--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Vejano - Assolti in due, erano accusati di tentata estorsione

Non minacciarono due pastori con l’ascia per farsi dare le pecore

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - Palazzo di giustizia

Viterbo – Palazzo di giustizia

Vejano – Non minacciarono due pastori con l’ascia per farsi dare le pecore. Assolti due romeni accusati di tentata estorsione ai danni di due connazionali nelle campagne della Bassa Tuscia.

I fatti risalgono a una domenica mattina d’autunno di quasi quattro anni fa. Era l’8 novembre 2015 quando gli imputati, un 38enne e un 44enne, secondo l’accusa si sarebbero presentati nell’azienda casearia dove lavorava un loro connazionale come pastore e avrebbero immobilizzato il padre del pastore e il pastore stesso, minacciandoli con un’ascia e chiedendo la consegna di alcuni ovini.

La coppia, dopo qualche giorno, è stata denunciata a piede libero per tentata estorsione, minacce e porto abusivo di oggetti atti a offendere. Reati gravi, per i quali sono stati chiamati a difendersi davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei.

I due uomini, assistiti dagli avvocati Stefania Sensini e Ada Baiocchini, ieri sono stati assolti su richiesta sia della difesa che dello stesso pubblico ministero Stefano D’Arma. 

– Minacciano con l’ascia due pastori per avere le pecore

 


Condividi la notizia:
19 giugno, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR