--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - E' quello che si vede visitando il più grande parco cittadino - FOTO e VIDEO

Pratogiardino Lucio Battisti nel degrado e nel più completo abbandono

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – Tanto rumore per nulla. E’ proprio il caso di dire. Pratogiardino liberato da tossici e spacciatori. Pratogiardino ora completamente abbandonato e nel degrado.

Basta farci un giro. Persino le oche escono dal laghetto e vanno a spizzicare il cibo in mezzo a pozzanghere e fratte. Le prima le ha lasciate la pioggia di maggio, che non ha smesso un secondo. Il secondo l’incuria, di chi dovrebbe dargli una pulita e non lo fa. Come del resto in quasi tutta quanta la città.



Viterbo - L'abbandono di Pratogiardino Lucio Battisti

Viterbo – L’abbandono di Pratogiardino Lucio Battisti


Pratogiardino è dedicato a Lucio Battisti, il cantautore. Risale però al Trecento per diventare, alla fine dell’Ottocento, un vero e proprio monumento al Risorgimento. All’ingresso c’è Giuseppe Mazzini, un busto tirato su a spese del II circolo operaio mazziniano alla fine del XIX secolo per celebrare la repubblica e i suoi miti, con in fasci siciliani in corso. A destra e sinistra, Garibaldi, celebrato come “L’eroe dei due mondi” e Camillo Benso di Cavour. Alle spalle di Mazzini Vittorio Emanuele II, il re che ha unito l’Italia.


Viterbo - L'abbandono di Pratogiardino Lucio Battisti

Viterbo – L’abbandono di Pratogiardino Lucio Battisti


Un monumento, anche per come sono distribuite le statue, dedicato all’ala più radicale del movimento risorgimentale che si inserisce lungo una traiettoria verde, e liberty, che da villa Brannetti, complesso settecentesco che sta alle spalle di pratogiardino, passa appunto per il prato e viale Trieste fino alla Quercia.


Viterbo - L'abbandono di Pratogiardino Lucio Battisti

Viterbo – L’abbandono di Pratogiardino Lucio Battisti


Un prato diventato savana. L’erba è alta e dappertutto. S’inerpica su per i monumenti e sta ormai per invadere completamente i piazzali di ghiaia. In mezzo anche i resti di un albero tirato giù da un fulmine. E’ il parco pubblico cittadino più importante di Viterbo. Sotto i monumenti a Mazzini e Vittorio Emanuele due scritte di benvenuto, fatte con piante diventate irriconoscibili. Sotto al primo stava scritto “Città di Viterbo”, sotto al secondo l’anno in corso. La prima scritta non si legge più. La seconda a malapena. E quel poco che si vede riporta l’anno 2017. Indietro di due. Metafora d’una città.


Viterbo - L'abbandono di Pratogiardino Lucio Battisti

Viterbo – L’abbandono di Pratogiardino Lucio Battisti


La zona nasce come area verde della Dogana del patrimonio. Successivamente parte della Rocca Albornoz e utilizzato per esercitazioni militari, tra il ‘400 e la fine del ‘700 passa di mano in mano tra le famiglie Monaldeschi, Gatti, Baglioni, Marsciano, Chigi-Montoro e Ubaldino-Renzoli che lo utilizzarono invece come pascolo per il bestiame. Fra le specie arboree presenti, leccio e platano sono le più rappresentate. Ci sono poi ippocastani, aceri, cipressi, oleandri, pungitopo e ligustri. Una bellezza storica e naturalistica.


Viterbo - L'abbandono di Pratogiardino Lucio Battisti

Viterbo – L’abbandono di Pratogiardino Lucio Battisti


In giro per pratogiardino, in tarda mattinata, ma un paio d’ore buone prima di pranzo, non c’è quasi nessuno. Le giostre deserte e il bar interno chiuso. Abbandonata a se stessa anche la vecchia pista di pattinaggio. Crepe sul pavimento e foglie ammassate ai lati. 

Pratogiardino liberato dagli spacciatori ma lasciato morire.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: Il degrado di Pratogiardino Lucio Battisti – Video: L’abbandono di Pratogiardino


Condividi la notizia:
2 giugno, 2019

Reportage 2 ... Gli articoli

  1. Por la libertad de Josè Pacella - Per la libertà di Josè Pacella
  2. "L'Islam è amore per la vita"
  3. Le strade che raccontano la memoria di chi non c'è più
  4. "Pasquinelli e Carloni si devono subito dimettere..."
  5. Il turismo "dimezzato" della città dei papi
  6. "Io e mio figlio siamo vivi per miracolo..."
  7. Sfiorata la strage di mamme e bambini
  8. Commercio, la "strage" di via Saffi
  9. Centoquarantadue soldati francesi sepolti "gloriosamente" lungo la Cassia...
  10. "Possiamo finalmente riavere la nostra libertà..."
  11. "Siamo intrappolati in casa da settimane per colpa di un ascensore..."
  12. "Il fuoco sembrava come una mietitrebbia..."
  13. A cena con i briganti ai piedi di Montefogliano...
  14. "Gli immigrati ci danno lavoro, mancano invece i servizi e il quartiere è dimenticato..."
  15. "La morte di Joshua richiama tutti alle nostre responsabilità..."
  16. Le porte della città vanno di male in peggio...
  17. "Avrei voluto una famiglia e dare ai miei figli tutto ciò che io non ho avuto..."
  18. "Abbiamo voluto riscattare le ex Terme Inps..."
  19. "Scegliamo di essere migliori perché si è scelto di amare..."
  20. "Dedicheremo il prossimo anno scolastico a Joshua Anyanwu..."
  21. "I soldi non ci sono... e i saldi non funzionano"
  22. Il Lazio tra le regioni con il più alto numero di morti sul lavoro, la Tuscia tra le province
  23. Vanno salvati gli affreschi dimenticati di Santa Maria delle Fortezze
  24. Venticinque milioni e mezzo di "tasse occulte" nella Tuscia
  25. Torna alla luce un fontanile del XVI secolo
  26. "Il festival di Modena avrebbe fatto meglio a invitare altre persone"
  27. Sotto "controllo" il cantiere di Belcolle
  28. "Una volta lavoravano marito e moglie, adesso la crisi si è ripresa tutto..."
  29. "Alla fine ce l'hanno cavata!"
  30. Benvenuti nella savana
  31. "E' un mese che siamo senza gas e mio marito è disabile"
  32. "La comunità islamica è parte integrante della nostra società"
  33. La battaglia di Ferento
  34. La città invasa dall'erba...
  35. "Le fontane erano il simbolo del buon funzionamento del comune"
  36. "Sui diritti umani non si può abbassare la guardia"
  37. Il tempo delle ciliegie vince quello della pioggia
  38. Gli studenti del Ruffini "processano" la violenza di genere
  39. "Viviamo in un paese dove associazioni a delinquere fasciste tentano di dividere i poveri..."
  40. "Sono quattro mesi che siamo "carcerati"..."
  41. Piazza del comune gremita per costruire una città migliore
  42. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  43. "Mezzetti ha offeso le forze armate, ha fatto bene il generale Riccò a lasciare la cerimonia"
  44. "Se non mi spiegano dove ho offeso l'esercito, sono dei cialtroni e dei mascalzoni..."
  45. "C'hanno messo una crocetta e quel tedesco sul terreno nostro è sotterrato..."
  46. "Il tempo com'è, bono o cattivo, noi venimo sempre qui da Pucciarella..."
  47. La "faccia" sporca della città
  48. Una linea d'abbigliamento e un logo per rafforzare l'identità della scuola
  49. La Pasqua al rallentatore nella città dei papi
  50. La processione del Cristo morto illumina Bagnaia
  51. "Frammenti di vita per riuscire a stare insieme..."
  52. "Chi ha fatto del male pagherà..."
  53. "Va fatto un restauro complessivo di tutte le fontane storiche e monumentali"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR