--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Caffeina - Gianluigi Paragone ha presentato ieri sera il suo ultimo libro

“Perché rinunciare a qualcosa? Prendi tutto, pagalo a rate! “

di Silvia Nizzoli – Tusciaweb academy
Condividi la notizia:

Caffeina - Gianluigi Paragone

Caffeina – Gianluigi Paragone

Caffeina - Gianluigi Paragone

Caffeina – Gianluigi Paragone

Caffeina - Gianluigi Paragone

Caffeina – Gianluigi Paragone

Caffeina - Gianluigi Paragone

Caffeina – Gianluigi Paragone

Caffeina - Gianluigi Paragone

Caffeina – Gianluigi Paragone

Viterbo –  “I prodotti finanziari sono diventati prodotti come gli altri e le banche si affidano ormai a esperti di marketing per pubblicizzarli”. Partendo dalle stesse pubblicità delle banche e dal loro ingannevole messaggio, Gianluigi Paragone ieri sera ha presentato a Caffeina il suo ultimo libro, La vita a rate, edito da Piemme.

Il giornalista, che è stato vicedirettore del quotidiano Libero e poi di Rai1 e Rai2 e che dal 2013 ha condotto La Gabbia su La7, mette in evidenza come il termine “debito” sia sempre più usato. Il mondo della finanza sta spingendo sempre più a un progressivo indebitamento. “Ma se poi qualcosa inizia ad andare male – afferma Paragone – la colpa è solo tua che hai voluto tutto senza poterlo mantenere. Si perdono i diritti in questo modo. E non c’è più nessuna battaglia in difesa del lavoro. Non c’è più il concetto di lotta di classe. Il lavoro così si svilisce. Con l’occupazione ci si fanno le statistiche. Con il lavoro, invece, stai dentro la costituzione”.

Non manca una domanda sul nuovo incarico politico: “È pentito di aver accettato?”. Dal 2018, infatti, è stato eletto senatore con il M5s. E Paragone risponde: “No, non sono pentito, anche se è solo una fase. Il bello di questo incarico, su invito del M5s, è che non diventerò un politico di professione. È un’esperienza. Che sta dentro anche alla grammatica del movimento. Al massimo si possono fare due legislature e poi tornare alla tua vita”. 

E poi aggiunge: “Io vengo da un’esperienza di scoutismo. Baden-Powell diceva “lascia il posto migliore di come l’hai trovato”, e io l’eco di questa esperienza lo ritrovo un po’ nello spirito con cui il movimento propone le candidature. Tu porti la tua testimonianza dentro le istituzioni, per poi riuscirne”.

Un altra domanda: “Tendenzialmente veniamo descritti come un grande popolo di risparmiatori. Ma attualmente quanto sono indebitati gli italiani?”

“Sono indebitati tanto e si stanno indebitando sempre di più – spiega Paragone-. Perché l’inganno è questo: non intaccare i tuoi risparmi. Ti diamo la possibilità di prendere quello che vuoi ma devi pagarlo a rate”.

È così che Paragone ribadisce ancora quanto sia potente il grande inganno della modernità: “Ti costruiscono l’indebitamento con le stesse tecniche di marketing di un qualsiasi prodotto. Ma quando tu non riesci più a pagare, diventi un “cattivo pagatore”. Cattivo deriva dal latino “captivus”, cioè prigioniero. La vittima viene così colpevolizzata: ha voluto vivere al di sopra delle sue possibilità e dunque per questo è colpevole”.

In chiusura poi, alla domanda su quali potrebbero essere le vie per frenare questa spirale debitoria risponde che “pur essendo il mondo finanziario più forte anche di quello politico, l’unico modo per contrastare questa situazione è quello di usare la consapevolezza come un’arma”.

E infine.

“Io non voglio fermare la finanza né la modernità – afferma Paragone –. Già essere consapevoli di regole e di possibilità, già sapere cosa ti può accadere se ti franasse tutto addosso, è un passo verso la soluzione. Oggi attaccare un politico è più facile che attaccare il mondo finanziario. Quando riesci a farlo poi – e con la gabbia ci eravamo riusciti bene – diventi pericoloso”.

Silvia Nizzoli – Tusciaweb academy


Condividi la notizia:
26 giugno, 2019

Caffeina 2019 ... Gli articoli

  1. “Hanno voluto colpire don Peppe Diana nel suo essere sacerdote...”
  2. "Un gatto non dice sciocchezze, non è intollerante, non è ridicolo e... non abbaia"
  3. "Nel silenzio delle parole c'è la grandezza del rapporto tra genitori e figli"
  4. Uno straordinario simbolo di libertà...
  5. "Metteremo a disposizione di tutti i libri di Massimo Bordin..."
  6. “La camorra uccide anche senza premere il grilletto”
  7. “Il Trono di Spade è la patria letteraria di questo tempo”
  8. "L'omicidio Moro è stata la fonte dei mali della politica d'oggi"
  9. "Sciascia? Attuale come Dante o Shakespeare”
  10. "Matteo Salvini se la fa sotto quando deve prendere di petto un potente..."
  11. "Quella volta che decisi di smettere di giocare per due tunnel di Messi..."
  12. "Nella scala etica che creiamo, alcuni valgono dieci e altri uno"
  13. "Non bisogna avere paura di essere liberi"
  14. "Le nuove generazioni prendono spunto dalla femminilità oggettivizzata"
  15. "Caffeina è un riferimento nazionale che dà speranza..."
  16. "C'è un ministro multifelpa che decide per tutti..."
  17. “Il conflitto di interessi è l’anticamera della corruzione”
  18. "E' la storia di un eroe del nostro tempo che pensa di poter comprare un riscatto sociale"
  19. “L'eroina ti toglie ogni tipo di sensazione, di dolore, di sofferenza... come la morte”
  20. Lo sfortunato destino del soldato di Berlino Est che saltò il muro...
  21. Gianluigi Paragone: "Non farò carriera politica..."
  22. “Può il più grande partito italiano passare di padre in figlio?"
  23. La militanza politica, il compagno Sallusti e Pelo superfluo...
  24. "La mia scelta di vita è ricaduta sui miei figli e ho avuto paura di non essere capita..."
  25. "E' puro terrorismo psicologico..."
  26. “Diversità e gentilezza, il mio viaggio insieme a mio figlio Nino affetto da autismo...”
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR