parte integrante della nostra società”. Sono parole del sindaco di Viterbo, Giovanni Arena. E le ha dette ieri, per la festa dell’Eid, la fine del Ramadan. Celebrata in via dei campi scolastici, nel quartiere Santa Barbara. All’interno delle strutture di Arcangelo e Andrea Meschini.

Ramadan è il mese in cui si pratica il digiuno in commemorazione della prima rivelazione a Maometto. Uno dei pilastri dell’Islam. “Il mese – sta scritto nel testo sacro ai musulmani – in cui fu rivelato il Corano come guida per gli uomini e prova chiara di retta direzione e salvezza”.


Viterbo - La festa per la fine del Ramadan

Viterbo – La festa per la fine del Ramadan


Un momento storico per Viterbo. Perché ieri il sindaco della città dei papi ha partecipato alla festa portando il suo saluto. In veste di primo cittadino.


Viterbo - La festa per la fine del Ramadan

Viterbo – La festa per la fine del Ramadan


“Sono venuto con molto piacere – ha detto Arena -. Una giornata di entusiasmo e voglia di stare insieme. La comunità islamica è una realtà integrata nel nostro territorio. Ci sono addirittura delle famiglie che stanno qui da trent’anni, con figli adulti che lavorano. Ed è importante avere ottimi rapporti perché contribuiscono alla crescita del nostro territorio”.


Viterbo - Il sindaco Giovanni Arena

Viterbo – Il sindaco Giovanni Arena


Assieme ad Arena, il presidente dell’associazione culturale islamica di Viterbo, Mohamed Kdib, lavoratore algerino. Con lui tantissimi altri fratelli. Da una parte gli uomini, dall’altra le donne. In mezzo, a correre sui tappeti per la preghiera, i bambini, che giocano e saltano sulle spalle dei padri rivolti verso la Mecca. Gambiani, nord africani, yemeniti, mediorientali. In abiti tradizionali oppure no. C’è anche Marco Trulli, presidente di Arci Lazio.


Viterbo - Mohamed Kdib

Viterbo – Mohamed Kdib


“Con questa festa – ha spiegato Mohamed Kdib – abbiamo voluto mandare un segnale forte. La religione non è mai un ostacolo per costruire una società migliore di cui facciamo parte anche noi. Siamo onorati per la partecipazione del sindaco Arena. E un ringraziamento particolare alla questura di Viterbo che ci mette sempre nelle condizioni di realizzare i nostri eventi”.


Viterbo - La festa per la fine del Ramadan

Viterbo – La festa per la fine del Ramadan


Operai, braccianti, studenti. Insieme. Senza alcuna differenza. Pronti ad accogliere chiunque. Per una festa che diverse organizzazioni islamiche in Italia hanno deciso di dedicare a Papa Francesco. Per ringraziarlo del coraggio e la concretezza nel portare avanti il dialogo e la conoscenza. Contro ogni forma di discriminazione religiosa.


Viterbo - La festa per la fine del Ramadan

Viterbo – La festa per la fine del Ramadan


“Stiamo celebrando la fine del mese di Ramadan – ha proseguito Mohamed Kdib -. Trenta giorni di digiuno. Una volta finito facciamo una festa. Il momento in cui si radunano tutti i musulmani. Un giorno di gioia. Perché è finito il mese e perché una volta nell’aldilà, Allah ci ricompenserà in Paradiso”.


Viterbo - La festa per la fine del Ramadan

Viterbo – La festa per la fine del Ramadan


Le scarpe si lasciano all’ingresso dei campetti. Il luogo è sacro. Il sindaco passa in mezzo alle persone, che lo accolgono e lo applaudono. E’ sincero, felice di far parte di questo momento. Resta più del dovuto. Ha altri impegni istituzionali, ma sta lì, anche per la foto di gruppo. Si intrattiene con tutti, chiunque gli chieda qualcosa. I bambini lo tirano per la giacca. Il momento è importante. Quello in cui non arrendersi. Guardando al futuro. Senza odi, frustrazioni, rancori. Senza indifferenza.


Viterbo - La festa per la fine del Ramadan

Viterbo – La festa per la fine del Ramadan


“Per me è un onore stare qui insieme a voi – ha sottolineato Arena parlando alle persone che aveva di fronte -. Voi siete una realtà nostra, locale. E dovete sempre di più cercare di coinvolgere gli abitanti di Viterbo. Siete brava gente che vuole contribuire a far crescere questa città. E voglio essere insieme a voi non solo oggi, ma anche per la giornata del sacrificio”. Altra fondamentale festa islamica.


Viterbo - La festa per la fine del Ramadan

Viterbo – La festa per la fine del Ramadan


Il mese è iniziato domenica 5 maggio e si è chiuso lunedì 3 giugno. Una trentina di giorni nel corso dei quali i musulmani si astengono dal consumo di cibi e bevande, dal fumare e dalla pratica di attività sessuali. I fedeli sono inoltri invitati all’astinenza da comportamenti peccaminosi come ad esempio i peccati di parola oppure le azioni violente, eccezion fatta per la legittima difesa. Cibo e bevande sono servite giornalmente prima dell’alba e dopo il tramonto in pasti chiamati rispettivamente suḥūr e ifṭār.

Durante questo periodo, il digiuno include infine la recita delle preghiere (Ṣalāt), la lettura del Corano e un crescente impegno nelle opere di bene e nella carità.

Buona festa di Eid. Buon fine Ramadan.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: La festa la per fine del Ramadan – Video: La comunità islamica viterbese

Articoli: Arci Viterbo: “La fine del Ramadan è un’occasione di incontro con altre culture e religioni”


 


Condividi la notizia:
5 giugno, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. Por la libertad de Josè Pacella - Per la libertà di Josè Pacella
  2. "L'Islam è amore per la vita"
  3. Le strade che raccontano la memoria di chi non c'è più
  4. "Pasquinelli e Carloni si devono subito dimettere..."
  5. Il turismo "dimezzato" della città dei papi
  6. "Io e mio figlio siamo vivi per miracolo..."
  7. Sfiorata la strage di mamme e bambini
  8. Commercio, la "strage" di via Saffi
  9. Centoquarantadue soldati francesi sepolti "gloriosamente" lungo la Cassia...
  10. "Possiamo finalmente riavere la nostra libertà..."
  11. "Siamo intrappolati in casa da settimane per colpa di un ascensore..."
  12. "Il fuoco sembrava come una mietitrebbia..."
  13. A cena con i briganti ai piedi di Montefogliano...
  14. "Gli immigrati ci danno lavoro, mancano invece i servizi e il quartiere è dimenticato..."
  15. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  16. Le porte della città vanno di male in peggio...
  17. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  18. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  19. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  20. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  21. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  22. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  23. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  24. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  25. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  26. "Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone"
  27. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  28. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  29. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  30. Benvenuti nella savana
  31. "E' un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile"
  32. La battaglia di Ferento
  33. Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono
  34. La città invasa dall'erba...
  35. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  36. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  37. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  38. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  39. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  40. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  41. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  42. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  43. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  44. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  45. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  46. "Il tempo com'è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella..."
  47. La "faccia" sporca della città
  48. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  49. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  50. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  51. "Frammenti di vita per riuscire a stare insieme..."
  52. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  53. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR