--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il presidente della commissione d'inchiesta, Giuseppe Fioroni, a Caffeina Festival durante la presentazione del libro dello storico Miguel Gotor

“L’omicidio Moro è stata la fonte dei mali della politica d’oggi”

Condividi la notizia:

Viterbo - Caffeina - La presentazione del libro di Miguel Gotor

Viterbo – Caffeina – La presentazione del libro di Miguel Gotor

Giuseppe Fioroni

Giuseppe Fioroni

Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli

Miguel Gotor

Miguel Gotor

Viterbo - Caffeina - La presentazione del libro di Miguel Gotor

Viterbo – Caffeina – La presentazione del libro di Miguel Gotor

Viterbo – Giuseppe Fioroni ne è sicuro: “Il caso Moro è la fonte di tutti i mali della politica di oggi”. L’ex parlamentare del Pd è intervenuto al festival Caffeina durante la presentazione del libro dello storico Miguel Gotor “Io ci sarò ancora, il delitto Moro e la crisi della Repubblica”.

Fioroni è anche il presidente della commissione parlamentare d’inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro. “La vicenda Moro – dice – è stata un gran depistaggio, e con la commissione abbiamo contribuito a ristrutturarla. Per anni è stata offuscata, nascosta e resa complessa dalla spasmodica ricerca del massimo scoop che desse una svolta al caso. Ci si è costruito su un giallo e della fantapolitica, fino al raggiungimento della convinzione che non se ne sarebbe mai venuti a capo e quindi bisognava lasciarla stare”.

Fioroni durante il suo intervento mette in discussione il memoriale degli ex brigatisti Valerio Morucci e Adriana Faranda sull’agguato di via Fani del 16 marzo del ’78, che per anni è stata la verità ufficiale. “È stato il frutto – sostiene Fioroni – di una trattativa Stato-Br, in cui è stato scritto ciò che ha fatto comodo a pochi ma che alla fine è servito a molti”.

Per il presidente della commissione Moro, “il corso della storia poteva essere cambiato. Non era difficile – conclude – ipotizzare che nel mirino delle Brigate Rosse c’era Moro, perché era l’architrave della democrazia. Andava difeso, ma c’è stata una sottovalutazione. Bastava dargli, ad esempio, un’auto blindata”.

L’incontro è stato moderato da Giacomo Barelli e ha visto la partecipazione del magistrato Gian Carlo Caselli, che nella sua carriera si è occupato del terrorismo delle Br e ha scritto la prefazione al libro di Miguel Gotor. Nel suo intervento ha ricordato il processo di Torino alle Brigate Rosse. “Iniziò nel ’78 – racconta -, ma era già stato rinviato due volte. Nel 1976, dopo l’assassinio del procuratore generale di Genova Francesco Coco, e nel ’77, dopo l’assassinio del presidente degli avvocati torinesi Fulvio Croce che si era impegnato per la difesa d’ufficio. Per le Br, la rivoluzione non si processava e la lotta armata non si condannava. E queste non erano solo parole ma convinzioni profonde, e scatenarono la guerriglia. Durante il processo ci sono stati attentati, gambizzazioni e omicidi, con l’aula di Torino che è stata usata come cassa di risonanza. Ci sono state difficoltà nella composizione della giuria popolare e i brigatisti non volevano essere difesi, nemmeno da avvocati d’ufficio. Durante il processo è stato anche rivendicato il sequestro di Moro e l’assassinio della scorta. Con la sentenza, è prevalsa la democrazia ed cominciato il declino politico delle Br”.

Per Caselli, il “secondo fallimento politico delle Br è stato il sequestro di Moro. Perché – spiega – a quel punto volevano un riconoscimento politico che non hanno mai avuto e volevano la guerriglia armata ma nessuno dei loro oppositori ha mosso un dito. Non si realizzò nulla delle loro intenzioni e incominciò la crisi. Ovunque venivano fatte assemblee sulla realtà del terrorismo e si arrivò alla convinzione che non era solo un nemico delle vittime e delle loro famiglie ma di tutti, perché il terrorismo metteva a rischio la convivenza civile. Così è iniziato l’isolamento politico dei terroristi”.

Infine, Miguel Gotor ha parlato del suo libro. “È una raccolta di 22 miei articoli di giornale pubblicati tra il 2008 e il 2009 e nel 2018. Dall’agguato di via Fani in poi, senza però trattare della morte di Moro. Se le Br avessero voluto uccidere Moro, l’avrebbero fatto subito. Ma lo rapiscono, e il sequestro del ‘sovrano’ è cosa molto rara nella storia occidentale. Moro deteneva un grandissimo potere: dagli anni ’60 era stato più volte presidente del consiglio, poi ministro degli Esteri e infine sarebbe diventato anche presidente della Repubblica. Il rapimento è avvenuto affinché le Br potessero destabilizzare il quadro politico e istituzionale dell’Italia”.


Condividi la notizia:
30 giugno, 2019

Caffeina 2019 ... Gli articoli

  1. “Hanno voluto colpire don Peppe Diana nel suo essere sacerdote...”
  2. "Un gatto non dice sciocchezze, non è intollerante, non è ridicolo e... non abbaia"
  3. "Nel silenzio delle parole c'è la grandezza del rapporto tra genitori e figli"
  4. Uno straordinario simbolo di libertà...
  5. "Metteremo a disposizione di tutti i libri di Massimo Bordin..."
  6. “La camorra uccide anche senza premere il grilletto”
  7. “Il Trono di Spade è la patria letteraria di questo tempo”
  8. "Sciascia? Attuale come Dante o Shakespeare”
  9. "Matteo Salvini se la fa sotto quando deve prendere di petto un potente..."
  10. "Quella volta che decisi di smettere di giocare per due tunnel di Messi..."
  11. "Nella scala etica che creiamo, alcuni valgono dieci e altri uno"
  12. "Non bisogna avere paura di essere liberi"
  13. "Le nuove generazioni prendono spunto dalla femminilità oggettivizzata"
  14. "Caffeina è un riferimento nazionale che dà speranza..."
  15. "C'è un ministro multifelpa che decide per tutti..."
  16. “Il conflitto di interessi è l’anticamera della corruzione”
  17. “Perché rinunciare a qualcosa? Prendi tutto, pagalo a rate! "
  18. "E' la storia di un eroe del nostro tempo che pensa di poter comprare un riscatto sociale"
  19. “L'eroina ti toglie ogni tipo di sensazione, di dolore, di sofferenza... come la morte”
  20. Lo sfortunato destino del soldato di Berlino Est che saltò il muro...
  21. Gianluigi Paragone: "Non farò carriera politica..."
  22. “Può il più grande partito italiano passare di padre in figlio?"
  23. La militanza politica, il compagno Sallusti e Pelo superfluo...
  24. "La mia scelta di vita è ricaduta sui miei figli e ho avuto paura di non essere capita..."
  25. "E' puro terrorismo psicologico..."
  26. “Diversità e gentilezza, il mio viaggio insieme a mio figlio Nino affetto da autismo...”
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR